• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

6 dicembre 2014, ad Ospedaletto Euganeo (Pd) si manifesta per un cibo sano per tutti, animali compresi

ogmAll’insegna del motto “un cibo sano per tutti (anche per gli animali)”, il Coordinamento Zero Ogm dà appuntamento ai cittadini sabato 6 dicembre 2014 ad Ospedaletto Euganeo (Pd) dalle 10 alle 14 davanti al mangimificio Veronesi per chiedere al gruppo di convertire tutte le sue filiere all’Ogm free e di garantire tracciabilità sui prodotti finiti (partenza da Padova, per info contattare AltrAgricoltura Nord Est tel. 049.7380587).

Produzione Ogm vietata in Italia, ma non in tutto il mondo. “In Italia – spiega una nota stampa del Coordinamento – mangiamo Ogm senza nemmeno saperlo. Gli Ogm arrivano sugli scaffali dei supermercati direttamente all’interno di prodotti di largo consumo o indirettamente, perché gli animali da cui derivano carne, latte, formaggio, uova e altri prodotti sono alimentati con mangimi che nell’80% dei casi contengono Ogm. Tra i principali attori di questo mercato c’è il Gruppo Veronesi, leader a livello nazionale nella produzione di mangimi, primo produttore avicolo in Europa e con i marchi Negroni e Montorsi tra le prime aziende nell’industria salumiera”.

La risposta del Gruppo Veronesi. Il 4 ottobre 2014, il Coordinamento Zero Ogm ha manifestato una prima volta davanti al mangimificio di Veronesi a San Pietro in Gù (Pd). Dopo la manifestazione, il Gruppo Veronesi ha inviato al Coordinamento una lettera, messa a nostra disposizione, in cui si specifica che: “Il Gruppo Veronesi non ha interessi di nessun tipo per quanto riguarda la coltivazione e la commercializzazione di soia e mais geneticamente modificati e che il Gruppo ripone piena fiducia nei processi decisionali della legislazione alimentare e nel fondamento scientifico dei regolamenti delle Istituzioni Europee orientati alla massima precauzione e tutela della salute e del benessere dei cittadini ed unanimamente riconosciuti come i più restrittivi del mondo”. “Le nostre aziende – continua la lettera – sono impegnate da oltre 50 anni nella produzione di carni avicunicole e di suino, uova, elaborati e offrono alimenti sani, sicuri e di alta qualità che rispettano scrupolosamente le normative europee. Per quanto riguarda tutti i prodotti elaborati contenenti ingredienti, il Gruppo garantisce che, “sulla base delle dichiarazioni dei nostri fornitori (come previsto dai regolamenti comunitari Reg. Cee 1829/2003 e 1830/2003) non sono costituiti, non contengono e non derivano da Ogm. Per quanto riguarda le carni avicole tal quale, siamo da tempo anche impegnati nella produzione di animali alimentati con mangimi che non derivano da Ogm fornendoli ai principali retailers italiani ed europei che ne fanno richiesta. A questo scopo, l’azienda dispone anche di un laboratorio in grado di assicurare, attraverso un sistema di verifiche analitiche, la possibile presenza di Dna modificati“. “Il Gruppo – conclude la lettera – continuerà nei prossimi anni a seguire l’evoluzione del tema attraverso il monitoraggio del gradimento del consumatore nei differenti mercati, la verifica della disponibilità di mais e soia non derivanti da Ogm, le indicazioni del mondo della ricerca scientifica e il dialogo continuo con i propri clienti e consumatori nel pieno rispetto delle norme nazionali e comunitarie”.

La controrisposta del Coordinamento. Il Coordinamento considera la risposta del gruppo Veronesi “evasiva, tanto da prefigurare l’impossibilità di qualsiasi confronto”. “Il Coordinamento – si legge nella nota stampa – è a conoscenza che il Gruppo Veronesi nel 2009, sentito dalle Commissioni 7° e 9° del Senato, ha dichiarato di importare 40 mila tonnellate di soia Ogm al mese e solo 9 mila tonnellate di soia free Ogm. In più, il Coordinamento ha acquisito una confezione di mangimi per vacche “lattifera 18 pallet” a marchio Veronesi dove nell’etichetta c’è scritto che contiene materiale Ogm. Questo significa che partecipa alla commercializzazione di materiale trasgenico, acquisendo prodotti transgenici sul mercato internazionale e vendendoli trasformati in mangimi. Di fronte a ciò, il Coordinamento Zero OGM ha deciso di intensificare le iniziative di mobilitazione. Pertanto, sabato 6 dicembre 2014, ribadirà le sue richieste al gruppo Veronesi, vale a dire: che vengano prese tutte le misure necessarie al fine di garantire tracciabilità e trasparenza sul prodotto finito, come la presenza di un’etichetta chiara che indichi la presenza di OGM nell’alimentazione degli animali o in qualsiasi altra componente di prodotto, la conversione delle filiere compromesse con gli OGM, con  l’obiettivo di costruire e mantenere una produzione sementiera Ogm free e una mangimistica totalmente Ogm free, rispettosa dell’ambiente e della salute umana  e animale. “La non risposta a queste domande – conclude il Coordinamento – porterà a pensare che mais e soia Ogm vengono utilizzati come base dell’alimentazione di tutti gli animali dai quali derivano i prodotti finiti del gruppo, prodotti che consideremo «a rischio Ogm» : Negroni, Aia, Wudi, Golosino, Aequilibrium, ecc.”.

Fonte: Coordinamento Zero Ogm

Annunci

Una Risposta

  1. […] in merito all’accaduto, il Coordinamento Zero Ogm, di cui in passato abbiamo ospitato le istanze, unitamente alla posizione dell’azienda veronese,  in una nota ufficiale afferma: “Il Coordinamento Zero OGM – Cibo Sano per Tutti, diffida […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: