• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

TTIP UE/USA, avanti a piccoli passi

Prosciutto Dop MontagnanaIn piena estate il Parlamento europeo ha votato (436 voti a favore, 241 contrari e 30 astenuti) una risoluzione sul Trattato commerciale tra Stati Uniti e Unione Europea (TTIP) con la quale si chiede la protezione delle indicazioni geografiche (agricole e industriali) e il rispetto da parte statunitense delle norme UE in tema di organismi geneticamente modificati.

Il voto dell’Europarlamento non è vincolante, ma segna sicuramente un passo avanti verso l’intesa finale, definendo con chiarezza le posizioni dell’UE. Nel frattempo, proseguono i negoziati di un accordo finalizzato, vale la pena ribadirlo, a ridurre le barriere commerciali che limitano lo scambio di prodotti e servizi tra le due sponde dell’Atlantico, superando così gli ostacoli causati dalle attuali differenti normative.

Posizioni a confronto. Alle posizioni dell’Europarlamento si contrappongono quelle USA, con le quali si chiede invece di poter vendere nell’UE i propri prodotti secondo le leggi vigenti Oltreoceano. Norme che non prevedono, per esempio, che sulle etichette venga tracciata le provenienza delle carni, così come l’eventuale presenza di OGM, che andrebbe a influenzare negativamente la vendita nei mercati europei. I negoziati dovrebbero portare ad un punto d’incontro, ma al momento i due schieramenti sembrano irremovibili.

Preoccupazioni UE. Tra le tante preoccupazioni dell’UE vi è quella delle possibili conseguenze sanitarie derivanti dalla libera importazione dei prodotti “Made in USA”. Al riguardo, l’Europarlamento chiede alla Commissione di assicurarsi che il TTIP garantisca “il pieno riconoscimento e una forte protezione giuridica” delle indicazioni geografiche dell’UE. L’obiettivo deve essere quello di sopprimere tutti i dazi doganali, tenendo però conto del fatto che “esistono diversi prodotti agricoli e industriali sensibili sulle due sponde dell’Atlantico, per i quali bisognerà compilare delle liste complete durante il processo di negoziazione”. Inoltre, il Parlamento UE specifica che dovranno essere previste delle “misure volte ad affrontare i casi di uso improprio e di informazioni e pratiche fuorvianti” per tutelare i prodotti europei in vendita sul mercato americano. All’interno del TTIP dovrà anche essere prevista una clausola di salvaguardia che potrà essere invocata nel momento in cui l’aumento esagerato delle importazioni di un prodotto particolare possa “causare un danno importante alla produzione interna”, con riferimento sia all’agricoltura che al settore energetico, chimico e siderurgico.

Possibili vantaggi economici per l’Italia. Da un punto di vista economico, il TTIP dovrebbe portare dei concreti vantaggi al mercato agroalimentare italiano. Questo settore rappresenta infatti il 16% del PIL nazionale, mentre il 19% della produzione viene esportata all’estero. Una percentuale molto bassa rispetto ad altri Stati Membri ma che potrebbe crescere grazie proprio alla ratifica del Trattato. L’intesa agevolerebbe l’accesso ai rispettivi mercati: gli Stati Uniti sono interessati a vendere prodotti come il granturco e la soia, mentre le esportazioni europee riguardano soprattutto generi alimentari quali alcolici, vino, birra, formaggi, prosciutto e cioccolato, abbattendone di conseguenza i costi.

Rischi. Se da un lato potrebbero aumentare gli introiti derivanti dalla valorizzazione del “Made in Italy”, sempre apprezzato all’estero, l’altra faccia della medaglia preoccupa e non poco gli agricoltori italiani. Il nostro Paese potrebbe essere invaso dai prodotti americani, qualitativamente inferiori, venduti a basso prezzo e senza i controlli delle denominazioni di origine Doc, Dop e Igp rifiutate e contrastate dalle multinazionali USA.

Altre questioni sul tavolo del TTIP. I negoziati in corso tra UE e USA non riguardano solo questioni legate al comparto agricolo e alimentare. Vediamo, in estrema sintesi, quali sono gli altri principali temi in discussione. Protezione dei dati: il testo della risoluzione approvata dall’Europarlamento esorta la Commissione a “garantire che l’acquis dell’UE in materia di protezione dei dati personali non venga compromesso”. Servizi pubblici: l’Europarlamento chiede che l’UE e gli Stati Uniti firmino una dichiarazione comune nella quale venga esplicitamente escluso dal campo di applicazione del TTIP qualsiasi servizio d’interesse generale attuale e futuro, come l’acqua, la sanità, i servizi sociali, e l’istruzione. L’obiettivo è di assicurare che le normative e il finanziamento di tali servizi restino completamente nelle mani delle autorità nazionali e locali. Cinema e cultura: nessuna disposizione dell’accordo dovrà incidere sulla “capacità dell’UE o dei suoi Stati Membri di erogare sovvenzioni o garantire sostegno finanziario alle industrie culturali e ai servizi culturali, di istruzione, audiovisivi e stampa”. Non dovranno esserci ingerenze nemmeno nel sistema di fissazione dei prezzi per libri e periodici. Appalti pubblici: gli eurodeputati chiedono di adottare “un approccio ambizioso” ed eliminare “le restrizioni attualmente vigenti negli USA a livello federale, statale e locale”. Inoltre, si chiede che vengano istituiti dei “meccanismi per garantire che gli impegni assunti dalle autorità federali statunitensi siano onorati a tutti i livelli politici e amministrativi”. Ambiente e sociale: si chiede un accordo “ambizioso, globale, equilibrato e di alto livello”, capace di promuovere  “lo sviluppo sostenibile di benefici condivisi per tutti gli Stati Membri”. È richiesta dunque una “maggiore cooperazione transatlantica, preservando standard normativi e di tutela dei consumatori e la prevenzione del dumping sociale, fiscale e ambientale”. Il TTIP dovrà contestualmente assicurare “il livello più elevato di protezione della salute e della sicurezza, conformemente al principio di precauzione”, garantendo la tutela “dei consumatori, della normativa in materia di lavoro, ambiente e benessere degli animali, nonché della diversità culturale esistente nell’UE”.

Per saperne di più. La Direzione Generale Trade della Commissione europea ha creato uno spazio web dedicato ai negoziati TTIP con notizie, approfondimenti, documentazione, ecc. Si veda a questo link.  Non mancano sul web (e non solo) le posizioni contrarie all’accordo, si veda per esempio a questo link e a quest’altro link.

Fonte: Europe Direct Veneto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: