Nel trevigiano, 4 incontri informativi (il primo stasera) per ridurre al minimo i fitosanitari in vigneto. Mal dell’esca, oggi si combatte senza chimica.

macchine irroratriciRidurre al minimo l’uso dei fitofarmaci in viticoltura è interesse di tutti: degli agricoltori, degli Enti Locali, come dei consumatori.  Primo passo verso pratiche agricole eco-sostenibili è l’informazione capillare e costante, sia sul fronte normativo che delle nuove tecnologie. Per questo Condifesa Treviso (Consorzio di Difesa Trevigiano) ha messo in campo una serie di appuntamenti informativi, realizzati in collaborazione con le amministrazioni locali cui prenderanno parte esperti del settore.

Si comincia lunedì 13 aprile, alle 20,30 a Susegana (Oratorio “Beata Giuliana”, via della Chiesa, 1). Un appuntamento promosso dai Comuni di Susegana, Mareno di Piave, Santa Lucia di Piave con Condifesa Treviso. Gabriele Zanchin, del Settore Fitosanitario Regione Veneto, spiegherà il nuovo Piano di Azione Nazionale (PAN) sull’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari e in particolare sul controllo funzionale delle macchine irroratrici e sulle distanze di rispetto dai corsi d’acqua e dei siti sensibili nell’utilizzo degli agrofarmaci. “Sul fronte delle nuove macchine irroratrici, dotate di sistemi anti-deriva e recupero del prodotto che non raggiunge la vegetazione e andrebbe altrimenti disperso in ambiente, Condifesa Treviso – spiega il presidente Valerio Nadalè da tempo impegnato per la loro diffusione. Attualmente se ne contano 200 (della versione bifila) in grado di intervenire sulla metà dei vigneti di pianura: significa aver dimezzato la quantità di agrofarmaci irrorati, le irroratrici a tunnel consentono infatti un risparmio fino al 50% nell’utilizzo dei prodotti trattanti. In ambito collinare, operano invece una decina di esemplari monofila a controllo elettronico”. Gli incontri tecnici in viticoltura proseguiranno il 20 aprile con l’appuntamento a Colle Umberto (relatore Davide Genovese di Progettonatura), il 27 aprile a Ponte di Piave, verso fine maggio a San Fior.

 Vecchie e nuove malattie del vigneto. Fiorello Terzariol, di Condifesa Treviso entrerà invece nel merito di vecchie e nuove malattie del vigneto e della difesa integrata obbligatoria. I puntuali bollettini Agronotizie, che Condifesa invia a 6.000 aziende trevigiane associate ed utenti, stanno informando su malattie tipiche e trattamenti più adeguati nel periodo vegetativo. In particolare, nell’attuale fase di germogliamento i pericoli vengono da un fungo, l’escoriosi, e dell’oidio il “mal bianco”. Nell’area di produzione DOCG Conegliano Valdobbiadene, i 15 Comuni hanno adottato il Regolamento Intercomunale di Polizia Rurale, definendo le sostanze ammesse. “Per quanto riguarda invece il “mal dell’esca”, è ora disponibile un nuovo agrofarmaco completamente biologico. Si tratta di un prodotto a base di ceppi naturali selezionati di funghi antagonisti. Una novità importante – spiega lo stesso Terzariol se si pensa che finora non esistevano trattamenti diretti efficaci e quindi questa patologia della pianta diventava devastante. I nuovi prodotti vanno però ben conosciuti, specie nei tempi di utilizzo”. “Un’ulteriore opportunità di difesa per i viticoltori trevigiani – conclude Filippo Codato, direttore Condifesa Treviso – arriva anche dai fondi mutualistici: Condifesa Treviso, consorzio di agricoltori forte di 40 anni di storia, offre la possibilità di indennizzare dai danni del “mal dell’esca” con un piccolo accantonamento annuale: significa mettere al sicuro il proprio vigneto, sapendo che, oltre le 15 piante per ettaro, si potrà avere un indennizzo fino a 3 mila euro”.

Fonte: Condifesa Treviso

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: