• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Il Fagiano di Monte ritrova casa nella foresta di Giazza (Vr)

fagiano di monte

foto veronabirdwatching.org

Come salvaguardare e incrementare la presenza del fagiano di monte nella Foresta di Giazza? Ci ha pensato il Centro Forestale di Verona di Veneto Agricoltura che con un progetto ad hoc ha ricreato in Val Fraselle in Lessinia, a cavallo tra le province di Verona e Vicenza (nei Comuni di Selva di Progno e Crespadoro), degli ambienti idonei a questa specie su formazioni a mugo assai povere in nicchie ecologiche ed in biodiversità.

In pratica. I tecnici di Veneto Agricoltura hanno ripristinato nella foresta delle aree adatte alla nidificazione e riproduzione del Tetrao tetrix (il cui nome comune è fagiano di monte o gallo forcello) riducendo tramite taglio le formazioni eccessivamente dense di mugheta e determinando cosi l’aumento di superfici erbacee e arbustive più idonee alla specie. Con il taglio localizzato del mugo sono state realizzate delle buche irregolari, che riproducono un habitat idoneo per il tetraonide, e creato dei collegamenti spaziali con le altre aree aperte aumentandone così le potenzialità faunistiche dell’intero complesso della Val Fraselle. In questo modo si avvantaggiano infatti non solo le covate di fagiano di monte, che qui trovano nuovi spazi idonei come alimentazione e rifugio, ma anche il resto della fauna alpina in quanto aumenta sensibilmente la biodiversità e la rete di nicchie ecologiche faunistiche tra esse collegate. “Con questo taglio a macchie – ha ricordato Michele Bottazzo di Veneto Agricoltura – ci si attende un rapido e dinamico riscoppio di vegetazione erbacea e arbustiva diversa a discapito del mugo e quindi un sensibile aumento delle potenzialità per questa specie. I costanti monitoraggi che l’Azienda regionale effettua da molti anni aiuteranno a valutare l’efficacia dell’intervento, ma già a distanza di poco tempo si sono osservate maggiori frequentazioni della specie su questi spazi”.

Fonte: Servizio Stampa Veneto Agricoltura

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: