• Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti ad ARGAV Veneto e ricevere le news per e-mail.

    Unisciti agli altri 142 follower

  • Post più letti

  • Archivio articoli

La Commissione europea rinnova per il prossimo quinquennio l’incarico di sportello informativo Europe Direct a Veneto Agricoltura

logo 2009 EuropeDirect_VenetoLa Commissione europea ha rinnovato la Rete degli sportelli informativi Europe Direct per il periodo 2013-2017. Tra i 500 Centri selezionati (e cofinanziati) nei 27 Stati anche quello di Veneto Agricoltura, “Europe Direct Veneto”, un attestato di fiducia eloquente. E’ all’insegna di questo slogan, “una finestra sull’Europa”, che Europe Direct Veneto continuerà ad operare anche nei prossimi cinque anni con l’obiettivo di spiegare ai cittadini e alle imprese, comprese quelle agricole e rurali, quali sono le ripercussioni delle politiche europee a livello locale.

I compiti immediati di Europe Direct Veneto.  Comunicare l’evolversi dell’iter di avvicinamento al bilancio UE per il periodo 2014-2020, nonché la definizione della futura PAC (politica agricola europea), che rappresenta oggi un nodo difficile da sciogliere. Si dovrà, inoltre, sensibilizzare il pubblico in merito alle elezioni del Parlamento europeo del 2014 e contribuire al dibattito sul futuro dell’Europa, che a partire dal 1° luglio di quest’anno vedrà l’ingresso anche della Croazia.

48 i centri della Rete Europe Direct che operano in Italia. Il bando di selezione per il periodo 2013-2017 ha registrato un record di candidature in tutta Europa, in particolare in Italia (ben 170, il 24% in più rispetto al bando del 2009), a testimonianza dell’importanza che ormai riveste la Rete Europe Direct (coordinata dalla Direzione Generale Stampa e Comunicazione della Commissione europea) in tutte le Regioni europee. Dal responso della selezione risultano essere 48 i Centri che opereranno in Italia, dei quali due nel Veneto (Veneto Agricoltura e Comune di Venezia). Con la selezione dei 48 sportelli italiani della Rete Europe Direct, la Commissione europea ha assicurato una capillare copertura dell’intero territorio nazionale, grazie alla presenza di almeno un centro Europe Direct in ciascuna Regione e nelle Provincie autonome di Trento e Bolzano. Particolare attenzione è dedicata al Meridione dove Regioni come Sicilia e Campania (4 Centri ciascuna), Puglia e Calabria (3 centri) hanno il maggior numero di uffici Europe Direct. La Commissione europea – in una nota – ha fatto sapere che l’alto numero di candidature ha comportato una forte competizione e una serrata selezione. Anche per questo la conferma dello sportello di Veneto Agricoltura assume un significato particolarmente importante.

Formazione nelle scuole. Europe Direct Veneto, collocato presso l’Ufficio Stampa di Veneto Agricoltura, potrà così proseguire la sua pluriennale attività di informazione e animazione sulle politiche europee, in particolare agricole, rurali e ambientali. E’ grazie a questa intensa azione fatta di convegni, incontri nelle scuole, video-conferenze, pubblicazioni tematiche, newsletter, risposte a richieste di informazioni, ecc. sui grandi temi dell’UE che Europe Direct Veneto è divenuto un importante punto di riferimento per quanti, in tutta la Regione, intendono avvicinarsi e capire sempre di più l’Europa e le sue politiche. Inoltre, grazie alle decine di incontri attivati nelle scuole medie e superiori di tutto il Veneto negli ultimi sei anni con il progetto “L’Europa entra nelle scuole”, gli esperti dello sportello di Veneto Agricoltura hanno incontrato oltre 10.000 studenti. L’attività nelle scuole sta proseguendo anche in questi mesi con il coinvolgimento, tra gli altri, anche degli istituti agrari.

L’attività di informazione rappresenta comunque il fiore all’occhiello di Europe Direct Veneto. Il suo quindicinale “Veneto Agricoltura Europa” (che proprio quest’anno compie 25 anni) è divenuto uno strumento informativo prezioso per tutto il mondo agricolo e rurale. Come pure l’agile servizio di trasmissione di notizie flash via sms o le pubblicazioni della Collana dedicate a importanti tematiche europee (il Quaderno 14, pubblicato in questi giorni, affronta le questioni della sicurezza alimentare e della qualità dei prodotti agroalimentari).

(Fonte: Veneto Agricoltura)

La Pac dopo il 2013: ad Agripolis (Legnaro, Padova), il 18 novembre incontro-dibattito in diretta con Bruxelles

Si avvicina la data del 18 novembre, giorno in cui la Commissione europea presenterà la sua Comunicazione sul futuro della PAC dopo il 2013. Il dibattito si sta animando su alcune questioni chiave: mantenimento dei due Pilastri, riorganizzazione dei pagamenti diretti, implementazione delle politiche rurali e ambientali, ecc.  Anche Veneto Agricoltura, con il suo sportello Europe Direct Veneto, intende partecipare al dibattito in corso organizzando, in collaborazione con la Rappresentanza a Milano della Commissione europea e l’ARGAV, un evento al quale tutti sono invitati a partecipare.

Programma dell’incontro. L’appuntamento, fissato per le ore 11,30 di giovedì 18 novembre 2010 presso la sede centrale di Veneto Agricoltura (Agripolis) a Legnaro-Pd, prevede: breve introduzione dell’argomento; collegamento con Bruxelles per seguire in diretta (tramite la TV Europe By Satellite) la conferenza stampa di presentazione della Comunicazione da parte del Commissario europeo all’Agricoltura, Dacian Ciolos; collegamento in diretta con un rappresentante della Direzione Generale Agricoltura della Commissione europea, che commenterà a caldo i punti salienti della Comunicazione; discussione in sala con l’apporto di esperti. L’incontro si concluderà attorno alle ore 13,30. Gli interessati a partecipare all’iniziativa sono invitati a segnalarlo allo 049 8293716 oppure via e-mail.

Si segnala, infine, che presso lo sportello europeo di Veneto Agricoltura è disponibile una bozza (in lingua inglese) della Comunicazione della Commissione europea sul futuro della PAC. Gli interessati possono farne richiesta (tel. 049 8293716 oppure e-mail).

(fonte Europe Direct Veneto)

2011 anno delle foreste: scuola venete, tutte (virtualmente) in bosco!

foto Veneto Agricoltura

Tutti alla scoperta della Foresta del Cansiglio, di Val Montina nel bellunese, di Valle Vecchia a Caorle, di Bosco Nordio a Chioggia, dell’ecosistema del Monte Baldo e di altre aree di grande interesse naturalistico in gestione a Veneto Agricoltura. E’ questa la new entry tra i percorsi didattici proposti da Veneto Agricoltura alle scuole della Regione.

Attività didattiche per la scuola. D’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale, Veneto Agricoltura propone per l’anno scolastico 2010-2011 una serie di incontri di educazione naturalistica, ma anche, come già proposto negli anni passati, di educazione agroalimentare e all’Europa. Obiettivo del progetto “Attività didattiche per la scuola” è quello di illustrare la ricchezza del patrimonio naturalistico del Veneto, nonché l’importanza di una corretta alimentazione e il ruolo dell’Unione Europea e delle sue Istituzioni.

Esplorazione virtuale con qualche visita in loco. L’iniziativa si rivolge agli studenti delle scuole medie e superiori e comprende anche dei momenti formativi e di aggiornamento per gli insegnanti. Il nuovo percorso didattico di educazione naturalistica introduce gli studenti alla scoperta di alcuni siti ambientali veneti di importanza europea inseriti nella Rete “Natura 2000”. Gli esperti di Veneto Agricoltura condurranno così i ragazzi nell’esplorazione virtuale (ma sono previste anche visite in loco) di alcune tra le aree naturalistiche più belle del Veneto. Per gli studenti sarà un susseguirsi di scoperte di carattere storico, ambientale, naturalistico e geologico, in altre parole di tutti quegli elementi che fanno comprendere il grande patrimonio della biodiversità.

Come iscriversi. Gli incontri nelle scuole avranno una durata di circa un’ora e trenta e saranno gratuiti per un numero limitato di classi selezionate sulla base della priorità di iscrizione. Accanto agli itinerari educativi naturalistici, Veneto Agricoltura propone dei percorsi legati all’educazione agroalimentare (mangiare sano con i prodotti tipici del Veneto) e all’Europa, tenuti dagli esperti di Europe Direct Veneto, lo sportello europeo di Veneto Agricoltura. Info: tel. 049 8293760, oppure scaricare il catalogo con tutte le proposte didattiche per l’anno scolastico 2010-2011 collegandosi al sito di Veneto Agricoltura alla voce editoria.

(fonte Veneto Agricoltura)

Europe Direct Veneto: l’informazione agricola viaggia via SMS

Europe Direct Veneto ha avviato un servizio di informazione tramite la spedizione di SMS. Gli interessati possono ricevere gratuitamente sul proprio cellulare dei messaggini flash con brevissime notizie sulle politiche europee. Per aderire all’iniziativa è sufficiente segnalare a europedirect@venetoagricoltura.org il numero di cellulare al quale si desidera ricevere gli SMS, le tematiche che più interessano (UE in generale; agricoltura/quali comparti; PAC e sviluppo rurale; pesca; sicurezza alimentare; ambiente; energie rinnovabili; politiche regionali; ricerca e sviluppo; Eurobarometro e statistiche UE; politiche giovanili/istruzione/cultura; normative, bandi, ecc.), nonché l’autorizzazione all’invio degli SMS. Per informazioni: tel. 049 8293716.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 142 follower