• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Ortofrutta, sostegni europei estesi fino al 30 giugno 2017

ortofruttaLa decisione della Commissione europea di estendere a tutto il primo semestre del prossimo anno i sostegni per far fronte alla crisi del comparto ortofrutta è stata ritenuta, però, non sufficiente dai rappresentanti degli agricoltori.

Azione insufficiente. Le Organizzazioni agricole UE Copa-Cogeca hanno affermato che questo rappresenta un passo nella giusta direzione ma assolutamente insufficiente per avere un impatto o a compensare i produttori per le loro perdite. “I produttori di frutta e verdura europei – si legge in una nota di Copa-Cogeca – stanno affrontando una situazione di grande crisi legata all’embargo sulle esportazioni agricole UE deciso dalla Russia, uno dei principali sbocchi per le nostre esportazioni. Pertanto, accogliamo positivamente il senso di urgenza impresso dalla Commissione alla tematica e il fatto che l’aiuto sia stato esteso al periodo 1° luglio 2016 – 30 giugno 2017, tuttavia é inaccettabile che l’Esecutivo abbia ridotto del 70% le quantità ammissibili per il sussidio nell’ambito del nuovo regime di aiuti UE e che la compensazione ai produttori per i ritiri sia così bassa”.

Le richieste di Copa-Cogeca. Da qui, la richiesta dell’Organizzazione agricola UE affinché la Commissione provveda a: fissare i quantitativi massimi garantiti attribuiti agli Stati Membri in base ai volumi precedentemente esportati verso la Russia e alla loro produzione di ortofrutticoli; aumentare il livello dell’aiuto compensativo per il ritiro della produzione dal mercato, dando priorità a soluzioni alternative rispetto alla distribuzione gratuita; garantire che le scadenze per il pagamento degli agricoltori vengano abbreviate; aumentare il volume destinato agli Stati Membri da 3.000 a 5.000 tonnellate e lasciare flessibilità agli Stati Membri circa l’ammissibilità dei prodotti.

Fonte: Europe Direct Veneto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: