• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

  • Annunci

24 maggio 2018, evento formativo per giornalisti organizzato da Argav/Odg Veneto in collaborazione con Anbi e Università di Padova a San Donà di Piave (VE) nell’ambito del Festival della Bonifica. Il 16 maggio, direttivo Argav ad Arzerello di Piove di Sacco (PD).

Si intitola “Nuove sfide per il governo del territorio: rigenerare le città” l’evento organizzato da Argav nell’ambito della formazione professionale promossa dall’Ordine dei Giornalisti del Veneto (già disponibile in piattaforma, 7 crediti formativi) e che si svolgerà giovedì 24 maggio dalle 9.30 alle 17.30 nell’auditorium del centro culturale “Leonardo Da Vinci” di San Donà di Piave (Ve), in piazza Indipendenza 13.

Il Festival. L’evento si tiene in occasione della prima giornata del Festival della Bonifica “Terrevolute”, organizzato da Anbi e Università di Padova sino al 27 maggio e che porrà per quattro giorni San Donà di Piave al centro del dibattito nazionale sul rapporto tra uomo e territorio.

Temi trattati. Nel corso della giornata saranno affrontati i seguenti argomenti: aspetti tecnico normativi della rigenerazione urbana; strategie e approcci innovativi; infrastrutture verdi e gestione dei deflussi di pioggia; una proposta per prevenire le perdite delle reti idriche; nuove strategie di gestione delle acque superficiali urbane; il Rinascimento nelle manutenzioni; il caso di Firenze e dei suoi fiumi; bonifica integrata: quando la bonifica rigenera il passaggio … anche urbano. In programma anche la visita al sistema di centrali idrovore nel Veneto Orientale (trasferimento in bus).

Coordinatore della giornata il presidente Fabrizio Stelluto. Docenti saranno: Lcia Bortolini, Giuseppe Cappochin, Michelangelo Savino, Francesco Ferrini, Vincenzo Mauro Cannizzo, Marco Cattalini, Alessandro Paoletti, Marco Bottino, Carlo Bendoricchio, Sergio Grego, Lucia Bortolini, Marco Cattalini.

Direttivo Argav. Si terrà invece ad Arzerello di Piove di Sacco (Pd), nel circolo di campagna Wigwam, il prossimo 16 maggio alle 18.30 il direttivo Argav, con il seguente ordine del giorno: approvazione verbale precedente; comunicazioni del Presidente; comunicazione della Segretaria; domande iscrizione nuovi soci; assemblea ARGAV 2018; proposta di una commissione per selezionare i premi ARGAV; programmazione prossime attività 2017; varie ed eventuali.

Annunci

27 aprile 2018, Confraternita della Polenta di Villa d’Adige, Ecomuseo nel veneziano, Festival della Bonifica, bosco di Mestre, agricoltura biodinamica, bioarchitettura, caffè alle vinacce e protezione civile, questi gli argomenti all’incontro Argav-Wigwam ad Arzerello di Piove di Sacco (Pd)

foto di archivio

Stasera, venerdì 27 aprile p.v. dalle ore 19.00 si svolgerà il consueto incontro conviviale Argav/Wigwam nel circolo di campagna ad Arzerello di Piove di Sacco (Padova). Saranno ospiti: Fabio Ortolan, priore e Ivo Romanini, presidente, per presentare la Confraternita della Polenta di Villa d’Adige, Roberto Russo, presidente Fispmed (Federazione Internazionale per lo Sviluppo Sostenibile e la Lotta contro la Povertà nel Mediterraneo-Mar Nero), per anticipare alcune manifestazioni collaterali alla Festa dea Sensa che si svolgerà a Venezia il 12 e 13 maggio p.v. ed un progetto di ecomuseo, Elisabetta Novello, docente all’Università Padova e Andrea Crestani, direttore ANBI Veneto, per presentare il Festival della Bonifica che si terrà a fine maggio a San Donà di Piave (Ve); Stefano Pittarello, giornalista e scrittore, per parlare della storia del bosco di Mestre (Ve) attraverso le pagine del suo libro “Il sacco bello”, Emanuele Tesolin e Gioia Visentin, primi maturandi in agricoltura biodinamica e bioarchitettura alla scuola Steiner Waldorf di Zoppè di San Vendemiano (Tv), Pietro Paolo Monti, governatore Lions Club, per presentare “Allert” nuova struttura di Protezione Civile e Francesco Donati, Liolà Caffè, per presentare il caffè alle vinacce.

 

Unaga, rinnovate le cariche: Roberto Zalambani (Arga Emilia Romagna) succede alla presidenza al veneto Mimmo Vita, uscente per due mandati. Confermati in giunta due consiglieri veneti, il padovano Efrem Tassinato ed il rodigino Donato Sinigaglia.

Parte del gruppo Argav a Roma per il congresso nazionale Unaga: da sx Donato Sinigaglia, riconfermato consigliere Unaga, Fabrizio Stelluto, presidente Argav, Efrem Tassinato, riconfermato tesoriere Unaga, Renzo Michieletto, consigliere Argav, Marina Meneguzzi, vicepresidente Argav, Maurizio Drago, consigliere Argav, Mimmo Vita, presidente uscente Unaga.

I colleghi giornalisti Argav, Efrem Tassinato e Donato Sinigaglia sono stati confermati nella Giunta nazionale di Unaga nei loro ruoli, rispettivamente di tesoriere e consigliere. La nomina è avvenuta in conclusione del Congresso nazionale di Unaga (Unione Nazionale delle Arga, gruppi di specializzazione dei gioirnalisti di agricoltura, alimentazione e ambiente) svoltosi a Roma lo scorso 6 aprile nella sede della Fnsi (Federazione Nazionale della Stampa Italiana), di cui Unaga è gruppo di specializzazione.

Efrem Tassinato, giornalista pubblicista, direttore responsabile di Wigwam News, periodico della Rete Wigwam  (organizzazione di protezione ambientale a valenza nazionale riconosciuta con Decreto ministeriale), è autore di libri e guide nonché di rubriche di enogastronomia e di turismo verde su testate specializzate nazionali. E’ esperto di processi e progettualità per lo sviluppo sostenibile delle Comunità Locali dove i temi dell’agricoltura, dell’alimentazione e della gestione degli ecosistemi rappresentano l’aspetto cruciale.

Donato Sinigaglia, rodigino, giornalista professionista, caporedattore. Per oltre trent’anni responsabile dell’edizione di Rovigo de Il Gazzettino. Ha sempre unito l’amore e la passione per le vicende legate alla cronaca quotidiana con l’amore per la sua terra promuovendone, in tutte le sedi, le bellezze naturali e valorizzandone le eccellenze agroalimentari. E’ autore di numerose guide gastronomiche tra cui “Guida ai prodotti di nicchia del Polesine”, “Guida alla cucina di tradizione del Polesine”, “Nord Est a Tavola”. Attualmente cura le pagine del gusto sul quotidiano La Voce di Rovigo.

da sx Mimmo Vita, past presidente Unaga, Roberto Zalambani (Arga Emilia Romagna), neo presidente Unaga

Il nuovo direttivo Unaga. I due giornalisti veneti andranno ad affiancare nel lavoro di giunta 2018-2023 il nuovo presidente Unaga, Roberto Zalambani (Arga Emilia Romagna, già segretario nazionale Unaga), che succede al consigliere Argav Mimmo Vita, in uscita al termine di due mandati. Alla vicepresidenza sono stati nominati Geppina Landolfo (Arga Campania) e Donato Fioriti (Argalam, Lazio-Abruzzo-Molise). Il neo consiglio nazionale Unaga è composto, oltreché dal presidente, dai due vicepresidenti e dai due consiglieri veneti, da Ugo Iezzi (Argalam), Giampaolo Girelli (Arga Fvg), nominato anche segretario nazionale, Giacomo Cavuta (Argalam), Cristina Persia (Argalam), Manuela Lacaria (Arga Calabria), Carmelo Vazzana (Arga Calabria), Giampaolo Necco (Arga Campania), Pinuccio Pomo (Arga Puglia), Andrea Guolo (Arga Emilia Romagna), Nino Di Cara (Arga Sicilia). Nominati anche i revisori dei conti, Fabrizio Mandorlini (Arga Toscana), Maurizio Orrù (Arga Sardegna) e Roberto Ambrogi (Argalam).

Unaga funge da coordinamento e indirizzo delle Arga nei diversi livelli istituzionali ove se ne formulano ed attuano le politiche: dai Ministeri dell’Ambiente e delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, fino alle Associazioni professionali e della cooperazione agroalimentare; sul piano internazionale con l’Unione Europea e la Fao. Rappresenta inoltre il punto di interconnessione con la stampa specializzata europea e mondiale essendo parte di Enaj (European Network Agricultural Journalists) e di Ifaj (International Federation Agricultural Journalists).

 

 

Questa sera, all’incontro Argav-Wigwam ad Arzerello di Piove di Sacco (Pd), si parlerà di reti rurali, recupero di grani antichi, alberi e soccorso alpino

attività dei bambini partecipanti al laboratorio Wigwam (foto di repertorio)

Questa sera, venerdì 27 ottobre 2017, a partire dalle ore 19, nella sede del circolo di campagna Wigwam ad Arzerello di Piove di Sacco (Pd), si svolgerà il consueto incontro Argav-Wigwam.

Saranno ospiti: Walter Milan, addetto stampa del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, che parlerà della loro meritoria, quanto poliedrica, attività; Laura Torresin, neo-rurale, che parlerà della rete di agricoltura metropolitana “La Coega; Alberto e Alessandro Benedetti, rispettivamente agronomo ed esperto di alimentazione, che presenteranno “Latifondo 63” e la filiera del pane “Anticamente”, ottenuta recuperando la filiera dei grani antichi; Leonardo Surico, Ad di International Group per presentare la fiera For Horeca, che si svolgerà a Pala Expo Venezia dal 5 all’8 novembre 2017, Luca Giuseppe Bianchi, delegato Progetto Wigwam Bimbi Botanici, che presenterà la Giornata degli Alberi 2017 ed i progetti “Sentiero botanico” e “Laboratorio botanico”.

Prodotti del territorio. A fine dibattito, dalle 21 alle 23:00, il nostro anfitrione, Efrem Tassinato, giornalista socio Argav, enogastronomico e chef, presidente del Circuito Wigwam, servirà ai presenti una degustazione di risotto (riso Carnaroli del Delta del Po IGP) con la zucca marina, crostino col lardo della Saccisica del Consorzio I Buoni Convivi di Piove di Sacco (Pd), la sopressa dell’Agriturismo De Faveri di Eraclea (Ve), i pani da grani antichi: “Pan dea Gigia” di farine mix Meolo e mix Eraclea, “Pan de Augusto” di farina di farro monococco, “Old Star” di farine di grano Piave e di farro monococco delle Aziende Agricole “Latifondo 63” di Meolo (Ve) e Agriturismo De Faveri di Eraclea (Ve). Inoltre, “Antica Cips” di pane sottile e croccante, condito all’olio extravergine di oliva e aromatizzato alle erbe della Coop. sociale Ragazzi in Erba di Cà delle Crete, progetto ortoterapico di ANFFAS Onlus di Mestre. Farine macinate dal Mulino Terrevive di Rossano Veneto (Vi); le verdure invernali e le composte vegetali dell’Azienda Agricola Coltiviamoci di Tombelle di Vigonovo (Ve), i vini delle Corti Benedettine del Padovano DOC della Cantina di Conselve (Pd).

Visita dei giornalisti Argav a Mele a Mel, in Val Belluna, video e racconto

All’arrivo, si sale verso il centro storico del borgo (foto Renzo Michieletto)

(di Marina Meneguzzi, vice presidente Argav) Nel bel video girato e montato dal collega giornalista Edoardo Comiotto, si può vedere un sunto della giornata che i soci Argav hanno trascorso nel borgo di Mel (Bl), insediamento d’origine paleoveneta, quindi centro romano e altomedievale, dominato per un lungo periodo dalla Repubblica di Venezia.

A Mele a Mel anche le varietà prodotte nel centro di Sedico di Veneto Agricoltura (foto Beatrice Tessarin)

L’anima verace di Mel, Bandiera Arancione TCI, rivive nei cortili. L’occasione di visita è stata la mostra-mercato Mele a Mel, che espone tradizionalmente nei cortili degli storici palazzi del centro, aperti al pubblico solo nei giorni della manifestazione, più di cento varietà di mele, quest’anno prodotte in quantità minore rispetto agli anni scorsi a causa della gelata primaverile. Tra queste, c’era naturalmente la piccola e deliziosa mela “della rosetta”, varietà tipica della Val Belluna, insieme ad altri prodotti agricoli locali, manufatti artigianali e la rievocazione dei mestieri del passato da parte dei Gruppi Frazionali. Ogni cortile dedica uno spazio alla gastronomia. Noi abbiamo pranzato nel cortile agricolo – e così non poteva che essere – i prezzi sono davvero contenuti (abbiamo speso 12 euro a persona) scegliendo tra pasticcio di patate, gnocchetti alla zumellese, polenta e pastin, polenta e formaggio alla piastra, arrosto in salsa di mele, bevendo sidro di mele e vini locali.

Palazzo Zorzi, oggi sede del municipio (foto Beatrice Tessarin)

Visita del centro storico. Accolti da Fabio Barp, dell’Associazione Mele a Mel, che cura l’aspetto agricolo della manifestazione, e dal sindaco Stefano Cesa, la cui amministrazione organizza l’evento insieme alla Pro Loco Zumellese, nel video potete vedere l’interno del cinquecentesco Palazzo Zorzi, per secoli sede della Magnifica Comunità di Mel ed oggi sede del municipio, che conserva gli affreschi di Marco da Mello ispirati all’Orlando Furioso e gli ingranaggi del grande orologio un tempo ubicato nel campanile distrutto nel 1756 da un fulmine. Molto accoglienti anche la sala consigliare e la sala convegni ubicata nel sottotetto.

foto Beatrice Tessarin

Chicche archelogiche, artistiche ed enogastronomiche. Il municipio si affaccia su piazza Papa Luciani, nei giorni della mostra-mercato gremita da persone e bancarelle, su cui si affacciano anche altri edifici storici che abbiamo visitato. Guidati da Simone Deola, assessore comunale alle Attività Produttive e all’Ambiente, abbiamo visto il Palazzo delle Contesse (XVII sec.), che ospita il Museo Civico Archeologico, in cui sono custoditi i reperti rinvenuti nella necropoli di Mel (utilizzata dai Veneti Antichi dall’VIII al V secolo a.C., si trova a 500 metri dal centro abitato in direzione Belluno e si compone di un’ottantina di tombe dalla forma circolare, di cui sette visibili), tra cui anelli, armille, spilloni, fibule, ossari fittili e bronzei, ed oggetti d’uso quotidiano. Ancora, guidati dalla professoressa Miriam Curti, abbiamo visitato la chiesa dell’Addolorata, che conserva dipinti risalenti al Quattro-Cinquecento. Quindi, abbiamo fatto visita all’Antica Locanda Cappello (XVI sec.), in cui ci ha fatto da guida il gestore Giuseppe Agostini. Il locale storico è rinomato per la cucina (selvaggina tra i piatti più tipici) e ha sale abbellite da affreschi ottocenteschi e diverse stanze per il riposo (una di queste, si narra sia frequentata da un fantasma…).

29 settembre 2017, si parla di paesaggi agrari e ambiente nell’incontro Argav al Wigwam di Arzerello di Piove di Sacco (Pd), che il 2 ottobre ospiterà anche il neo direttivo Argav

Venerdì 29 settembre, a partire dalle ore 19, si terrà il consueto incontro di fine mese organizzato da Argav in collaborazione con Wigwam, nella sede dell’associazione ad Arzerello di Piove di Sacco (Pd) in via Porto 8. Ecco i relatori che daranno vita alla serata: Chiara Galliani, assessore all’Ambiente, al Verde, ai Parchi e all’Agricoltura del comune di Padova, Milo Cargnelli, presidente  di Pedalia, star up mestrina su “due ruote”, Andrea Olivi, presidente di Padova Fiere/Geo, che parlerà della svolta “green” della Fiera di Padova, Giancarlo Mantovani, direttore Consorzi di bonifica polesani, che parlerà della mobilitazione contro i danni della subsidenza nel Delta Po e Basso Polesine, un rappresentante del Consorzio Italiano Biogas, che parlerà della campagna “Biogasfattobene”, Pier Giovanni Zanetti, Associazione Lo Squero di Padova, che presenterà il volume di cui è co-autore “Paesaggi Agrari della Pianura Veneta”, Matteo Danesin, photo-editor del volume “Paesaggi Agrari della Pianura Veneta”. Dulcis in fundo, sarà presente Isabella Spagnolo, titolare di Iris Vigneti di Mareno di Piave. Sarà una serata di formazione e buona tavola grazie alle “arti culinarie” di Efrem Tassinato, giornalista enogastronomico e chef, presidente del Circuito Wigwam, in collaborazione con le aziende J&J Pride Srl di Fonte (Tv): spumanti, aperitivi e bevande ricavate dall’uva zero alcohol, Rimias Srl di Crespano del Grappa (Tv): funghi Shiitake freschi e in patè, Conselve Vigneti & Cantine di Conselve (Pd): vini Corti Benedettine del Padovano DOC, Mulino a pietra Michele Biolo di Abano Terme (Pd): farina di Mais Marano integrale.

2 ottobre, direttivo Argav. Dando il benvenuto ai colleghi giornalisti, i soci Gian Omar Bison e Alessandro Bedin e al socio aderente Giuseppe Melloni, la prima riunione del rinnovato Direttivo Argav si terrà alle ore 18,45 nella sede del Circolo di Campagna Wigwam ad Arzerello di Piove di Sacco (Pd). L’ordine del giorno sarà il seguente: comunicazioni del Presidente, approvazione verbale precedente, Assemblea e Congresso Argav, rinnovo cariche Direttivo, comunicazioni della Segretaria, domande iscrizione nuovi soci, presentazione candidature e scelta Premio Argav 2017, programmazione prossime attività, varie ed eventuali.

Fabrizio Stelluto confermato presidente Argav per il triennio 2017-2020

parte del direttivo Argav nominato lo scorso 23 settembre a Rovigo

Il giornalista veneziano, Fabrizio Stelluto, direttore dell’agenzia Asterisco Informazioni e volto televisivo di “7 Gold Nordest”, è stato confermato, all’unanimità, presidente di Argav (Associazione Regionale Giornalisti Agroambientali di Veneto e Trentino Alto Adige) al termine dell’assemblea congressuale svoltasi a Rovigo nelle sale della Biblioteca Vescovile; Stelluto, al terzo mandato, rimarrà in carica fino al 2020.

da sx, Gabriele Cappato, Fabrizio Stelluto, Emanuele Cenghiaro, Mimmo Vita

L’Argav è articolazione di Unaga (gruppo di specializzazione della Federazione Nazionale Stampa Italiana), di cui è intervenuto il presidente, Mimmo Vita; i saluti di Ordine e Sindacato veneti sono stati, invece, portati dal consigliere, Maurizio Romanato.

da sx Gabriele Cappato, Fabrizio Stelluto, Emanuele Cenghiaro, Maurizio Romanto (Assostampa Polesana e Sindacato Giornalisti Veneto)

Prossimi obbiettivi di Argav sono stati indicati la formazione continua, in particolare verso i giovani (giornalisti, blogger e studenti), su temi di crescente interesse per il territorio, quali la gestione delle risorse idriche, il consumo del suolo, la tutela ambientale; unanime è stato il richiamo alla necessità di maggiore professionalità nell’informazione agroalimentare, oggi concentrata troppo sulla spettacolarizzazione della cucina piuttosto che sulle problematiche legate alle materie prime.

i soci Argav intervenuti all’Assemblea elettiva a Rovigo

Il nuovo direttivo, conferme e new entry. L’assise ha anche scelto Marina Meneguzzi, Maurizio Drago e Renzo Michieletto come delegati al congresso Unaga, previsto a Siena in Novembre; oltre a loro ed al presidente, sono stati eletti nel rinnovato direttivo di Argav i giornalisti Paolo Aguzzoni, Alessandro Bedin, Gian Omar Bison, Emanuele Cenghiaro, Andrea Saviane, Beatrice Tessarin, Umberto Tiozzo, Gabriele Cappato, mentre Nadia Donato, Mirka Cameran e Giuseppe Melloni rappresentano gli associati; invitati permanenti sono i giornalisti Mimmo Vita, Efrem Tassinato (tesoriere Unaga), Donato Sinigaglia (consigliere Unaga), Sandra Chiarato (Coldiretti Veneto), Edoardo Comiotto (Confagricoltura Veneto), Giuseppe Boscolo Palo (presidente Consorzio Radicchio Chioggia) oltre al rappresentante del Sindacato Giornalisti Veneto.