• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Bilancio UE, fare di più con meno risorse (dopo Brexit), una sfida quasi impossibile

Con la pubblicazione di un documento di riflessione, la Commissione europea ha avviato il dibattito sul futuro finanziario dell’Unione. Fare di più con meno risorse, una sfida quasi impossibile.

Libro bianco sul futuro dell’Europa. La riflessione della Commissione sul futuro delle finanze dell’UE esamina le diverse opzioni a disposizione per definire un Bilancio in grado di raggiungere gli obiettivi prefissati e messi in evidenza sul “Libro Bianco sul futuro dell’Europa”. In pratica, il documento individua le possibili implicazioni finanziarie delle scelte disponibili. Günther Oettinger, commissario per il Bilancio e le risorse umane, al riguardo taglia corto: “Se l’Europa deve affrontare nuove sfide, il denaro necessario deve pur saltar fuori da qualche parte. Le alternative sono due: spendere meno o trovare nuove entrate. Qualunque cosa si faccia, però, ogni euro investito mediante il bilancio dell’UE, deve dare un valore aggiunto e avere un impatto positivo sulla vita quotidiana delle persone”.

Opzioni e scenari. Il futuro Bilancio dell’UE deve dunque affrontare una sfida difficile: fare di più con meno risorse. A fronte di un ruolo importante, sia a livello interno che internazionale, su tante materie, compresa la leadership nella lotta ai cambiamenti climatici, l’UE si ritrova a fare i conti con un bilancio che non solo arriva appena all’1% del PIL degli Stati che ne fanno parte, ma addirittura è destinato ad assottigliarsi per via della Brexit. Il documento della Commissione esamina questa sfida e presenta i principali elementi di discussione, strutturati intorno ai cinque scenari del Libro Bianco sul futuro dell’Europa presentato lo scorso marzo, ovvero: l’UE non cambia rotta; gli Stati Membri faranno di meno insieme; procederanno a velocità diverse; faranno di meno ma in modo più efficiente; faranno molto di più insieme. Ciascuno di questi scenari avrebbe conseguenze diverse per quanto riguarda il livello di spesa, gli obiettivi perseguiti e l’origine dei fondi da utilizzare. Le opzioni vanno dalla riduzione della spesa per le politiche esistenti all’aumento delle entrate. Inoltre, il documento descrive gli elementi di base del Bilancio dell’UE e le tendenze e gli sviluppi principali in settori chiave come la coesione o l’agricoltura. Il documento affronta infine questioni trasversali come il valore aggiunto dei fondi UE o l’interazione tra questi e le riforme strutturali negli Stati Membri.

Non taglia la spesa agricola! Il grido d’allarme arriva dall’Organizzazione agricola europea Copa-Cogeca, che ha rivolto un invito alle Istituzioni UE di non operare tagli alla futura spesa agricola per consentire agli Stati Membri di raggiungere gli ambiziosi obiettivi prefissatisi in materia di lotta ai cambiamenti climatici, competitività imprenditoriale, crescita economica e occupazione. Per raggiungere questi obiettivi, il comparto agricolo e rurale dell’UE deve però poter contare su un adeguato futuro Quadro Finanziario Pluriennale (QFP). Guai dunque anche solo ventilare l’idea di tagliare i finanziamenti della Politica Agricola Comune (PAC). Soltanto un settore agricolo sostenibile e in buone condizioni economiche può infatti continuare a fornire beni e servizi di carattere pubblico e ambientale, di cui tutta la società europea ne beneficia.

Agricoltura, un settore che va tutelato. Queste argomentazioni sono importanti anche alla luce della riduzione del 20% del reddito degli agricoltori registrato negli ultimi quattro anni, che corrisponde soltanto al 40% del guadagno medio degli altri settori economici. “La situazione – sottolinea in una nota Copa-Cogeca – è divenuta insostenibile. Gli agricoltori, come pure tutti i cittadini europei, si rivolgono all’UE e ai Governi nazionali perché assicurino prosperità, stabilità di lungo termine e sicurezza in questi tempi difficili. Per questo Copa-Cogeca ritiene che la PAC debba continuare ad avere regole davvero comuni, in particolare per quanto riguarda il Primo Pilastro. I suggerimenti elencati nel documento di riflessione della Commissione riguardanti il cofinanziamento del Primo Pilastro della PAC sono dunque inaccettabili. Ci aspettano decisioni difficili, ma il ruolo rilevante del settore agricolo in quanto primo produttore di alimenti sicuri, nutritivi e di qualità va riconosciuto e dovutamente finanziato.

Fonte: Europe Direct Veneto

Fondi UE per l’agricoltura sempre meno consistenti, Commissione Europea caldeggia l’uso degli strumenti finanziari, come anche la Regione Veneto

Si è svolta a Tallinn, in Estonia, una conferenza internazionale organizzata dalla Commissione Europea insieme al Gruppo BEI per illustrare alle autorità dei Paesi europei, responsabili della gestione dei fondi FEASR (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale), i meccanismi ed i vantaggi degli strumenti finanziari applicati al settore primario. All’incontro è intervenuto l’assessore regionale all’agricoltura del Veneto.

Contributi sempre più di misura. Conscia del fatto che in futuro i fondi per l’agricoltura non potranno essere consistenti quanto lo sono stati finora, già dall’inizio della programmazione 2014-2020 la Commissione Europea ha cercato di spingere il settore primario ad utilizzare strumenti finanziari piuttosto che l’utilizzo di contributi a fondo perduto. “Fin dagli inizi degli anni 2000, ka Regione del Veneto  ha istituito strumenti finanziari in agricoltura, fra cui il fondo di garanzia presso Veneto Sviluppo. Samo quindi particolarmente recettivi all’invito della Direzione Generale Agricoltura e Sviluppo Rurale europea di istituire nuovi strumenti finanziari in agricoltura. È nata così la cooperazione con Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) del Gruppo BEI, che ha posto le basi per la creazione di un fondo di garanzia di tipo “uncapped” (illimitata) in cui la Regione sosterrà il primo rischio di perdite (junior risk) a valere su 15 milioni di fondi FEASR. FEI e Cassa Depositi e Prestiti aggiungeranno proprie risorse di analogo importo per costituire un fondo di secondo rischio da utilizzare se le perdite da escussione dovessero superare il nostro stanziamento”.

Un esempio di buona pratica. L’assessore veneto ha sottolineato che, su invito della stessa Commissione Europea, hanno successivamente aderito a quest formula altre 10 regioni italiane, cosicché si sta formando una Piattaforma di Garanzia Agri, che sta suscitando  interesse nella stessa Commissione come potenziale esempio di best practice di attivazione di strumenti finanziari nel primario, in linea con le raccomandazioni europee in tal senso.

Fonte: Servizio Stampa Regione Veneto

Martedì 11 luglio 2017 a Gorizia si parla del futuro dell’Unione Europea, possibilità di partecipare su prenotazione

Il consigliere Argav Renzo Michieletto, di Europe Direct Veneto ufficio stampa Veneto Agricoltura, ci rende partecipi di questa iniziativa organizzata dalla Commissione Europea con la collaborazione dei Centri Europe Direct del Nord Est: martedì 11 luglio 2017, dalle ore 18 alle 19,30, nell’ambito del “Dialogo con i cittadini, il futuro dlel’Europa“, si terrà a Gorizia una conferenza dedicata al Libro Bianco sul futuro dell’UEcon la Commissaria europea Violeta Bulc.
Disponibili ancora alcuni posti. L’incontro rappresenta un’opportunità per condividere il proprio punto di vista sui temi trasnazionali e sul futuro dell’Europa. Il Libro Bianco individua i fattori di cambiamento del prossimo decennio e presenta cinque differenti scenari per la possibile evoluzione dell’Unione Europea da qui al 2025. Per facilitare la partecipazione all’incontro, si sta predisponendo un pullman con partenza da Padova (ore 9) e Mestre (9.45). Sono disponibili ancora alcuni posti (viaggio e ingresso gratuiti). E’ necessaria la prenotazione scrivendo a infoeuropa@comune.venezia.it

Argav in viaggio in Europa, alla scoperta del futuro della PAC a Bruxelles, tra “porte verdi” olandesi, filari di ciliegino coltivati su lana di roccia e verdure bio coltivate con i trattori veneti

(di Marina Meneguzzi, vicepresidente Argav) Minata dagli effetti di una terribile crisi economica, l’Unione Europea sta attraversando uno dei peggiori periodi della sua storia sul piano istituzionale, morale e culturale.

Istituzioni UE aperte alla visita dei cittadini. Tuttavia, chi scrive è convinta che gli ideali di pace, unità e prosperità che hanno ispirato i padri fondatori all’indomani della seconda Guerra Mondiale (Konrad Adenauer, Joseph Bech, Johan Willem Beyen, Winston Churchill, Alcide De Gasperi, Walter Hallstein, Sicco Mansholt, Jean Monnet, Robert Schuman, Paul-Henri Spaak, Altiero Spinelli) non siano parole vuote ma valori di grande attualità e necessità. Sono stata quindi lieta di partecipare lo scorso maggio, insieme ad altri giornalisti europei, ad un interessante viaggio studio organizzato dalla Commissione europea attraverso la Direzione Generale Agricoltura, per parlare del futuro della Politica agricola (PAC) e far conoscere alcuni aspetti del mercato ortofrutticolo europeo. Nel corso della due giorni, abbiamo avuto la possibilità di visitare le principali istituzioni UE: dalla Commissione (il “braccio esecutivo”), composta da un gruppo o collegio di commissari, uno per ciascun paese UE, al Consiglio dell’Unione Europea (composto dai ministri dei governi di ciascun Paese UE) al Parlamento europeo (organo legislativo, il prossimo sarà eletto dai i cittadini UE nel 2019). Istituzioni, queste, sempre aperte aila  visita dei cittadini UE.

La PAC del futuro, come sarà? Non sappiamo ancora l’ammontare del budget ad essa destinato, e dopo l’uscita del Regno Unito, la “coperta finanziaria” UE sarà decisamente più corta, ma certamente dovrà tener conto dei fattori sociali (ricambio generazionale in agricoltura) e ambientali (cambiamento climatico) che sempre più influiscono sui processi decisionali. E’ evidente anche la necessità di modernizzare (agricoltura di precisione)  e di semplificare, perché la troppa burocrazia soffoca l’innovazione e l’efficenza di una struttura che, in ogni caso, ha permesso finora agli agricoltori di fornire ai consumatori un’ampia gamma di alimenti di qualità a prezzi accessibili e prodotti in maniera sostenibile, promuovendo nel contempo le economie rurali. Una prima discussione sul processo di modernizzazione e semplificazione della Pac è stato avviata dalla Commissione europea “dal basso” attraverso una consultazione pubblica on-line, svoltasi dal 2 febbraio al 2 maggio scorso,  che ha ottenuto 322.912 contributi, e che ha visto l’Italia al terzo posto in termini di numero di risposte (38.425) dopo Germania (147.142) e Francia (40.390). Il questionario formulato per la consultazione, tradotto nelle 23 lingue ufficiali UE, consisteva in 28 risposte chiuse e 5 aperte, e dava la possibilità di allegare brevi testi a suffragio delle proprie idee. La maggioranza delle risposte sono state individuali (97 per cento), il restante 3 per cento è stato dato da organizzazioni (private, pubbliche, Ong, di categoria, associazioni). La maggior parte dei contributi individuali appartenevano a persone non coinvolte direttamente in agricoltura (93 per cento), mentre quelli arrivati dalle organizzazioni provenivano da aziende private (61 per cento) e che lavorano nel settore agricolo (77 per cento). L’analisi più approfondita nonché le conclusioni della consultazione pubblica saranno condivisi ufficialmente domani, venerdì 7 luglio, a Bruxelles, nella Conferenza sul futuro della PAC promossa da DG Agricoltura della Commissione europea, presieduta dal Commissario Phil Hogan.

Ortofrutta, in Europa se ne mangia sempre meno. Mentre la Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura), raccomanda un consumo di almeno 400 gr al giorno di frutta e verdura a persona, circa metà dei Paesi europei – tra cui non figura l’Italia – sono al di sotto di tale soglia. Il consumo di prodotti freschi registra in effetti un calo (-9,4 per cento per la frutta e -10.3 per cento per la verdura, dati 2010 rispetto alla media 2005/2009). Le cifre, fornite nel viaggio studio a Bruxelles da Ag-press-eu, piattaforma rivolta ai giornalisti europei che si occupano di tematiche legate all’agricoltura, spiegano le misure di sostegno elargite dalla Commissione alle organizzazioni di produttori di frutta e verdura europei, colpiti anche dall’embargo russo, vigente dal 2014. Una nuova legislazione che ne regola il mercato è entrata in vigore il 1 giugno 2017, pensata anche per incentivare l’adesione alle organizzazioni di produttori di frutta e verdura, che d’ora in poi beneficeranno di regole più semplici, di un onere amministrativo ridotto e di un maggiore sostegno finanziario. Misure importanti per un settore che vale in Europa 47 miliardi di euro, e che conta una produzione annua di 101 milioni di tonnellate di frutta (44 t) e verdura (57 t), destinati per oltre l’80 per cento al mercato interno, 5,5 milioni gli ettari coltivati, 3,4 milioni le aziende coinvolte, un quarto di tutte le aziende agricole europee.

Ed un bambino su 3 in Europa è sovrappeso. Una conseguenza dovuta a più cause, tra cui anche l’abitudine dei bambini a mangiare merendine confezionate, ricche  di “calorie vuote”. Nel corso del viaggio studio a Bruxelles, ci hanno informato che, per aumentare la quota di cibo sano nella dieta dei giovani, la Commmissione europea ha messo a disposizione per l’anno scolastico 2017/18 250 milioni di euro per il progetto “Frutta, verdura e latte a scuola,  che comprende, oltre alla somministrazione del cibo in questione (per l’Italia, 21.704.956 euro per frutta e verdura e 9.261.220 di euro per il latte), lezioni ai bambini (6-12 anni) sulla dieta salutare, nonché monitoraggio e valutazione dell’azione di sensibilizzazione intrapresa.

Cooperativa Zon Frutta e Verdura, peperoni smistati a seconda delle dimesioni, cambia il prezzo

Olanda, “porta verde” d’Europa. Una giornata del viaggio studio a Bruxelles è stata dedicata alla visite in “campo”, dapprima ad una delle più importanti cooperative ortofrutticole in EuropaZon fruit&vegetables, che si trova a Venlo, in Olanda. Fondata nel 1915, la cooperativa oggi conta 220 soci agricoltori, serve 30 milioni di consumatori europei – compresi i clienti di molti supermecati italiani – ed ha registrato nel 2016 un fatturato di 295 milioni di euro. Leader nella produziome di peperoni, cetrioli, asparagi e pomodori, la cooperativa serve soprattutto il mercato tedesco (80 per cento), quindi il resto d’Europa. Suddivisa in Frutta & Verdura (commercializzazione, vendita, logistica, imballaggio, controllo qualità e tracciabilità), Piccoli frutti (vendita e imballaggio), impressiona la realtà del Fresh Park Venlo, un moderno ed efficiente “parco” di 130 ettari che dà occupazione a 1500 persone (3000 nel periodo di picco), che ospita più di 130 aziende di produzione e servizi e che, grazie alla posizione strategica ed ai collegamenti con le principali vie di comunicazione, è tra i più importanti centri logistici in Europa per i prodotti freschi.

Filari di pomodori, tra bombi e lana di roccia. Abbiamo visitato anche uno dei soci della cooperativa Zon, Westburg BV , dei fratelli Bas e Ton val Leeuwen, che in 14 ha all’interno di 3 serre all’avanguardia producono da 25 anni pomodorini ciliegino rossi e gialli e pomodorini datterino per un totale di 4.500 tonnellate l’anno. I pomodori vengono coltivati a filari su un substrato di lana di roccia con ricircolo dell’acqua di irrigazione, il che consente di risparmiare acqua (10 litri per un kg di pomodori anziché 100 litri) e di gestire in maniera più semplice l’intero processo di crescita. Le piante vengono impollinate in modo naturale con i bombi, contro i parassiti viene usata la lotta integrata, e la raccolta viene fatta a mano (rappresenta il 50 per cento dei costi di produzione) sei giorni su sette da fine gennaio a novembre. L’energia necessaria per la produzione nelle serre è ottenuta da un sistema di cogenerazione che combina energia e calore. Un computer controlla le quantità d”acqua e di calore necessari, a seconda delle condizioni meteo. La maggior parte dell’elettricità generata è venduta alla società elettrica del posto, quando tutti i loro sistemi sono operativi, forniscono una produzione di energia sufficiente a coprire il fabbisogno elettrico di oltre 9 mila famiglie. Ho assaggiato i pomodorini, il gusto era saporito, forse non così persistente come quelli maturati al sole, un po’ impressionante la lunghezza e l’altezza dei filari, che fanno pensare ad una sorta di “catena di montaggio” verde, molto efficiente e adatta a soddisfare le esigenze di consumatori che vogliono trovare in tavola i pomodorini in qualsiasi periodo dell’anno.

da sx, Frank, la figlia Kim e la moglie Chris

Tra i fiamminghi, un po’ di Veneto. Infine, abbiamo visitato un produttore di porri, finocchi e cavolfiori bio, Frank Schelfhout, la cui azienda di dieci ettari, condotta con la moglie Chris e la figlia Kim, si trova  a Bornem, nelle Fiande, la parte fiamminga del Belgio. Frank ha iniziato a produrre bio nel 2008, ci ha spiegato che trapianta piantine “convenzionali”, che non tratta però poi con prodotti chimici di sintesi, e che osserva rigorosamente la rotazione agraria, vendendo il totale della produzione alla cooperativa belga Bel’Orta. Frank ha meccanizzato al massimo le varie fasi di coltivazione per ragioni di costo di manodopera, che altrimenti lieviterebbe. Tra i mezzi da lui utilizzati, in bella mostra c’era anche un trattore con un’attrezzatura Gaspardo, multinazionale con sede a Campodarsego, nel Padovano.

Aiuti UE ai giovani agricoltori, Corte dei conti Europea: “Da migliorare obiettivi perseguiti e misurazione dei progressi ottenuti per favorire il ricambio generazionale in agricoltura”

Nell’ultimo decennio il numero complessivo degli agricoltori dell’UE (Croazia esclusa) ha registrato un rapido declino, scendendo dai 14,5 milioni del 2005 ai 10,7 milioni del 2013. Nello stesso periodo, il numero dei giovani agricoltori è diminuito da 3,3 milioni a 2,3 milioni. Dato che il numero di agricoltori è calato in tutte le fasce di età, la percentuale di giovani agricoltori è rimasta relativamente stabile, appena al di sopra del 20%. Si notano però significative differenze tra gli Stati membri.

Aiutati circa 200 mila giovani agricoltori. Tra il 2007 e il 2020, l’UE ha stanziato 9,6 miliardi di euro in aiuti ai giovani agricoltori, allo scopo di promuovere la competitività delle aziende e il ricambio generazionale in agricoltura. Se si aggiunge il co-finanziamento, da parte degli Stati membri, a titolo della misura di insediamento prevista dal pilastro 2, il sostegno pubblico ammonta in totale a 18,3 miliardi di euro. Nel periodo 2007‑2013 quasi 200 mila giovani agricoltori hanno ricevuto, da parte dell’UE, aiuti per l’insediamento.

Favorire il ricambio generazionale. Stando a una nuova relazione della Corte dei conti europea, troppo spesso il sostegno dell’UE ai giovani agricoltori è definito in maniera inadeguata, senza specificare i risultati o l’impatto. La Corte dei conti europea invita, quindi, a rendere più mirato il sostegno per promuovere efficacemente il ricambio generazionale. L’audit si è incentrato sui quattro Stati membri dell’UE che registrano le spese più rilevanti a favore dei giovani agricoltori (cioè di età non superiore a 40 anni): Francia, Spagna, Polonia e Italia. La Corte ha rilevato differenze notevoli tra la gestione dei pagamenti del “pilastro 1”, che prevedono per i giovani agricoltori l’integrazione dei pagamenti diretti con un ulteriore 25%, e i pagamenti del “pilastro 2” versati ai giovani agricoltori al loro primo insediamento.

Nell’ambito del pilastro 1, l’aiuto non si basa su una valida valutazione delle esigenze, non rispecchia l’obiettivo generale di incoraggiare il ricambio generazionale, non è sempre erogato ai giovani agricoltori che ne hanno bisogno ed è talvolta fornito ad aziende in cui i giovani agricoltori svolgono un ruolo soltanto secondario. Gli Stati membri non coordinano i pagamenti del pilastro 1 con il sostegno del pilastro 2 ai giovani agricoltori. L’aiuto viene erogato in forma standardizzata, senza rispondere ad altre esigenze specifiche se non quella di fornire un reddito supplementare. Il quadro comune per il monitoraggio e la valutazione non comprende indicatori di risultato.

Il pilastro 2, pur essendo basato in linea generale su una valutazione vaga delle esigenze, persegue finalità che, in parte, rispecchiano di fatto l’obiettivo generale di incoraggiare il ricambio generazionale. L’aiuto risponde più direttamente alle esigenze dei giovani agricoltori in materia di accesso alla terra, al capitale e alla conoscenza. L’importo dell’aiuto è generalmente collegato alle esigenze e modulato per incentivare azioni specifiche (ad esempio, l’introduzione dell’agricoltura biologica o di iniziative per il risparmio idrico o energetico). I piani aziendali sono strumenti utili, ma la loro qualità variava da uno Stato membro controllato all’altro. Le autorità di gestione non sempre hanno applicato procedure di selezione atte a dare priorità ai progetti migliori. “È essenziale che il sostegno ai giovani agricoltori sia efficace, se si intende assicurare un’attività agricola sostenibile per le generazioni a venire,” ha affermato Janusz Wojciechowski, il Membro della Corte dei conti europea responsabile della relazione. “Abbiamo però rilevato scarsi elementi che dimostrino l’effetto di queste misure e se aiutano davvero i giovani agricoltori, soprattutto a causa di una focalizzazione insufficiente e di indicatori di bassa qualità.”

I punti di debolezza. Nonostante la tardiva introduzione di criteri di selezione nel periodo 2007‑2013, questi non hanno consentito di assegnare la priorità ai progetti migliori in quanto le soglie minime erano troppo basse o inesistenti. In alcuni Stati membri, la dotazione finanziaria è stata subito esaurita all’inizio del periodo di programmazione, il che ha impedito agli agricoltori che si sono insediati successivamente di percepire fondi. “Per rendere gli aiuti efficaci, l’UE e gli Stati membri devono in primo luogo definire meglio chi intendono aiutare e quale risultato debba perseguire l’assistenza europea; in seguito, devono concentrarsi sulla misurazione dei progressi compiuti”, ha aggiunto Wojciechowski.

Le raccomandazioni. La Corte raccomanda alla Commissione europea e agli Stati membri di: 1) migliorare la logica di intervento, rafforzando la valutazione delle esigenze e definendo obiettivi che rispecchino l’obiettivo generale di promuovere il ricambio generazionale; 2) rendere più mirate le misure, migliorando la selezione dei progetti e utilizzando piani aziendali; 3) migliorare il monitoraggio e la valutazione attingendo alle migliori pratiche elaborate dagli Stati membri.

La relazione speciale n.10/2017 intitolata “Rendere più mirato il sostegno dell’UE ai giovani agricoltori per promuovere efficacemente il ricambio generazionale” è disponibile in 23 lingue dell’UE sul sito Internet della Corte.

Fonte: Servizio stampa Corte dei conti europea

 

No alla dicitura “latte” per le bevande vegetali, pronunciamento della Corte di Giustizia europea

La Corte di Giustizia europea si è pronunciata sul rischio di ambiguità delle indicazioni sulle bevande vegetali stabilendo che “i prodotti puramente vegetali non possono, in linea di principio, essere commercializzati con denominazioni come ‘latte’, ‘crema di latte’ o ‘panna’, ‘burro’, ‘formaggio’ e ‘yogurt’, che il diritto dell’Unione riserva ai prodotti di origine animale” anche se “tali denominazioni siano completate da indicazioni esplicative o descrittive che indicano l’origine vegetale del prodotto in questione”.

Sanato un danno indiretto al vero settore lattiero caseario. “Già i nostri allevatori devono fare i conti ogni giorno con le distorsioni del mercato, i notevoli investimenti imposti dalle normative, il continuo aumento del costo con le materie prime. Se poi ci si mettono anche le ambiguità sulle indicazioni, non è più finita, ben venga dunque il pronunciamento della Corte di Giustizia europea, che ha messo un punto fermo sulla questione”, ha affermato in una nota Giovanni Roncalli, presidente di Coldiretti Padova.

Fonte: Servizio stampa Coldiretti Padova

CETA UE/Canada, prove tecniche di collaborazione

Guidati dal Commissario europeo per l’Agricoltura, Phil Hogan, i rappresentanti di Copa-Cogeca hanno preso parte ad una missione commerciale in Canada che costituisce una buona opportunità per trovare nuovi mercati per la produzione europea e per incontrare gli operatori commerciali, dopo che nei mesi scorsi UE e Canada hanno siglato l’accordo di libero scambio CETA.

La delegazione (circa 60 dirigenti europei dell’agroalimentare) ha partecipato a numerosi incontri con rappresentanti dei Ministeri, del commercio e dell’industria canadesi. Si è trattato di una importante occasione per promuovere i prodotti europei, incontrare gli importatori e sensibilizzare il pubblico circa le elevate norme da rispettate dalle aziende dell’UE per garantire l’effettiva applicazione del CETA. Nel corso degli incontri è emerso che questo Accordo può fornire concreti benefici da entrambi i lati, ammesso che venga gestito adeguatamente e che i contingenti tariffari sulle importazioni di prodotti agricoli vengano gestite in maniera tale da evitare il disfunzionamento del mercato. Per questo é essenziale garantire l’accesso al mercato alle piccole e medie imprese (PMI), comprese le cooperative. Le Organizzazioni agricole europee, da parte loro, hanno chiesto che la burocrazia in Canada venga minimizzata per abbassare la soglia, in modo che le PMI possano avere accesso al mercatocanadese.

Occhi aperti sulle carni. In particolare, Copa-Cogeca ha accolto con favore il migliore accesso ai mercati canadesi per i prodottilattiero-caseari e il vino europei, ma allo stesso tempo ha avvisato che “saranno tenuti gli occhi aperti”, soprattutto rispetto al maggiore accesso al mercato UE per le carni bovine e suine canadesi oggetto dell’accordo. Il divieto di promotori della crescita è altresì un segnale positivo per la produzione di carni bovine, nonché le carni suine prive di ractopamina.

Aumento della richiesta di carni bovine UE di alta qualità. Missioni commerciali analoghe si sono svolte lo scorso anno a ad Hong Kong, in Vietnam, a Singapore, in Indonesia, in Giappone, in Messico e in Colombia, di cui si cominciano a vedere i primi risultati. In particolare, si é già riscontrato un aumento della domanda delle carni bovine UE di alta qualità da parte degli importatori ad Hong Kong, secondo mercato di esportazione per le carni bovine dopo la Turchia, tanto che le importazioni sono aumentate di 12.000 t lo
scorso anno, rispetto al 2015. Dopo aver visitato questi Paesi, stanno emergendo anche nuove opportunità di mercato nel settore cerealicolo.

Fonte: Europe Direct Veneto