• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

A Expo 2015, 27 opere icona del vino del Museo Lungarotti

1. 31 MUVIT Museo del Vino, Fondazione Lungarotti, Torgiano (PG) - Kylix, Vulci, fine sec. VI a.C._a

MUVIT Museo del Vino, Fondazione Lungarotti, Torgiano (PG) – Kylix, Vulci, fine sec. VI a.C.

27 opere rappresentative della cultura e della storia del vino, in un percorso artistico-visivo che conduce i visitatori di Expo a ripercorrere 5000 anni di tradizione, alla scoperta di uno dei prodotti simbolo della civiltà del Mediterraneo. E’ questo il contributo della Fondazione Lungarotti per l’Esposizione Universale di Milano. Dal 1 maggio al 31 ottobre, infatti, 27 opere del Museo del Vino (Muvit) di Torgiano in provincia di Perugia, recensito dal New York Times come “il migliore in Italia” per la qualità delle sue collezioni, saranno protagoniste dell’area educational di “Vino, a taste of Italy”, il padiglione del vino italiano, collocato all’incrocio tra il Cardo e il Decumano.

4. 2914 MUVIT Museo del Vino, Fondazione Lungarotti, Torgiano (PG) - Flaminio Fontana, Coppa _bevi se puoi_, Firenze, 1575

MUVIT Museo del Vino, Fondazione Lungarotti, Torgiano (PG) – Flaminio Fontana, Coppa Bevi se puoi, Firenze, 1575

Sei le sezioni dell’itinerario esplorativo progettato per accogliere i visitatori di ogni età e nazione e per evidenziare il rapporto del vino con la storia, la mitologia, la salute, l’amore, l’alimentazione e la convivialità. Per Maria Grazia Marchetti Lungarotti, direttore della Fondazione e ideatrice del Muvit nel 1974 con il marito Giorgio: “Siamo onorati di poter contribuire a raccontare la storia del vino attraverso le opere raccolte in tutto il mondo in più di 40 anni di attività del Museo del vino di Torgiano. In questi mesi abbiamo selezionato dalle nostre collezioni di oltre tremila pezzi i reperti più rappresentativi e celebrativi, per consentire ai visitatori di conoscere cosa c’è stato e cosa c’è dietro ad una bottiglia di vino: un prodotto unico che nei secoli si è intrecciato con l’arte, la storia e la cultura”.

7. 56 MUVIT Museo del Vino, Fondazione Lungarotti, Torgiano (PG) - Frammento di scultura. Mano destra con grappolo

7. 56 MUVIT Museo del Vino, Fondazione Lungarotti, Torgiano (PG) – Frammento di scultura. Mano destra con grappolo

Tra le opere presenti ad Expo al Padiglione del vino italiano, la “Kylix” in ceramica (fine VI secolo A.C.) utilizzata nelle occasioni conviviali in epoca greca, etrusca e romana; il “Busto di Bacco” (Girolamo della Robbia, XVI secolo) che richiama al consumo moderato; il “Bevi se puoi” (Flaminio Fontana, 1575), la coppa nuziale ad inganno per i promessi sposi; la “Bocca di canale”, l’ingegnoso ‘condotto’ di epoca tardo romana da cui il succo dell’uva pigiata dopo la vendemmia fluiva verso un recipiente sottostante.

Fonte: Fondazione Lungarotti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: