• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Certificazione dei biocarburanti: la Corte dei Conti Europea denuncia carenze nel riconoscimento e nella supervisione del sistema di controllo

biomasseCarenze nel sistema di certificazione sostenibile dei biocarburanti potrebbero minare la base degli obiettivi 2020 dell’UE per le energie rinnovabili nel settore dei trasporti: a denunciarlo è una recente relazione della Corte dei Conti Europea (ECA), (relazione speciale n 18/2016: “Il sistema UE per la certificazione dei biocarburanti sostenibili), effettuata nei quattro Stati membri che producono e/o consumano il maggior volume di biocarburanti: Germania, Francia, Polonia e Regno Unito.

Biocarburanti Ue certificati attraverso sistemi volontari. Secondo la Direttiva sulle Energie Rinnovabili, gli Stati membri UE possono utilizzare solo biocarburanti sostenibili certificati per raggiungere l’obiettivo 2020 del 10 per cento di approvigionamento da fonti rinnovabili per l’energia impiegata nei trasporti. La maggior parte dei biocarburanti immessi nel mercato UE sono certificati attraverso sistemi di controllo volontari riconosciuti dalla Commissione Europea. Ma i revisori hanno verificato che questi  soffrono di carenze nella procedura di riconoscimento e supervisione da parte della Commissione. “Gli obiettivi 2020 per l’energia sostenibile nei trasporti sono importanti sia per l’ambiente dell’Unione Europea che per gli utenti. Ma la tracciabilità della realizzazione degli obiettivi deve basarsi su dati audio e un sistema di certificazione affidabile. Questo era l’obiettivo del nostro controllo“, ha dichiarato Bettina Jakobsen, membro della Corte dei Conti Europea, responsabile della relazione.

Le carenze/1. I revisori hanno verificato che la Commissione non richiede controlli sul fatto che la produzione di biocarburanti sia fatta senza rischi socio-economici, come il conflitto sulla proprietà del suolo, il lavoro forzato o minorile, precarie condizioni di lavoro per gli agricoltori e pericoli per la salute e la sicurezza. Inoltre, le valutazioni non rilevano l’impatto indiretto sulla sostenibilità dei biocarburanti provocato dal cambio d’uso del suolo (nel caso in cui più terreno venga coltivato per il cibo in modo da compensare quello usato per la produzione di biocarburanti). La Commissione, inoltre, riconosce sistemi di controllo che non danno garanzia sulla provenienza dei biocarburanti da rifiuti o materie prime che non soddisfano i requisiti ambientali.

Le carenze/2. Alcuni sistemi di controllo sono apparsi ai revisori insufficientemente trasparenti o “governati” da un ristretto numero di membri, aumentando così il rischio di conflitti di interesse ed impedendo una comunicazione efficace con gli altri portatori d’interesse. Inoltre, la Commissione non supervisiona le operazioni dei sistemi di controllo volontari, quindi non può essere sicura che siano state applicate realmente le norme di certificazione come non è in grado di rilevare eventuali infrazioni alle regole. Gli Stati membri sono responsabili per l’affidabilità delle loro statistiche sui biocarburanti sostenibili ed il conteggio verso il raggiungimento dell’obiettivo del 10 per cento per l’energia impiegata nei trasporti. Tuttavia, i revisori trovano che le statistiche possano essere sovrastimate, perché gli Stati membri potrebbero aver incluso biocarburanti la cui sostenibilità non è stata verificata. Sono stati rilevati problemi anche per quanto riguarda la comparabilità dei dati. I revisori sono consci che questo tipo di valutazione presenti delle difficoltà tecniche, ciononostante, la mancanza di queste informazioni mina la rilevanza del sistema di certificazione.

Osservazioni. I revisori hanno invitato la Commissione a garantire che i sistemi di certificazione siano in grado di valutare quanto incidano nella produzione di biocarburanti i rischi socio-economici significativi ed il cambiamento indiretto dell’uso del suolo; siano in grado di verificare che i produttori di materie prime in agricoltura rispettino i requisiti ambientali; siano in grado di fornire prove sufficienti sull’origine dei rifiuti e dei residui utilizzati per la produzione di biocarburanti. La stessa Commissione dovrebbe valutare se la governance dei sistemi di controllo riduca il rischio di conflitto di interessi e sia sufficientemente trasparente; dovrebbe inoltre controllare che le operazioni dei sistemi di controllo certificati siano conformi alle norme presentate al momento del riconoscimento e che siano istituiti sistemi di reclamo trasparenti; infine, che raccolga dagli Stati membri elementi sull’affidabilità delle loro statistiche inerenti ai biocarburanti e che armonizzi la definizione delle sostanze di scarto.

Da tener presente. La legislazione europea definisce biocarburanti “liquidi o combustibili gassosi per i trasporti ricavati da biomassa”, per esempio da prodotti biodegradabili di origine agricola, forestale o dalla pesca, rifiuti o residui oppure da rifiuti industriali e urbani biodegradabili. La Direttiva sulle Energie Rinnovabili impone agli Stati membri dell’Unione europea di assicurare che entro il 2020 la quota di energia da fonti rinnovabili utilizzate nei trasporti sia pari almeno al dieci per cento sul consumo finale. Considerando l’attuale fase di sviluppo tecnico e la possibilità di utilizzare energie alternative nel settore dei trasporti, l’obiettivo del dieci per cento deve essere raggiunto solo attraverso un uso consistente di biocarburanti. I biocarburanti emettono meno gas serra, il biossido di carbonio, in particolare, rispetto ai combustibili fossili. Ma questo funziona solo se non ci sono ulteriori emissioni dovute ai cambiamenti di uso del suolo. Se l’uso del suolo  cambia, le emissioni aggiuntive sono causate dal recupero e  dalla coltivazione di nuove aree di  colture alimentari. Non c’è concorrenza con la produzione alimentare in cui i biocarburanti sono prodotti a partire da rifiuti, residui o altre biomasse non alimentari.

Fonte: Servizio Stampa Corte dei Conti Europea

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: