• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

I contoterzisti del Veneto si allargano al Friuli Venezia Giulia

Gianni_DallaBernardina

Gianni Dalla Bernardina, presidente Fimav

I conterzisti veneti si allargano al Friuli Venezia Giulia. L’assemblea della Fimav, la Federazione delle Imprese di Meccanizzazione Agricola del Veneto, che rappresenta 1500  imprese ha approvato una modifica statutaria che le consentirà di associare anche le imprese agromeccaniche friulane. Nell’assise tenutasi a Confindustria Rovigo sono stati anche rinnovati i vertici dell’associazione ed è stato riconfermato alla presidenza Gianni Dalla Bernardina, imprenditore veronese che presiede anche l’Apima, l’associazione provinciale di meccanizzazione agricola che raggruppa 300 contoerzisti scaligeri.

Categoria riconosciuta a livello regionale ma non ancora in Europa . “I nostri “colleghi” imprenditori friuliani – ha commentato Dalla Bernardina – non hanno una associazione che raccolga e porti le loro istanze agli enti territoriali: una carenza per la nostra categoria che si trova ad affrontare una sfida importante. Siamo un anello fondamentale della filiera agricola: a livello regionale ci è stato riconosciuto il ruolo di imprenditori agro-meccanici quindi siamo componente agricola a tutti gli effetti. Ancora non lo siamo anche per l’Unione Europea e quindi, nonostante il lavoro fatto durante la stesura del documento preparatorio, siamo esclusi dalle misure di intervento del piano di Sviluppo Rurale”. Nonostante l’iscrizione all’albo artigiano, le imprese agromeccaniche sono comunque tenute alla compilazione del quaderno di campagna e agli altri obblighi prescritti alle imprese agricole.

“Abbiamo gli oneri, ma non gli onori – ha aggiunto Dalla Bernardina – la burocrazia eccessiva sì, ma non l’accesso al Psr. Non possiamo partecipare ai programmi di sviluppo dell’agricoltura, per quanto, siamo noi driver dell’innovazione: investiamo 40 milioni di eurol’anno nella meccanizzazione delle pratiche agricole. Il nostro volume d’affari complessivo è elevato, 300 milioni di euro, per cui siamo anche quelli che maggiormente investono in risorse umane: abbiamo 5mila addetti. Ora, superata la fase post elettorale, riprenderemo i proficui colloqui con il Governo Zaia, importante alleato per portare avanti la nostra battaglia per il riconoscimento del nostro ruolo nella filiera agricola a Roma e in Europa”.

Nel nuovo direttivo Dalla Bernardina è affiancato dal vice presidente, Alfredo Zanirato della sezione di Rovigo. Completano la squadra gli imprenditori Carlo Feletto, in rappresentanza di Treviso e Belluno, Sandro Dalla Costa per Venezia e il vicentino Tiziano Pertile. Alla segreteria generale è stato riconfermato Clemente Ballarini, attuale direttore dell’Apima di Verona.

Fonte: Fimav

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: