Psr 2014-2020: la Regione Veneto modifica soglie di accesso per investimenti energia rinnovabile e indennità zone montane

Agricoltura montagnaCon il via libera del Comitato di sorveglianza, la Regione Veneto ha adottato alcune modifiche al Psr 2014-2015. La principale novità dal punto di vista dei potenziali beneficiari, riguarda gli impianti per la produzione di energia rinnovabile a partire dalle biomasse. La percentuale minima di energia termica cogenerata e recuperata, utilizzata per autoconsumo rispetto a quella prodotta, scende dal 75% al 40%. “La modifica – spiega l’assessore all’Agricoltura Giuseppe Pan – si è resa necessaria per adeguare la percentuale ai limiti tecnologici degli impianti attualmente disponibili e per agevolare le condizioni di verificabilità degli interventi”.

Zone montane. Altra novità riguarda i requisiti di ammissibilità per accedere all’indennità compensativa in zona montana della misura 13. “I richiedenti – prosegue l’assessore – non dovranno più possedere una percentuale di superficie agricola totale (Sat) che ricada almeno per il 50% nel territorio veneto ma sarà sufficiente possedere in zona montana la superficie minima richiesta per accedere all’aiuto. Pertanto si estende la platea dei potenziali beneficiari della misura a sostegno delle aziende che operano in zone svantaggiate e della salvaguardia della montagna veneta”.

Fonte: Servizio Stampa Regione Veneto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: