• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Fusione dei piccoli Comuni, danni collaterali all’Italia del vino

bottiglie-di-vinoDal convegno di Scandiano (Re), dove si è parlato di Lambrusco e difesa dei vitigni italiani, arriva l’allarme dell’Associazione Nazionale Città del Vino: “Salve le Dop, Doc e Docg con il nome della varietà d’uva, ma un nuovo pericolo incombe sui territori: l’obbligo d’accorpamento sotto i 5mila abitanti. La proposta di legge crea scompiglio nelle denominazioni d’origine. Va bene aggregare servizi e funzioni, ma solo per rafforzare il terroir”.

Un Barolo di Barolo (739 abitanti) o della “frazione” di Barolo? Un Morellino di Scansano (4.500 persone) o della “località” Scansano? E il Barbaresco (670 abitanti), il Greco di Tufo (934), l’Aleatico di Gradoli (1.479), i vini della Costa d’Amalfi con le sottozone – meglio sottofrazioni o circoscrizioni?  – di Furore, Ravello e Tramonti? Nell’ordine: 837; 2.500 e 4.147 abitanti. E’ salva per ora Montalcino, che con 5.139 anime potrà conservare il titolo di Comune; finché la demografia lo consente.

Rischio confusione ed effetti collaterali. Dalla Val d’Aosta alla Sicilia, passando per Aymavilles e Morgex (Ao) fino a Montevago (Ag) e in decine di altri paesi del vino, la proposta di legge per obbligare i Comuni sotto i 5mila abitanti a fondersi, presentata alla Commissione Affari istituzionali della Camera da 20 parlamentari Pd, rischia di creare molta confusione ed effetti collaterali sul sistema delle denominazioni d’origine italiana, già ricca di vini conosciuti per il nome del Comune in cui sono prodotti, e con riflessi negativi anche sull’enoturismo e sulla produzione, per aspetti d’etichettatura, promozione, etc.

Fonte: Servizio Stampa Associazione Città del Vino

Annunci

Una Risposta

  1. A me sembra che la preoccupazione dei presenti alla riunione delle Città del Vino sia del tutto fuori luogo, immotivata e demagogica. Innanzi tutto perché il bene generale (i risparmi e una maggior efficienza delle istituzioni locali) supera di gran lunga un bene settoriale; poi perché i nomi resteranno – Morellino di Scansano resterà Morellino di Scansano, anche se già ora è prodotto in numerosi comuni – anche se sarà utile valutare possibili accorpamenti o ulteriori allargamenti delle aree di produzione (vedi Lacrima di Morro d’Alba) per avere una maggior massa critica a livello commerciale. Basta non cadere nell’errore del Prosecco, producibile in mezzo Veneto e in Friuli Venezia Giulia, a danno del prestigio e della qualità del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene.(la collina trevigiana).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: