• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Il marchio “Qualità Verificata” applicato a nuovi disciplinari di produzione

Qualità Verificata“Grazie a una delibera della Giunta regionale, il marchio ‘Qualità Verificata’ (QV) ha ampliato  il parterre dei prodotti mediante l’introduzione di nuovi disciplinari di produzione, quali il basilico (uso industriale), cicoria, cipolla (tipologie Borettana e Maggiolina), finocchio, pisello, prezzemolo, ravanello, scalogno, castagno da frutto, melograno, olivo (produzione di olive da olio), piccoli frutti, vite, barbabietola da zucchero, riso, tabacco, erba medica da foraggio e rosmarino”. A renderlo noto è l’assessore regionale all’agricoltura, Franco Manzato.

L’iniziativa ha una doppia finalità: orientare i consumatori verso prodotti agroalimentari più controllati e sostenere gli agricoltori impegnati a migliorare le tecniche di coltivazione e allevamento. Si tratta di un sistema aperto a tutti i produttori, che assicura tracciabilità completa nelle fasi di lavorazione. Il marchio individua un sistema di qualità istituzionale pubblico conforme alle normative dell’Unione Europea, includendo quei prodotti che hanno una qualità superiore rispetto alle norme commerciali correnti.

I quattro settori interessati sono: carne, lattiero–caseario, ortofrutta e prodotti ittici. I prodotti vegetali (ortofrutticoli, funghi, cereali ecc.) sono ottenuti nel rispetto dei principi della produzione integrata: un insieme di tecniche agronomiche e di difesa fitosanitaria orientate a mantenere la biodiversità, a proteggere l’ambiente e senza l’impiego di organismi geneticamente modificati (OGM), per garantire la salute dei consumatori. I prodotti zootecnici presentano dei requisiti di qualità superiore alle normative obbligatorie, specifici per ogni tipologia di prodotto e che qualificano le produzioni a marchio regionale. Dal 2009 a oggi sono stati approvati dalla Giunta regionale, dopo aver acquisito il parere delle Commissione consiliare competente, 66 disciplinari di produzione, tutti notificati alla Commissione europea ai sensi della Direttiva 98/34/CE.

Oltre 800 aziende agricole aderenti. Dal 2010 ad oggi hanno aderito al sistema regionale di qualità QV più di 800 tra aziende agricole, cooperative e organizzazioni di produttori, singole e organizzate in filiera. La compatibilità del sistema regionale con i due sistemi nazionali permetterà ai produttori veneti di poter aderire anche ai citati Sistemi Nazionali e di beneficiare di azioni di promozione per l’ingresso in nuovi mercati o per sviluppare nuove strategie distributive. Il prossimo obiettivo della Regione per lo sviluppo del Sistema di qualità QV sarà l’approvazione dei disciplinari di produzione per i prodotti trasformati (olio, salumi e insaccati, prodotti lattiero caseari, trasformati di cereali come la pasta, ecc.) ottenuti a partire da materie prime agricole certificate QV.

Fonte: Regione Veneto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: