• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Editoria. Quando la pianta può cambiare il corso della storia.

Libro Ugo BelliPerché gli inglesi sono diventati estimatori di tè? Che cosa ha a che fare il “fuoco di Sant’Antonio” con la segale? Per quale motivo la coltivazione della patata ha spinto oltre un milione di irlandesi a emigrare in America? Cosa ha comportato la Xylella, ovvero il disseccamento rapido degli ulivi? Le risposte nel nuovo libro di Giuseppe Ugo BelliCome le malattie delle piante hanno inciso su vita e storia dell’uomo” che inaugura una collana di Edizioni L’Informatore Agrario dedicata alla storia e alla cultura agricola.

Non un trattato scientifico ma un affascinante viaggio dall’antichità a oggi alla scoperta dei piccoli, decisivi cambiamenti che alcune avversità delle piante hanno prodotto negli stili di vita o nella storia dell’umanità oltre che delle grandi scoperte scientifiche e mediche che hanno stimolato, come quella dei virus e dei relativi vaccini. Un approfondimento ad ampio spettro nei secoli sui risvolti sociali ed economici di calamità come la biblica invasione delle cavallette, la peronospora e la fillossera, per arrivare alla Xylella degli ulivi secolari. Ma non solo: il libro offre un ampio corredo di curiosità in chiave storica e fitosanitaria ed è completato da un utile glossario e da oltre 55 illustrazioni . “La storia ci dimostra come in assenza di una prevenzione e di una difesa efficace virus, batteri, insetti e acari possano provocare danni e conseguenze che talvolta vanno molto più in là del puro aspetto economico”, spiega Belli. Che aggiunge: “Un  tema molto attuale nell’anno di Expo2015: per sfamare oltre 9 miliardi di persone nel 2040 occorre un’agricoltura sempre più efficiente che si avvalga dei contributi della ricerca per produrre alimenti sani in modo economicamente conveniente e sostenibile”.

Chi è Giuseppe Ugo Belli. E’ stato Professore Ordinario di Patologia Vegetale all’Università degli Studi di Milano. Relatore a congressi nazionali e internazionali sulle avversità delle piante, è autore di oltre 200 studi scientifici. Ancora oggi impegnato in ricerche, nel libro “Come le malattie delle piante hanno inciso su vita e storia dell’uomo” per la prima volta fonde le conoscenze maturate con la passione per l’agricoltura e i problemi ambientali analizzati anche sotto il profilo storico. Il libro è in vendita nello store della casa editrice http://www.libreriaverde.it e nelle librerie al prezzo di 14,90 euro (Edizioni l’Informatore Agrario, 196 pagine, 2015).

Fonte: Edizioni L’Informatore Agrario

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: