• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Presenza lupo in Lessinia, tavolo tecnico per la proposta di un piano di equilibrio ambientale

Lupo LessiniaUn tavolo tecnico tra i sindaci della Lessinia,  la provincia di Verona, le associazioni degli allevatori, quelle ambientaliste, consiglieri e funzionari regionali per studiare soluzioni normative finalizzate ad ottenere nel Piano nazionale per il lupo deroghe per l’altopiano veronese e per valorizzare al meglio norme e risorse del progetto europeo Life WolfAlps. Questo l’esito dell’incontro avvenuto a Bosco Chiesanuova (Vr), nella sede del parco naturale della Lessinia, tra l’assessore veneto all’agricoltura Giuseppe Pan, il vicepresidente della provincia di Verona Antonio Pastorello, i sindaci della Lessinia, i consiglieri regionali Stefano Valdegamberi e Fabiano Barbisan, i rappresentanti dell’associazione allevatori e quello di Legambiente.

Equilibrio tra presenza del lupo e tutela della biodiversità. “Il tavolo sarà convocato entro dieci giorni a Bosco Chiesanuova  per mettere in fila dati tecnici e approfondimenti normativi al fine di valutare la possibilità di formulare deroghe al piano nazionale, in considerazione della particolarità della Lessinia veronese e degli equilibri sostenibili tra presenza del lupo e tutela della biodiversità. Del problema è investito il Consiglio regionale, con la relativa commissione Agricoltura, che dovrà studierà la percorribilità di proposte legislative da sottoporre al Parlamento nazionale e all’Unione europea.  Nel giro di pochi mesi mi attendo proposte concrete. Ma ci tengo a ribadire che la presenza del lupo in Lessinia è normata dal piano nazionale e da norme europee, rispetto alle quali la Regione può intervenire solo con proposte emendative o richieste di deroghe. La Regione, comunque, per quanto le compete, ha già provveduto a liquidare oltre 50 mila euro di indennizzi agli allevatori colpiti nel corso del 2015 dagli assalti dei 15 esemplari attualmente censiti nel branco veronese e a stanziare, anche nel bilancio di previsione 2016, altrettanti fondi per il risarcimento di eventuali danni causati alle mandrie e alle greggi”, ha riferito Pan.

Duplice quindi il fronte di lavoro del tavolo tecnico, che avrà nel sindaco di Bosco Chiesanuova il capofila dei rappresentanti locali: trovare la via normativa per proporre al ministero per l’Ambiente e alla Commissione europea uno specifico piano di equilibrio ambientale tra la presenza del lupo e delle altre specie selvatiche che popolano l’habitat della Lessinia (cervi, cinghiali e lepri), anche in deroga al disciplinare ministeriale; e, nel contempo, studiare come valorizzare al meglio i 560 mila euro che il progetto europeo Wolfalps mette a disposizione per il Veneto e quali interventi di promozione dell’area e di salvaguardia dell’ambiente e della sua biodiversità potranno trovare copertura nelle misure del Programma di sviluppo rurale 2014-2020, e in particolare tra quelle attivabili dal Gal (gruppo di azione locale) Baldo-Lessinia.

Fonte: Servizio Stampa Regione Veneto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: