• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Vino novello come simbolo di ripresa economica

“Avevamo deciso di mantenere il profilo basso rispetto all’alluvione, che ha allagato Vicenza ed ampie zone della sua provincia, dato che, questa volta, sono soprattutto i centri urbani ad essere colpiti. Il mondo agricolo si è messo immediatamente a disposizione per collaborare nel limitare le conseguenze di eventi drammatici ed esprime solidale vicinanza alle migliaia di persone, che hanno visto le loro case e le loro attività invase dall’acqua. Eppure, già in queste ore, le zone allagate hanno riacquistato un aspetto decoroso, segno di quella vitalità veneta che, paradossalmente, rischia di essere un limite nella “società del piagnisteo”.

E’ amaro il commento di Paolo Sordo, Direttore di Confagricoltura Vicenza, agli eventi di questi giorni. “Noi, invece, siamo orgogliosi di questa voglia di “rialzarsi” senza elemosinare ed è con questo spirito, con la capacità di guardare al futuro chiedendo però la dovuta attenzione ai drammi presenti, che vogliamo ricordare come, da sabato 6 novembre, sia possibile consumare il vino novello, che ci piace pensare, quest’anno, come simbolo della rinascita dopo l’alluvione. Infatti il Novello, pur essendo un settore minoritario nella produzione di vino vicentino, ne rappresenta comunque un ottimo strumento di promozione.

Dal 6 novembre, si potranno immettere in commercio le produzioni vinicole ottenute dalla macerazione carbonica dei grappoli interi, pratica che rende questo vino aromaticamente molto ricco, rispecchiando il vitigno dal quale deriva. “A questo punto della stagione – conclude Sordo – è possibile effettuare un primo bilancio a consuntivo della vendemmia 2010. Complessivamente si può riscontrare un bilanciamento tra le zone, con un andamento di raccolta delle uve e di trasformazione in vino nella media degli ultimi anni. La migliore qualità si sta registrando nei vini provenienti dalla trasformazione delle uve di collina e, in particolar modo, sono esaltate le qualità dei vini bianchi”.

(fonte Confagricoltura Vicenza)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: