• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Dop e Igp, Italia al primo posto per registrazioni, ma solo una decina quelle che contano economicamente

dop-del-veneto

Dop del Veneto

L’Italia è il primo paese dell’Unione Europea per numero di prodotti agroalimentari riconosciuti a “Denominazione d’origine protetta” (Dop – prodotti ottenuti in una determinata zona da materie prime provenienti dalla zona stessa) e ad “Indicazione geografica protetta” (Igp – prodotti di consolidata tradizione ottenuti in una determinata zona da materie prime non esclusivamente provenienti dalla zona stessa) ai sensi del Regolamento UE n. 1151/2012 che sostituisce precedenti Regolamenti comunitari in materia di qualità dei prodotti agricoli e alimentari.

Tra i prodotti a denominazioni extra europei, 10 sono cinesi. Nel 2003 l’Italia era preceduta, sia pure di una sola unità, dalla Francia; nel 2016 conta, rispetto alla stessa Francia, 52 registrazioni in più. Il ritmo medio di crescita delle nuove registrazioni italiane è stato, fra il 2003 e il 2016, di circa 12 l’anno con il minimo nel 2006 (3) e il massimo nel 2010 (24). Guardando distintamente alle due categorie di riconoscimento (Dop Igo), il nostro Paese è largamente al primo posto per i prodotti Dop e al secondo posto, dopo la Francia, per i prodotti Igp. Fra il 2010 e il 2016, l’Italia ha registrato, in media, ogni anno 5 nuove Dop e 7 nuove Igp. I riconoscimenti Dop e Igp sono stati istituiti dall’Unione Europea, ma possono essere attribuiti anche a prodotti provenienti da Paesi extra UE. Oggi i prodotti di Paesi extra UE riconosciuti Dop e Igp sono 23, di cui 10 della Cina.

Più attive le regioni del Nord. Il primato di riconoscimenti raggiunto e consolidato dall’Italia rispetto agli altri Paesi dell’UE testimonia, non solo la ricchezza di tradizioni agricole e gastronomiche nazionali, ma anche l’eccellente lavoro delle istituzioni e dei produttori. Più attive nella valorizzazione dei prodotti DOP e IGP sono le regioni del Nord (soprattutto Emilia Romagna, Veneto e Lombardia); fra le regioni del Centro, la Toscana; fra le regioni del Sud, la Sicilia.

Top ten. Rispetto al 2003, nel 2016 i prodotti italiani che si fregiano dei marchi Dop e Igp sono più che raddoppiati (da 130 a 289). La categoria produttiva per la quale il nostro Paese ha ottenuto il maggior numero di riconoscimenti è quella degli ortofrutticoli e dei cereali (110), seguita dai formaggi (51), dagli oli extravergini di oliva (45) e dalle preparazioni a base di carne (41). I prodotti Dop prevalgono numericamente sugli Igp; tuttavia questi ultimi, nel periodo 2005-2016 hanno registrato un incremento maggiore, con 73 nuovi riconoscimenti (+142%) rispetto ai nuovi 60 (+56%) dei Dop.  Al valore complessivo delle esportazioni di prodotti Dop/Igp contribuiscono soprattutto dieci prodotti: grana padano Dop, parmigiano-reggiano Dop, aceto balsamico di Modena Igp, prosciutto di Parma Dopmela Alto Adige Igp, pecorino romano Dop, gorgonzola Dop, mozzarella bufala campana Dop, prosciutto di San Daniele Dop e, a parimerito al decimo posto, mela Val di Non Dop, mortadella di Bologna Igp, speck dell’Alto Adige Igp, olio Evo toscano Igp.

Conclusioni. Il “peso” sull’export dei “top 10” è  superiore al 90%, con l’aceto balsamico di Modena Igp al terzo posto della graduatoria (493 milioni di euro nel 2014 col 92% di produzione esportata) e la mela Alto Adige Igp al quinto posto (204 milioni di euro nel 2014).  In prospettiva, si evidenzia la necessità di una valutazione sui processi di riconoscimento di Dop e Igp per prodotti disponibili in quantità limitate, commercializzati quasi esclusivamente a livello locale, per la promozione dei quali forse sarebbero sufficienti altre qualifiche di valorizzazione (come, ad esempio, quella di “prodotto tradizionale”). La diminuzione delle aziende produttrici di Dop e Igp può evidenziare o un processo di concentrazione produttiva e quindi di rafforzamento strutturale, anche in concomitanza di una situazione di maggiore competitività, oppure una progressiva riduzione dei vantaggi della certificazione di questo genere di prodotti per gli operatori della produzione primaria. La necessità di consolidare, fra i riconoscimenti già acquisiti, quelli suscettibili, in ragione delle quantità prodotte, di una migliore possibilità di promozione e commercializzazione all’estero o sul mercato nazionale a livello non solo locale.

Fonte: Centro Studi Confagricoltura

Annunci

Una Risposta

  1. […] Sorgente: Dop e Igp, Italia al primo posto per registrazioni, ma solo una decina quelle che contano economicam… […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: