• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Bruchi, patate spaziali e mele di città per i buongustai di domani

3943_comunicazioneInsetti2

Insetti

Spaghetti lunari alle locuste, aguto in forno con contorno di patate marziane, frutta dei tetti milanesi: l’indicazione culinaria per il nostro futuro arriva dall’International Inventors Exhibition di Venezia (PalaExpo, fino ad oggi), dove non mancano le innovazioni per la cucina tradizionale, ma dove si sono anche confrontati, per iniziativa dell’Università di Bologna, esperti internazionali sul tema dell’ “agricoltura per un mondo sostenibile”.

Il futuro alimentare della Terra non dipenderà…dalla terra! L’indicazione comune è che il domani prossimo della nostra nutrizione non potrà dipendere dalla terra, ormai depauperata di sostanze organiche e sottoposta ad una crescente pressione antropica (la popolazione in continuo aumento), bensì dalle colture “fuori suolo”, impiantate su letti artificiali, ricchi di mirati apporti nutrienti. A tale scopo potranno essere utilizzati i capannoni industriali dismessi, ma soprattutto i tetti delle città, con evidenti vantaggi di carattere ambientale; gli studi dell’Università di Bologna (proff. Giorgio Prosdocimi Gianquinto e Francesco Orsini) dimostrano che i raccolti urbani “fuori suolo” garantiscono una salubrità del prodotto non inferiore a quella attualmente assicurata dalle colture in terreni perlopiù compromessi da inquinamento ed eccessivo sfruttamento. L’Ateneo felsineo ha già calcolato che i tetti del capoluogo emiliano potrebbero produrre il 77% del fabbisogno alimentare della popolazione cittadina!

Entomofagia. Restando sul Pianeta, per scoprire nuove opportunità alimentari, è necessario, secondo l’Università di Padova (prof. Maurizio Paoletti), abbandonare i consueti gusti per volgere l’attenzione verso le specie maggiormente presenti: insetti, ragni, acari e crostacei così come tradizionalmente fanno le popolazioni aborigene; non solo: si dovranno “addomesticare” nuove razze animali come gli aguti o le cavie porcellus, destinate ad affiancare polli e conigli.

Colture spaziali. Se non bastasse, comunque, in un futuro prossimo potremmo rivolgerci alle colture spaziali: ad affermarlo sono gli studi dell’Università di Napoli (prof.ssa Stefania De Pascale) che, in collaborazione con gli enti  spaziali, sta ricercando come alimentare gli astronauti che, entro il secolo, raggiungeranno Marte con missioni lunghe almeno 500 giorni; impensabile, quindi, alimentarsi solo con cibi “ad hoc” così come portarsi appresso derrate alimentari terrestri.  Sarà quindi necessario “coltivare”, grazie a “tecniche biogenerative”, durante il viaggio e creare serre marziane o, ancor prima lunari. I problemi maggiori? L’assente o ridotta forza di gravità e le radiazioni cosmiche. Lo “space farming” punterà inizialmente su patate, grano e soia; in attesa delle prime colonie spaziali si sta, intanto, sperimentando nei luoghi terrestri più inospitali (dall’Antartide al K2). Qualcuno già sogna nuove puntate di masterchef…

Fonte: Servizio Stampa D-nest Inventors

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: