• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Botaniche italiane, non più sconosciute

Copertina Botaniche Italiane(di Alessandro Bedin) Lunedì 14 dicembre scorso, presso la Biblioteca La Vigna di Vicenza  – vero scrigno di tradizioni e cultura -, in presenza dei rappresentanti di tre Associazioni (la vicentina Associazione Amici dei Parchi e quelle nazionali Associazioni Direttori e Tecnici Pubblici Giardini – A.I.D.T.P.G. – e Gruppo Amici del Verde – G.A.V. -), Elena Macellari, dottore agronomo, ha presentato il suo libro “Botaniche italiane, scienziate naturaliste appassionate” (Temi Edizioni, 2015,  pp.  236).

Si tratta di un importante libro storico-botanico realizzato grazie ad un attento e impegnato lavoro di ricerca d’archivio e di indagine rigorosa che l’autrice ha fatto nella storia “sommersa” di grandi donne (ai più sconosciute) che, segretamente e in certi casi all’ombra di altri uomini, hanno svolto un ruolo determinante in molte scoperte scientifiche nell’ambito della Botanica. Ha raccontato Elena Macellari: “Alle donne per molti secoli non fu concesso di far parte di accademie scientifiche, società botaniche e naturalistiche. Solo dal Novecento il loro contributo come studiose, scienziate e cultrici della materia botanica ha avuto pieno riconoscimento  nel mondo accademico e scientifico… Donne intellettuali e viaggiatrici, alcune già note, altre finora sconosciute nella scienza botanica”.

Donne in grado di rompere le antiche convenzioni. La competenza dell’autrice ha messo in rilievo, con una retorica coinvolgente, l’originalità e l’attualità di queste figure che si sono dedicate con tenacia e determinazione agli studi naturalistici, rompendo le convenzioni dell’epoca tra Settecento e Novecento. Sono state così decantate, ad esempio, storie affascinanti sulla “Flora del Colosseo”,  altre relative a protagoniste di spicco come “la donna dei muschi”, “la donna dei licheni” e “la donna delle alghe”. Un tuffo nel passato per avanzare con più consapevolezza e decisione nel futuro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: