• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Argav in trasferta nel Bolognese, nel paradiso della mortadella

alcisa-i-70-anni(di Nadia Donato) Se si parla di Bologna viene in mente anche la mortadella. Se si parla di mortadella si parla molto di Alcisa, azienda leader che si trova a pochi chilometri dal capoluogo emiliano-romagnolo, a Zola Predosa. Il prestigioso mortadellificio apre le porte dello stabilimento alla visita (e agli assaggi) di chi vuole visitare il processo produttivo del prodotto, nel 2016 ha compiuto 70 anni di attività, una ottantina di lavoratori, un fatturato che sfiora i 45 milioni di euro.

alcisa-mortadelleMarchio Igp. Il Gruppo Alcisa è lo storico e prestigioso marchio bolognese che nella mortadella Igp ha il fiore all’occhiello della variegata produzione di salumi. Azienda leader, a livello nazionale, nella produzione di mortadelle come la Due Torri che si distingue per la ricercata qualità dei tagli utilizzati: la spalla il magro di coscia e il giusto rapporto qualità-prezzo. E’ un prodotto di nicchia che pone Alcisa al top valorizzando così la tradizione gastronomica bolognese anche all’estero: Francia, Germania, Spagna e Sud America. Molte delle altre referenze della gamma si posizionano nella fascia alta di mercato, sempre con un’attenzione particolare al mantenimento del corretto rapporto qualità-prezzo.

alcisa-presentazioneUn po’ di storia. L’azienda nasce nel 1946 dall’intraprendenza di tre giovani: i gemelli Ivo e Gino Galletti e l’amico Rino Brini che alla fine della guerra decisero di rimboccarsi le maniche per “fare la mortadella buona, tenendo basso il prezzo”. Era un momento in cui c’era in tutti l’aspirazione ad una alimentazione più sostanziosa e più completa e al ritorno a cibi sani e gustosi che – come i salumi e gli insaccati di carne suina – durante il conflitto erano appartenuti, per molti, al mondo dei sogni e dei desideri più che alla realtà. Il laboratorio si trovava nel retrobottega dell’antica Salumeria Reggiani, in via Rivareno a Bologna: lì i due fratelli, recuperando un’antica ricetta, iniziarono la lavorazione della mortadella cuocendola in una stufa a legna di quercia stagionata. Dal 2011 Alcisa fa parte del gruppo Grandi Salumifici Italiani e oggi è leader nazionale nella produzione di mortadella.

alcisa-lavorazioneDalla sede centrale escono ogni settimana 1500 quintali di mortadella. Numeri che Ivo Galletti e Rino Brini spiegano così: “Ci divertiamo ancora, come quando abbiamo iniziato quest’avventura. L’entusiasmo ci spinge a non mollare. Abbiamo sempre puntato sulla qualità anche a costo di guadagnare meno. Ma ciò ha premiato e continua a premiare. I consumatori, oggi come allora, capiscono ed apprezzano i prodotti con il marchio Alcisa”. 
La classica mortadella “Due Torri”, da gustare con un Pignoletto della cantina Gaggioli con vigneti sulle Colline-Predose, continua a tenere alta la bandiera gastronomica bolognese per la gioia dei buongustai di tutto il mondo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: