• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Fondi UE per l’agricoltura sempre meno consistenti, Commissione Europea caldeggia l’uso degli strumenti finanziari, come anche la Regione Veneto

Si è svolta a Tallinn, in Estonia, una conferenza internazionale organizzata dalla Commissione Europea insieme al Gruppo BEI per illustrare alle autorità dei Paesi europei, responsabili della gestione dei fondi FEASR (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale), i meccanismi ed i vantaggi degli strumenti finanziari applicati al settore primario. All’incontro è intervenuto l’assessore regionale all’agricoltura del Veneto.

Contributi sempre più di misura. Conscia del fatto che in futuro i fondi per l’agricoltura non potranno essere consistenti quanto lo sono stati finora, già dall’inizio della programmazione 2014-2020 la Commissione Europea ha cercato di spingere il settore primario ad utilizzare strumenti finanziari piuttosto che l’utilizzo di contributi a fondo perduto. “Fin dagli inizi degli anni 2000, ka Regione del Veneto  ha istituito strumenti finanziari in agricoltura, fra cui il fondo di garanzia presso Veneto Sviluppo. Samo quindi particolarmente recettivi all’invito della Direzione Generale Agricoltura e Sviluppo Rurale europea di istituire nuovi strumenti finanziari in agricoltura. È nata così la cooperazione con Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) del Gruppo BEI, che ha posto le basi per la creazione di un fondo di garanzia di tipo “uncapped” (illimitata) in cui la Regione sosterrà il primo rischio di perdite (junior risk) a valere su 15 milioni di fondi FEASR. FEI e Cassa Depositi e Prestiti aggiungeranno proprie risorse di analogo importo per costituire un fondo di secondo rischio da utilizzare se le perdite da escussione dovessero superare il nostro stanziamento”.

Un esempio di buona pratica. L’assessore veneto ha sottolineato che, su invito della stessa Commissione Europea, hanno successivamente aderito a quest formula altre 10 regioni italiane, cosicché si sta formando una Piattaforma di Garanzia Agri, che sta suscitando  interesse nella stessa Commissione come potenziale esempio di best practice di attivazione di strumenti finanziari nel primario, in linea con le raccomandazioni europee in tal senso.

Fonte: Servizio Stampa Regione Veneto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: