• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

La campagna come sfida professionale per i disoccupati over 30, presentato da Coldiretti Veneto il progetto per dare un lavoro a chi non ce l’ha più

allieviC’è chi prima faceva l’agente di commercio, il promoter,  l’informatico, il grafico, il dipendente di una multinazionale. Poi è arrivata la crisi, anche qui nel cuore dell’economia e qualcosa si è inceppato, non solo dal punto di vista delle ambizioni professionali.  Tra loro c’è anche chi dopo la laurea con lode non ha trovato lavoro, solo offerte sporadiche maturando una sorta di sconfitta. Ora, per quasi dieci di loro, qualcosa è cambiato, e grazie al progetto Work Experience, un intervento formativo di Coldiretti Veneto finanziato dalla Regione Veneto attraverso il Fondo Sociale Europeo, presentato ieri a Selvazzano Dentro (PD) nella sala di Villa Cesarotti,  si apre la porta di un’impresa agricola per l’inserimento nel mondo del lavoro.

Una rete di società agricole. Per disoccupati tra i 30 e i 50 anni d’età – lo sportello dall’Associazione Retelavoro Solidale (RLS) ne ha registrate circa 400 – il settore primario, con tutte le sue potenzialità di sviluppo, sarà l’ambito privilegiato per una rinascita lavorativa. Ad offrire una possibilità di riscatto è, per l’appunto, una rete di società agricole localizzate tra Padova e Vicenza: dalla Cooperativa Mais Marano a quella Sociale Piccola Città, dall’allevamento Asinomania al servizio navigazione fluviale Delta Tour, dalla struttura cooperativistica Terra di Mezzo alla Nuova Agricola Girasole, dalla prima fattoria solidale regionale Pachamama all’agriturismo Palazzetto Ardi.

Agricoltura sociale. Collabora inoltre al lancio di una start up la realtà di  “Agrimea” (premio Argav 2014, ndr) che avvierà, con uno degli allievi, la gestione di un’attività innovativa sui Colli Euganei (Padova) di allevamento di asine per la produzione di latte da destinare alle pediatrie degli ospedali. “Con l’agricoltura sociale – ha spiegato Martino Cerantola presidente di Coldiretti Veneto  – nasce un nuovo modello di welfare che vede la campagna e gli operatori protagonisti con progetti dedicati ai soggetti più vulnerabili che devono fare i conti con la cronica carenza dei servizi alla persona. Si tratta della punta più avanzata della capacità di esaltare l’accoglienza e l’ospitalità nei campi conciliando integrazione economica con la valorizzazione della relazione umana. Il Veneto che ha anticipato di un anno la legge nazionale sulle fattorie sociali, ha dimostrato numeri ed esperienze di qualità a servizio dell’ intera collettività in particolare per le fasce più deboli”.

Formazione. “L’iniziativa formativa – presentata da Pietro Piccioni direttore di Coldiretti Veneto –  si articola in quasi mille ore tra lezioni pratiche e teoriche programmate in tre fasi: la prima concentrata sulla comunicazione, relazione ed incremento delle abilità richieste dai diversi incarichi, la seconda è dedicata alla motivazione della ricollocazione nel mondo del lavoro e infine il tirocinio con l’inserimento vero e proprio nel ruolo assegnato. Si tratta di un corso innovativo – ha sottolineato Pierangelo Turri della direzione formazione regionale  – destinato in futuro ad evolversi ed essere ripetuto sul territorio, magari  coinvolgendo anche l’Università di Veterinaria di Padova con uno studio sul benessere degli asini, animale che aiuta l’ approccio terapeutico alla fatica”.

Selvazzano, comune solidale. Ad incoraggiare i pionieri di questa avventura c’era l’assessore ai servizi Giovanna Rossi del comune di Selvazzano che con questa iniziativa – insieme a tante altre dai contenuti sociali – si guadagna la coccarda di “comune solidale” in una logica di welfare generativo. Eugenio Milonis, presidente nazionale del Consorzio Allevasini, ha raccontato dei tanti casi di svolta intrapresi grazie al supporto degli instancabili quadrupedi che tanta simpatia rappresentano per la gente e in termini di varietà di razze sono esempio di una ricca biodiversità. Sarà lui ad ospitare in quel del L’Aquila il piu’ giovane dei corsisti (tra l’altro di Selvazzano) per un lungo periodo di stage. Don Marco Cagol, vicario episcopale, ha infine parlato di cantieri di giustizia e di coltivazione dei valori per vincere la povertà spirituale.

Fonte: Servizio Stampa Coldiretti Veneto

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: