• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Biocarburanti, Ue fissa al 7% la quantità di carburanti derivata da colture agricole

biomasseIl Parlamento europeo ha votato il testo di compromesso sulla futura politica in materia di biocarburanti e al cambiamento indiretto di destinazione d’uso del terreno (ILUC).

Fissati i massimali. Il testo di compromesso accettato dagli eurodeputati, dal Consiglio e dalla Commissione europea include una proposta sulla quantità di biocarburanti derivati da colture agricole da poter utilizzare per rispondere all’obiettivo dell’UE in fatto di carburanti rinnovabili per i trasporti. Esso fissa un massimale del 7% nel caso dei carburanti per i trasporti ottenuti da colture agricole invece del limite del 5% proposto dalla Commissione europea e stabilisce obiettivi dello 0,5% per i biocarburanti avanzati a livello europeo e nazionale, che non sono però obbligatori. Quest’ultimo aspetto rischia di rappresentare un punto debole nella creazione di un quadro stabile in materia, anche al fine di permettere investimenti e incoraggiare lo sviluppo commerciale del settore, parallelamente ai biocarburanti ottenuti da seminativi.

Cambiamento indiretto di destinazione d’uso del terreno. Sulla questione, l’Organizzazione agricola UE Copa-Cogeca ha dichiarato di opporsi al mantenimento del cambiamento indiretto di destinazione d’uso del terreno (ILUC) nei provvedimenti legislativi poiché i modelli utilizzati come base per introdurre i valori ILUC nelle comunicazioni che i fornitori di combustibili debbono fare agli Stati Membri sono inaccettabili e non hanno basi scientifiche. Per di più non sono stati concordati a livello internazionale. Il modello non è adeguato per valutare in maniera precisa l’entità del cambiamento di destinazione d’uso dei terreni nei Paesi extracomunitari e delle conseguenti emissioni di gas a effetto serra, a causa di errori rilevanti nei dati e di problemi significativi di metodologia. La legislazione dovrebbe ora entrare a far parte del diritto comunitario.

Fonte: Servizio Ufficio Stampa Veneto Agricoltura Europe Direct Veneto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: