• Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti ad ARGAV Veneto e ricevere le news per e-mail.

    Unisciti agli altri 147 follower

  • Post più letti

  • Archivio articoli

Nuovo CdA e nuove sfide per Consorzio di difesa delle attività agricole di Treviso

Valerio Nadal, Ampelio Dal Pos, Pietro Bernardi, Lucio Campagnola, Gianfranco Tomasi, Davide Marcuzzo, Luigi Fabian, Pierluca Bonicelli, Pasquale Piva, Domenico Marcoliin e Angelo Modolo sono gli 11 consiglieri che compongono il nuovo Consiglio di Amministrazione di Condifesa (Consorzio Difesa Attività Agricole) di Treviso. A comporre il nuovo collegio sindacale, i 3 sindaci effettivi Michele Genovese, Giampaolo Casarin e Sonia Speronello affiancati da Giuseppe Fabiane e Paolo Fabbro eletti come Sindaci Supplenti. I primi di maggio 2012,il Cda neoeletto eleggerà al suo interno il nuovo Presidente.

Danni in agricoltura. “Il momento che l’agricoltura sta vivendo non è dei più facili – è intervenuto il Presidente del Condifesa Treviso Valerio Nadal al termine del dibattito – ma ci sono diverse cose che possiamo fare ed iniziative che noi in quanto consorzio abbiamo avviato. Bisogna sburocratizzare il sistema che sta soffocando le imprese, non solo perché sono necessari diversi adempimenti per ottenere l’erogazione dei contributi per le aziende danneggiate, ma anche perché la burocrazia è impietosa e per un nonnulla spesso gli agricoltori rischiano di perdere il contributo pubblico. Per questo noi come Co.Di.TV ci facciamo garanti da anni presso gli agricoltori soci e le istituzioni delle procedure di stipula e riscossione delle polizze. Ma non ci siamo fermati a questo, abbiamo attivato diversi fondi mutualistici regionali ed interregionali contro le calamità, perché abbiamo preso coscienza da trempo che nel futuro dell’agricoltura andrà diminuendo l’impegno delle istituzioni e quindi ci rimbocchiamo le maniche e troviamo soluzioni alternative ed efficaci per le nostre imprese.”

Accesso al credito e fitofarmaci. Un’impegno, quello del Condifesa Treviso, che è stato riconosciuto dalle associazioni presenti in sala che hanno lanciato anche altri temi quali quello della sicurezza del credito e quello spinoso della tutela ambientale, della salute umana e dell’uso dei fitofarmaci. “Stiamo lavorando anche a nuovi strumenti per rendere certo il credito agli agricoltori – ha proseguito Valerio Nadal – perché oggi i mancati pagamenti stanno metteno in ginocchio diverse imprese, ma siamo anche impegnati da sempre sul fronte di un utilizzo attento dei fitofarmaci. Dal 1988 con la nostra rete agrometeorologica, la più grande d’Europa, monitoriamo attentamente l’andamento geoclimatico della nostra provincia diramando bollettini puntuali sui trattamenti fitoiatrici da effettuare. Così facendo riduciamo ogni anno di ben 70 tonnellate le sostanze attive distribuite nei campi con un risparmio di circa 5 milioni di euro. Basti pensare che solo il comparto vitivinicolo, che è quello più esteso nella nostra provincia, ha ridotto del 25%-27% l’utilizzo di agrofarmaci, migliorando altresì i mezzi di distribuzione.”

Altre attività del Consorzio. Inoltre il Condifesa Treviso Co.Di.TV ha collaborato attivamente alla stesura del Regolamento di Polizia Rurale che coinvolge i 15 comuni della Docg Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore e al Protocollo Viticolo della Docg. Ogni anno, da sei anni, il Consorzio raccoglie oltre 20 multinazionali produttrici di agrofarmaci a Conegliano nell’unico Forum Fitoiatrico Interregionale che permette agli agricoltori di confrontarsi direttamente con le aziende, verificando i progressi nell’ambito dell’impatto ambientale e dell’efficiacia in agricoltura dei prodotti, nonché aggiornando gli imprenditori stessi sulle ultime novità di mercato. “Stiamo facendo sforzi importanti – ha concluso il Presidente Nadal – ed abbiamo intenzione di proseguire su questa strada rafforzando la logica di sistema che abbiamo intrapreso collaborando con i Consorzi delle altre province venete e con quelle del Friuli Venezia Giulia per risolvere insieme in modo efficace problemi concreti dei nostri agricoltori. Intendiamo inoltre realizzare un rapporto di collaborazione sempre più stretta con le sitituzioni, perché questo è l’unico modo per salvaguardare e far crescere l’agricoltura di casa nostra.”

(Fonte: CO.DI.TV.)

Venerdì 27 aprile 2012 ad Abano Terme (PD) si parla di bachicoltura, a moderare l’incontro il socio ARGAV Maurizio Previati

Venerdì 27 aprile p.v., alle ore 17:30, presso l’Hotel Venezia (via Flacco 42) di Abano Terme (PD) è previsto l’ incontro, ad ingresso libero, “Nuove frontiere dell’entomologia. Il caso del baco da seta” organizzato da CRA-API (PD) e Museo Esapolis (PD).

Interventi. All’incontro, moderato dal giornalista ARGAV Maurizio Previati, parteciperanno Luciano Cappellozza (ex-direttore Sezione Specializzata per la Bachicoltura di Padova), che parlerà de “Il cammino del baco da seta dall’antichità ai nostri giorni. Storia di un’attività”, Ettore Marson (autore di “Una pagina inedita della ricerca scientifica tra XIX e XX secolo”), il cui intervento verterà su “L’enigma della diffusione di un’epidemia contagiosa del baco da seta in Europa”, Silvia Cappellozza (ricercatrice CRA-API, sede di Bachicoltura  di Padova) che parlerà delle “Nuove prospettive della bachicoltura: un panorama delle possibili applicazioni” ed Enzo Moretto (direttore Museo Esapolis, Padova) che interverrà su “Entomofagia: alternativa sostenibile per i fabbisogni alimentari della popolazione mondiale”.

(Fonte: CRA-API, Museo Esapolis)

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 147 follower