• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Lupo, paure infondate, a parlarne ai soci Argav Giancarlo Ferron, guardiacaccia e autore del libro “Lo sguardo del lupo”

(di Marina Meneguzzi, vicepresidente Argav) In uno degli ultimi incontri organizzati da Argav in collaborazione con Wigwam ad Arzerello di Piove di Sacco (PD), abbiamo incontrato Giancarlo Ferron che, oltre a fare il guardiacaccia sui colli Berici, nel Vicentino, è uno dei più apprezzati scrittori italiani di montagna. L’ultima sua pubblicazione s’intitola “Lo sguardo del lupo” (Edizioni Biblioteca dell’Immagine), romanzo che racconta di una montagna abitata dai lupi, di una ragazza e di un uomo che riscoprono assieme la Natura selvaggia.

La Natura ritorna in possesso della montagna. Ferron ha raccontato di salire le Prealpi vicentine ogni giorno, per lavoro e per passione, montagne che sono sempre più abbandonate dall’uomo e che per questo, vengono occupate nuovamente dalla Natura. Negli ambienti montani c’è quindi maggiore presenza di biodiversità, fattore positivo da un lato, e sono ritornati animali come il capriolo, il camoscio e il cervo (mufloni e cinghiali sono stati invece introdotti dall’uomo). Insieme a loro, però, sono arrivati, in modo naturale, i grandi predatori, orsi e lupo. Per quanto riguarda quest’ultimo, Ferron ha ricordato che negli anni ’70 del secolo scorso il lupo, oggi protetto a livello internazionale, era presente nel Centro-Sud Italia in 100/200 esemplari e che da allora, non è in espansione lungo la Penisola, mentre lo è nel versante alpino, perché i lupi non sono stanziali, amano spostarsi.  A confermarlo, l’esempio dell’esemplare maschio che ha percorso 1800 chilometri dalla Slovenia per incontrarsi con una femmina di lupo appenninica in Lessinia, dando origine al branco presente nella montagna veronese.

Lupo, un pericolo per l’uomo? Ferron ha anche riportato alcune cifre: nel periodo 1984-2009, 32 persone sono state uccise da cani domestici, non ha però nessuna notizia di un uomo ferito da un lupo. Anche per quanto riguarda i danni da fauna selvatica (rimborsati agli allevatori al 100 per cento), le cifre parlano chiaro: nel periodo 1999-2002, il 18 per cento di questi sono stati causati dal lupo, il 72 per cento sono stati invece provocati dai cinghiali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: