• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Olivicoltura in Veneto, drastico calo dopo un 2018 abbondante

Il 2019 sarà un’annata di scarica produttiva per l’olivicoltura veneta. Dopo l’abbondanza eccezionale del 2018, le previsioni per il 2019 oscillano, infatti, tra il -50 e -60% di produzione, che è stata nel 2018 di oltre 220.000 quintali di olive in Veneto. La qualità delle olive è comunque ottima. Sono queste le stime di Aipo, Associazione interregionale produttori olivicoli Verona.

Il motivo della scarsa resa. Il meteo – l’inverno tiepido, le abbondanti e violente precipitazioni di maggio e l’eccessivo innalzamento delle temperature di giugno – hanno reso precario l’andamento produttivo dell’olivicoltura regionale. Alla riduzione delle rese contribuisce, altresì, l’insorgenza di parassiti emergenti, fungini e non, la cui identificazione ha messo a dura prova tanto le conoscenze scientifiche degli esperti agronomi di Aipo, quanto quelle dei maggiori centri universitari italiani. Alcuni areali veneti hanno tuttavia ottenuto buoni livelli produttivi tanto da prevedere una buona resa in olio che, unita alle scorte di extra vergine d’oliva di alcuni oleifici del territorio, contribuirà a limitare i danni di quest’annata di magra fisiologica. «I dati rilevati dall’Aipo già al risveglio vegetativo delle piante d’olivo lasciavano presagire una campagna all’insegna di una consistente riduzione quantitativa – evidenzia il direttore della Coldiretti di Verona Giuseppe Ruffini – Tuttavia resa in olio e qualità sembrano, tempo permettendo, garantire ottimi fruttati e bassi tenori di acidità».

L’Aipo, attraverso 250 punti di monitoraggio e sei stazioni meteo nei diversi areali olivicoli regionali, rileva dati meteorologici e le condizioni fenologiche e fitosanitarie dell’olivo che vengono regolarmente riportati sul proprio periodico. Un foglio tecnico attraverso cui l’associazione mantiene informati gli olivicoltori, non solo veneti, suggerendo il momento migliore per adottare eventuali interventi agronomici. “Ci si attende quindi un ottimo olio – conclude il direttore di Aipo Enzo Gambin – frutto della cura minuziosa che ogni singolo produttore presta nelle delicate fasi di raccolta, di trasporto delle olive al frantoio, di lavaggio del prodotto e di molitura che deve essere immediata; un’attenzione che non si riscontra in altri paesi del mondo».

Fonte: Servizio stampa Coldiretti Verona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: