• Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le news sulla tua casella di posta elettronica

    Unisciti agli altri 164 follower

  • Post più letti

  • Archivio articoli

Ogm: no del Consiglio di Stato a coltivazioni in Italia

ogm“Una nuova vittoria per l’agricoltura di qualità, quindi per il Veneto e per i suoi agricoltori”.
Con queste parole il presidente della Regione Luca Zaia ha commentato la sentenza con la quale il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso di un produttore contro il decreto nazionale che vieta le coltivazioni Ogm in Italia.

Biodiversità un valore. “Quella contro gli ogm – sottolinea Zaia – è una battaglia storica, condotta dal Veneto sempre in prima fila, per difendere la vera agricoltura, i veri agricoltori, le vere produzioni, il cui valore sta nella loro diversità e non nell’omologazione ai livelli più bassi. Occorre comunque tenere la guardia alta rispetto a qualsiasi tentativo di contaminazione dei nostri terreni – conclude Zaia – che equivarrebbe a un attentato all’agricoltura con la A maiuscola e alla qualità che i nostri agricoltori sanno portare sulle tavole dei nostri cittadini”.

Veneto in prima linea contro gli Ogm. “E’ un’altra battaglia vinta dall’agricoltura italiana e veneta di qualità, della biodiversità e della capacità degli imprenditori di affrontare le difficoltà con il coraggio di chi sa fare impresa senza cedere alle lusinghe di quanti vorrebbero dominare il settore, lasciando agli agricoltori il ruolo di mezzadri”, ha aggiungo con soddisfazione l’assessore all’Agricoltura della Regione del Veneto Franco Manzato. “Una decisione – aggiunge Manzato – che si indirizza autorevolmente nella direzione più volte indicata sia dalle Regioni italiane, sia dagli organismi europei. Il Veneto è particolarmente coinvolto da questa positiva decisione – conclude Manzato – perché è tra l’altro la Regione che ha dato vita ad una task force anti Ogm a tutela della trentina di prodotti Dop e Igp e dei circa 370 prodotti tipici registrati nella regione: un’agricoltura che crea valore, occupazione, qualità per il consumatore”.

Fonte: Regione Veneto

Confermato divieto di coltivazione del mais Ogm Mon810

ogmIl ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, il Ministro delle politiche agricole, Maurizio Martina e quello dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, hanno firmato il 23 gennaio scorso il decreto che sancisce il divieto di coltivazione di mais Ogm MON810.

Ue, ogni Stato libero di decidere. Il provvedimento proroga, per un periodo di ulteriori 18 mesi dalla sua entrata in vigore, il divieto già emanato con il precedente decreto interministeriale del 12 luglio 2013. La decisione anticipa il recepimento in Italia della nuova Direttiva in materia di OGM che sancisce il diritto degli Stati Membri di limitare o proibire la coltivazione di organismi geneticamente modificati (Ogm) sul territorio nazionale.

Fonte: Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Ogm, Parlamento Ue approva norma su libera scelta nazionale. L’Italia rinnoverà il divieto di coltivazione del mais Mon810. E Manzato chiede l’etichettatura “Ogm free”.

ogmIl Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali comunica che il 13 gennaiio 2015 il Parlamento europeo ha dato il via libera al testo di accordo raggiunto nelle scorse settimane tra Consiglio, Commissione e Parlamento europeo sulla riforma della Direttiva in materia di OGM che sancisce il diritto degli Stati Membri di limitare o proibire la coltivazione di organismi geneticamente modificati (ogm) sul territorio nazionale, anche se questi sono autorizzati a livello europeo, per motivi di natura economica ed agricola.

Una scelta che premia la distintività del modello agricolo italiano. “È un successo della Presidenza italiana – ha dichiarato il Ministro delle politiche agricole Maurizio Martina – del ministro Galletti, con cui abbiamo lavorato a stretto contatto, che ha presieduto in questi mesi il Consiglio dei Ministri dell’Ambiente competente sulla materia OGM. Un risultato che non era scontato e sul quale si lavorava da più di 4 anni. Molto importante è stato anche il dialogo e il lavoro fatto dal Parlamento europeo e in particolare dalla delegazione italiana. È una scelta che risponde alle attese degli agricoltori, dei territori e di tutti gli italiani che hanno a cuore la qualità, la tipicità dei nostri prodotti alimentari e la distintività del nostro modello agricolo. Bene quindi che ora sia data libertà di scelta ai singoli Paesi dell’Ue. In Italia rinnoveremo il divieto di coltivazione del mais Mon810 e proprio nei prossimi giorni ci confronteremo con i Ministri Lorenzin e Galletti per procedere”.

L’accordo raggiunto con il Parlamento Europeo ha migliorato il testo approvato in prima lettura dal Consiglio europeo nel giugno scorso sotto tre aspetti rilevanti: 1- le valutazioni sui rischi ambientali e sanitari, di competenza dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare, dovranno essere aggiornate ogni due anni per tener conto del progresso scientifico e del principio di precauzione che è un pilastro del diritto ambientale internazionale;
2- gli Stati Membri possono chiedere, tramite la Commissione europea, alle imprese produttrici di OGM, di escludere i loro territori dal novero dei Paesi nei quali intendono chiedere l’autorizzazione europea alla coltivazione; ma questa fase di “negoziato” con le imprese non è più obbligatoria, e gli Stati Membri potranno decidere di passare direttamente al divieto di coltivazione per le motivazioni indicate nella Direttiva; 3- gli Stati Membri, prima di introdurre il divieto di coltivazione, dovranno comunicare il relativo provvedimento alla Commissione europea ed attendere 75 giorni per il parere, ma durante questo periodo di attesa gli agricoltori non potranno comunque procedere alla semina dei prodotti interessati dall’ipotesi di divieto.

Manzato: Ogm, commercio sempre possibile, necessaria trasparenza nell’etichettatura. “E’ definitivo, ogni stato membro deciderà autonomamente se consentire, sul territorio nazionale, la coltivazione di organismi geneticamente modificati. Un traguardo notevole che consentirà all’Italia di proclamare ufficialmente la propria contrarietà alla commistione di tali colture con quelle tradizionali, ma che non riuscirà ancora ad arginare l’intrusione di Ogm nella nostra dieta alimentare, non essendone scoraggiato il commercio”. Una soddisfazione parziale quella dell’assessore all’Agricoltura Franco Manzato che ha commentato in questo modo il voto finale dell’Europarlamento in materia di Ogm. “Urge che il Ministero delle Politiche agricole intervenga con un nuovo decreto che sostituisca il precedente in scadenza – ha spiegato l’assessore – formulando parallelamente la ratifica al regolamento europeo che detta la posizione nazionale. A tal proposito suggerisco di tenere a mente anche l’opportunità di dare la possibilità, mediante legge, di etichettare i prodotti alimentari Ogm free, dando la possibilità alle aziende di trasformazione di specificare questo dettaglio nella descrizione del prodotto”. Il Veneto aveva abbozzato questa ipotesi qualche anno fa, ma la mancanza di libertà di decidere sul tema Ogm aveva limitato qualsiasi ipotesi. “A seguito dell’approvazione in sede comunitaria di questo provvedimento di autorizzazione a decidere a livello nazionale, l’Italia dovrà acquisire gli strumenti per intervenire non solo sul divieto di coltivazione, ma  anche su alcuni aspetti della commercializzazione”.

Fonte: Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali/Regione Veneto

6 dicembre 2014, ad Ospedaletto Euganeo (Pd) si manifesta per un cibo sano per tutti, animali compresi

ogmAll’insegna del motto “un cibo sano per tutti (anche per gli animali)”, il Coordinamento Zero Ogm dà appuntamento ai cittadini sabato 6 dicembre 2014 ad Ospedaletto Euganeo (Pd) dalle 10 alle 14 davanti al mangimificio Veronesi per chiedere al gruppo di convertire tutte le sue filiere all’Ogm free e di garantire tracciabilità sui prodotti finiti (partenza da Padova, per info contattare AltrAgricoltura Nord Est tel. 049.7380587).

Produzione Ogm vietata in Italia, ma non in tutto il mondo. “In Italia – spiega una nota stampa del Coordinamento – mangiamo Ogm senza nemmeno saperlo. Gli Ogm arrivano sugli scaffali dei supermercati direttamente all’interno di prodotti di largo consumo o indirettamente, perché gli animali da cui derivano carne, latte, formaggio, uova e altri prodotti sono alimentati con mangimi che nell’80% dei casi contengono Ogm. Tra i principali attori di questo mercato c’è il Gruppo Veronesi, leader a livello nazionale nella produzione di mangimi, primo produttore avicolo in Europa e con i marchi Negroni e Montorsi tra le prime aziende nell’industria salumiera”.

La risposta del Gruppo Veronesi. Il 4 ottobre 2014, il Coordinamento Zero Ogm ha manifestato una prima volta davanti al mangimificio di Veronesi a San Pietro in Gù (Pd). Dopo la manifestazione, il Gruppo Veronesi ha inviato al Coordinamento una lettera, messa a nostra disposizione, in cui si specifica che: “Il Gruppo Veronesi non ha interessi di nessun tipo per quanto riguarda la coltivazione e la commercializzazione di soia e mais geneticamente modificati e che il Gruppo ripone piena fiducia nei processi decisionali della legislazione alimentare e nel fondamento scientifico dei regolamenti delle Istituzioni Europee orientati alla massima precauzione e tutela della salute e del benessere dei cittadini ed unanimamente riconosciuti come i più restrittivi del mondo”. “Le nostre aziende – continua la lettera – sono impegnate da oltre 50 anni nella produzione di carni avicunicole e di suino, uova, elaborati e offrono alimenti sani, sicuri e di alta qualità che rispettano scrupolosamente le normative europee. Per quanto riguarda tutti i prodotti elaborati contenenti ingredienti, il Gruppo garantisce che, “sulla base delle dichiarazioni dei nostri fornitori (come previsto dai regolamenti comunitari Reg. Cee 1829/2003 e 1830/2003) non sono costituiti, non contengono e non derivano da Ogm. Per quanto riguarda le carni avicole tal quale, siamo da tempo anche impegnati nella produzione di animali alimentati con mangimi che non derivano da Ogm fornendoli ai principali retailers italiani ed europei che ne fanno richiesta. A questo scopo, l’azienda dispone anche di un laboratorio in grado di assicurare, attraverso un sistema di verifiche analitiche, la possibile presenza di Dna modificati“. “Il Gruppo – conclude la lettera – continuerà nei prossimi anni a seguire l’evoluzione del tema attraverso il monitoraggio del gradimento del consumatore nei differenti mercati, la verifica della disponibilità di mais e soia non derivanti da Ogm, le indicazioni del mondo della ricerca scientifica e il dialogo continuo con i propri clienti e consumatori nel pieno rispetto delle norme nazionali e comunitarie”.

La controrisposta del Coordinamento. Il Coordinamento considera la risposta del gruppo Veronesi “evasiva, tanto da prefigurare l’impossibilità di qualsiasi confronto”. “Il Coordinamento – si legge nella nota stampa – è a conoscenza che il Gruppo Veronesi nel 2009, sentito dalle Commissioni 7° e 9° del Senato, ha dichiarato di importare 40 mila tonnellate di soia Ogm al mese e solo 9 mila tonnellate di soia free Ogm. In più, il Coordinamento ha acquisito una confezione di mangimi per vacche “lattifera 18 pallet” a marchio Veronesi dove nell’etichetta c’è scritto che contiene materiale Ogm. Questo significa che partecipa alla commercializzazione di materiale trasgenico, acquisendo prodotti transgenici sul mercato internazionale e vendendoli trasformati in mangimi. Di fronte a ciò, il Coordinamento Zero OGM ha deciso di intensificare le iniziative di mobilitazione. Pertanto, sabato 6 dicembre 2014, ribadirà le sue richieste al gruppo Veronesi, vale a dire: che vengano prese tutte le misure necessarie al fine di garantire tracciabilità e trasparenza sul prodotto finito, come la presenza di un’etichetta chiara che indichi la presenza di OGM nell’alimentazione degli animali o in qualsiasi altra componente di prodotto, la conversione delle filiere compromesse con gli OGM, con  l’obiettivo di costruire e mantenere una produzione sementiera Ogm free e una mangimistica totalmente Ogm free, rispettosa dell’ambiente e della salute umana  e animale. “La non risposta a queste domande – conclude il Coordinamento – porterà a pensare che mais e soia Ogm vengono utilizzati come base dell’alimentazione di tutti gli animali dai quali derivano i prodotti finiti del gruppo, prodotti che consideremo «a rischio Ogm» : Negroni, Aia, Wudi, Golosino, Aequilibrium, ecc.”.

Fonte: Coordinamento Zero Ogm

Ogm, associazioni e cittadini manifestano per dire no a mangimi transgenici

10475415_10203531384097985_6220882549273149634_o

Un momento della manifestazione (foto Circolo Wigwam Il Presidio sotto il Portico)

Il Coordinamento “Zero Ogm”, formato da numerose associazioni e cittadini, ha manifestato ieri davanti agli stabilimenti padovani di San Pietro in Gù del mangimificio Gruppo Veronesi, per chiedere all’azienda di riconsiderare la loro politica in materia di produzione e commercializzazione di mangimi che contengono sementi geneticamente modificati (Ogm).

Le questioni mosse al manigimificio. Il Coordinamento ritiene infatti che gli Ogm rappresentino un pericolo per la salute umana e animale, che non evitino l’uso di pesticidi e siano una grave minaccia per l’ambiente, che non siano più economici e che non aumentino la produttività delle colture e non aiutino a risolvere il problema della fame nel mondo. Ritiene altresì che gli Ogm  mettano a rischio la sovranità alimentare, la biodiversità e le specificità di ogni regione (in pianura padana esistevano circa 500 tipi di mais diversi). Il Coordinamento denuncia anche la mancanza di trasparenza sull’etichetta dei prodotti finiti del mangimificio, in quanto non viene riportato se essi contengano o meno derivati di Ogm o se gli animali da cui deriva il prodotto sono stati alimentati con mangimi Ogm, il che impedisce ai consumatori una libera scelta.

80% dei mangimi animli contiene materia transgenica. Gli Ogm arrivano sugli scaffali dei supermercati all’interno di prodotti di largo consumo, come derivati (amido modificato di mais, sciroppo di mais, mono e digliceridi degli acidi grassi, destrosio, lecitina di soia [E322], olio di soia, oli vegetali, olio di mais) o indirettamente, perché gli animali sono stati alimentati con soia e mais Ogm. Attualmente la coltivazione di Ogm in Italia è vietata dal Decreto Interministeriale del 12.07.2013, ma questo non impedisce che sementi transgeniche provengano da altri paesi, principalmente per l’utilizzo nella mangimistica. In Italia ormai, circa l’80% dei mangimi animali contiene materia prima transgenica.

Le richieste. La manifestazione era volta a chiedere al Gruppo Veronesi un impegno a far  pressione sui propri fornitori e clienti in modo da garantire sin da subito tracciabilità e trasparenza sul prodotto finito, ricorrendo a un’etichetta chiara che indichi la presenza di Ogm nell’alimentazione degli animali o in qualsiasi altra componente di prodotto. Il Coordianamento ha chiesto altresì di mettere in calendario la conversione delle filiere compromesse con gli Ogm, in modo da i consolidare la produzione sementiera italiana e di importazione Ogm free e di costituire una mangimistica totalmente Ogm free, rispettosa dell’ambiente e della salute umana e animale.

Fonte: Circolo Wigwam Presidio sotto il Portico

Ogm. Confagricoltura: “L’ultima parola deve spettare alla scienza”

ogmUn approccio pragmatico. E’ quanto chiedono i ricercatori e gli imprenditori agricoli presenti al
dibattito organizzato nei giorni scorsi da Confagricoltura Lombardia e Veneto dal titolo “L’intelligenza italiana rilancia la ricerca genetica in agricoltura”. “Noi studiosi abbiamo il dovere di consegnare qualcosa di buono agli altri – ha sottolineato la senatrice a vita Elena Cattaneo, presente all’incontro – sappiamo fare il nostro mestiere, ma devono permettercelo. Siamo i primi a porci delle domande, ma per trovare risposte abbiamo bisogno di raccogliere idee, proposte e considerazioni di imprenditori, agricoltori, professionisti. Di quanti, come noi, hanno un estremo bisogno di verità. E poi basta generalizzare, per ora in Europa si coltiva solo una varietà: il mais Mon 810. Dovremmo iniziare a parlare di un Ogm per volta”.

Paradosso italiano, proibita la coltivazione di mais Ogm in Italia, importato indirettamente attraverso il cibo. Un intervento molto appaludito, il suo, da quanti continuano a pagare le spese di un paradosso tutto italiano. A evidenziarlo, il presidente di Confagricoltura Mantova e Lombardia, Matteo Lasagna: “Gli organismi geneticamente migliorati sono entrati ormai da tempo nelle diete dei nostri allevamenti e abbiamo il sacrosanto diritto di poterli coltivare nel rispetto di una libertà di scelta che dev’essere garantita”. In Italia, lo ricordiamo, è vietato coltivare OGM, ma ne importiamo in grandi quantità perché la produzione interna non è sufficiente. La maggior parte della carne (dai manzi ai conigli, dai polli ai maiali), del latte, dei salumi, formaggi, latticini, yogurt e così via che troviamo in Italia hanno nella loro filiera produttiva mais e/o soia biotech. Però coltivati all’estero.

I costi del no all’Ogm. A dare un’idea di quanto costa a un agricoltore italiano il divieto di coltivare OGM ci pensa il presidente di Confagricoltura Veneto, Lorenzo Nicoli: «I più ottimisti dicono che perdiamo 400 euro per ettaro. E 100mila litri di insetticidi, pari a 45 milioni di euro. Insomma, più OGM vuol dire meno chimica».  Dello stesso avviso Roberto Defez, primo ricercatore dell’Istituto di genetica e biofisica del CNR a Napoli, che ha sottolineato la necessità di una «enorme alleanza tra agricoltura e ricerca» sull’argomento. Mentre Dario Bressanini, chimico, divulgatore scientifico e insegnante con cesto di mele al seguito, ha ricordato come l’agricoltura moderna faccia largo uso di sostanze chimiche per proteggere i prodotti da infestanti e parassiti. Ma forse non tutti lo sanno.  Fra gli ospiti della giornata anche il presidente nazionale di Confagricoltura, Mario Guidi, che ha chiuso i lavori con un appello alla politica «affinché apra alla ricerca a fatti e non a parole». In collegamento Paolo De Castro, presidente del gruppo Spd nella Commissione Agricoltura del Parlamento europeo e già ministro delle Politiche agricole, e  Lara Comi, membro della Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori. Tutti d’accordo sul fatto
che l’ultima parola su questi temi deve spettare alla scienza.

Fonte: Confagricoltura Veneto

13 settembre 2014, Confagricoltura Veneto e Lombardia danno appuntamento a Mantova per parlare di OGM

ogm“Sulla questione Ogm, restituiamo la parola alla ricerca scientifica”. Anche in materia di organismi geneticamente modificati, la linea di Confagricoltura è sempre stata quella di non abbandonare mai la ricerca. “Solo dalla scienza può giungere una risposta chiara e affidabile su vantaggi e svantaggi degli OGM tanto per il consumatore quanto per l’agricoltore: eventuali alternative, infatti, possono essere solo ideologiche, quindi parziali sul piano concettuale e non obiettive”, fa sapere in una nota l’organizzazione.

Incontro sabato 13/9 ore 10, al Mamu Centro Congressi di Mantova (largo di Porta Pradella 18). Questa posizione sarà ribadita a Mantova, sabato 13 settembre, in occasione del convegno “L’intelligenza italiana rilancia la ricerca genetica in agricoltura”, promosso di concerto da Confagricoltura Veneto e Confagricoltura Lombardia. “Fra i relatori – continua la nota – sarà presente la senatrice a vita Elena Cattaneo, direttore del Centro di ricerca sulle cellule staminali dell’Università Statale di Milano, le cui recenti prese di posizione in materia di OGM  hanno riportato con forza il dibattito nella direzione più corretta e riacceso le speranze di chi ripone ancora fiducia nella ricerca scientifica come l’unica autorità in grado di fornire degli orientamenti sicuri su questa materia. Interverranno ai lavori anche Laura Comi, della Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori del Parlamento Europeo; Roberto Defez, dell’Istituto di Genetica e Biofisica del CNR di Napoli; Dario Bressanini, del Dipartimento di Scienza e Alta Tecnologia dell’Università di Como; Mario Guidi, presidente nazionale Confagricoltura. Coordinerà il dibattito Sebastiano Barisoni, giornalista di Radio 24-Il Sole 24 Ore. Interverranno anche i presidenti di Confagricoltura Veneto Lorenzo Nicoli e di Confagricoltura Lombardia Matteo Lasagna.

Fonte: Confagricoltura Veneto

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 164 follower