• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

7 marzo-11 aprile 2015, a Venezia, l’arte contemporanea parla di cibo e agricoltura nella mostra “Portati dal Vento” e nelle performance “Fondi di Carciofo”

-1Dal 28 marzo all’11 aprile 2015 si terrà a Venezia, nello spazio espositivo Spiazzi,  la mostra personale dell’artista Giorgia ValmorriPortati dal Vento“, a cura di Silvia Petronici. L’esposizione, patrocinata dal comune di Venezia, affronta il rapporto con la natura e declina il linguaggio dell’arte contemporanea in azioni, performance e installazioni partecipative nelle quali il pubblico potrà riflettere, in un contesto di esperienza condivisa, sui temi di volta in volta sollevati.

L’arte contemporanea sarà chiamata in causa per parlare di agricoltura, relazione, cibo, esperienza, artificio e sentimenti. Tra i momenti d’interazione, c’è il progetto “Fondi di Carciofo”,  tre giornate performative con il collettivo artistico Panem Et Circenses per unire la riflessione sul cibo (dal punto di vista dell’interazione tra natura e cultura) all’arte contemporanea con azioni e interventi installativi finalizzati al coinvolgimento del pubblico: sabato 7 marzo è in programma l’esperienza arte e agricoltura, sabato 21 marzo si tratterà la relazione cibo/artificio e sabato 4 aprile si sposterà l’attenzione su relazione/sentimenti.

Il seme alla base del progetto artistico. A partire dal titolo, la mostra, la sua comprensione e fruizione prendono una direzione: tutto il progetto ha inizio intorno alla nozione di seme, al suo valore simbolico ma anche alla sua reale potenzialità creativa. L’artista insiste sulla speranza. Confida nella comprensione e nella cura. Con i suoi lavori e insieme al collettivo Panem Et Circenses, pone domande, si impegna per avviare nuove germinazioni, distribuisce semi e immagina giardini dove ognuno può ritrovare i suoi ricordi, godere della restituzione del suo dono.

Fonte: Associazione Culturale Spiazzi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: