• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Opportunità per le imprese della Bassa Padovana, anche non agricole: oltre 130 mila euro alle attività artigianali, turistiche e di servizio, domande entro il 19 maggio 2020

Anche le imprese della Bassa Padovana che non svolgono attività agricola, rientranti nel territorio del Gal Patavino, possono chiedere contributi tramite il nuovo bando “6.4.2 – Creazione e sviluppo di attività extra-agricole in aree rurali”.

Gli investimenti che possono essere candidati sono di due tipi: interventi su immobili che ospitano l’attività di impresa, oppure attrezzature, dotazioni (sia hardware che software) necessarie per migliorare l’azienda. Nel caso di interventi sugli immobili, il contributo a fondo perduto è il 40% del costo sostenuto, mentre nel caso delle attrezzature la percentuale è del 35%. Una bella opportunità per chi ha investimenti in vista: le spese sono ammissibili dalla data di presentazione della domanda e gli interventi devono essere conclusi entro il 28 Febbraio 2021 per dotazioni e attrezzature, entro 31 Ottobre 2021 per ristrutturazione e ammodernamento degli edifici.

Le imprese che possono richiedere il contributo. Sono solo quelle che presentano un codice ATECO tra quelli elencati nel bando e riferiti all’artigianato, il turismo e il servizio (attenzione, fa riferimento il Codice ATECO primario). C’è tempo fino al 19 maggio 2020 per fare domanda di contributo, e le imprese interessate devono rivolgersi agli Sportelli unici agricoli dell’AVEPA o ad un Centro Autorizzato di Assistenza Agricola (CAA), per accreditarsi e accedere al sistema informatico che raccoglie le richieste di contributo.

Perché un bando per le imprese, in questo momento particolare di crisi eccezionale causata dall’emergenza sanitaria del corona virus? Ci risponde Federico Miotto, presidente del GAL Patavino: “Nonostante l’emergenza, i nostri imprenditori guardano avanti e hanno fiducia, continuando a investire. Avevamo già programmato l’uscita del bando e, sentite anche le Associazioni di Categoria, lo abbiamo rinnovato. Con la passata edizione abbiamo assegnato 77.000 euro di contributi a imprese locali, ora rendiamo di disponibili oltre 130.000 euro. È una bella opportunità, una impresa può ottenere fino a 40.000 euro di contributo per i suoi investimenti”. Tutti i bandi del GAL sono disponibili sul sito web www.galpatavino.it alla sezione bandi pubblici. Gli uffici del GAL, inoltre, sono a disposizione per tutte le informazioni e-mail: servizio.tecnico@galpatavino.it.

Fonte: Servizio stampa Gal Patavino

Cooperazione per lo sviluppo delle filiere corte, nuovo bando del Gal Patavino, domande entro il 4 giugno 2019

Il Gal Patavino ha aperto i termini per la presentazione delle domande di aiuto a valere sull’intervento “bando 16.4.1. cooperazione per lo sviluppo delle filiere corte“. Può fare domanda un Gruppo di Cooperazione (GC), che può assumere tre composizioni: imprese agricole attive nel settore della produzione primaria; imprese agricole attive nel settore della produzione primaria e imprese di trasformazione e commercializzazione; imprese agricole attive nel settore della produzione primaria e imprese di servizi di ristorazione. Ciascuna composizione può essere integrata con associazioni dei consumatori. La percentuale del contributo a fondo perduto è del 70 centro, minimo e massimo investimento: 10.000 – 50.000 euro, si può fare domanda entro il 4 giugno 2019.

Altri progetti in corso. Sta proseguendo, inoltre, l’attuazione del progetto chiave “Rigenerare Territori, coltivare innovazioni”, avviato con i progetti “PerCorsi Rurali” (capofila comune di Vò in collaborazione con i comuni di Conselve e Merlara) e con “RISORSA (Rete Innovativa per la Sostenibilità Rurale e Sensibile alla salute e nutrizione del vigneto” (capofila la Cantina dei Colli Euganei, in collaborazione con Conselve Vigneti e Cantine, Consorzio per la tutela dei vini “Merlara” e Consorzio Padovano di Difesa di attività e produzioni agricole). Quest’ultima fase prevede la pubblicazione del tipo di intervento dedicato alle imprese che realizzano investimenti nelle soluzioni innovative identificate nel progetto. I testi integrali dei bandi possono essere scaricati alla sezione Bandi e finanziamenti – Bandi Pubblici del sito del Gal. Ulteriori info: email: servizio.tecnico@galpatavino.it; pec: galpatavino@pec.it

Colli Euganei e Bassa Padovana, nuovi bandi Gal Patavino a favore di turismo rurale, migliorie e promozione prodotti aziende agricole, domande di contributo entro il 13 novembre 2018

Il GAL Patavino ha pubblicato nuovi bandi che riservano quasi 2 milioni euro per sostenere il territorio nel miglioramento delle aziende agricole, nella promozione dei prodotti agricoli e alimentari di qualità e nel turismo rurale.

Le azioni. Per promuovere e diffondere la qualità dei prodotti locali, il GAL riserva oltre 110.000 euro, e i beneficiari (Consorzi di tutela in primis) potranno ottenere contributi fino al 70%. Le imprese agricole che operano sull’area del GAL Patavino, 46 comuni tra i Colli Euganei e la Bassa Padovana, potranno ottenere contributi per migliorarsi e investire nella sostenibilità aziendale. Il bando mette a disposizione oltre 730.000 euro e i beneficiari potranno ottenere contributi fino al 50%. Le restanti risorse sono dedicate per lo sviluppo del turismo lento, a questo proposito il GAL ha avviato un lavoro di raccordo con gli enti locali: premiare le aggregazioni tra gli enti nelle infrastrutturazioni leggere significa che le realtà pubbliche hanno condiviso le priorità di investimento, dedicando le risorse con prospettiva e in sinergia tra loro.

Lo scorso anno il raccordo dei Comuni ha portato a quattro progetti di rete. Questa seconda fase prevede la pubblicazione di uno specifico intervento, con risorse dedicate a sostenere investimenti per infrastrutture che aumentino la sostenibilità dei percorsi di mobilità lenta secondo un’ottica di completamento e continuità. C’è tempo fino al 13 novembre 2018 per fare domanda di contributo. Sarà possibile partecipare agli incontri informativi che saranno organizzati dal GAL in collaborazione con AVEPA Padova. I bandi sono disponibili sul sito web www.galpatavino.it ma possono essere richiesti anche all’indirizzo mail servizio.tecnico@galpatavino.it. Gli uffici del GAL, inoltre, sono a disposizione per tutte le informazioni.

Fonte: Servizio stampa Gal Patavino

 

Bassa padovana, nuovi bandi in arrivo per imprese agricole, reti d’impresa, attività artigianali, turismo e servizi. Domande entro il 20 febbraio 2018, a gennaio prossimo gli incontri informativi.

Il GAL Patavino ha pubblicato tre bandi che riservano quasi 1 milione di euro per progetti strategici dedicati all’innovazione, alla diversificazione delle imprese agricole e all’imprenditorialità in generale. C’è tempo fino al 20 febbraio per fare domanda di contributo. A gennaio sarà possibile partecipare agli incontri informativi, realizzati in collaborazione con Avepa Padova.

Bando 6.4.1, Sviluppo della diversificazione delle imprese agricole. Gli imprenditori agricoli possono chiedere un contributo a fondo perduto pari al 40% della spesa ammissibile (35% nel caso di attrezzature) per investimenti che diversifichino la loro attività. Qualche esempio: la creazione e lo sviluppo di pratiche di agricoltura sociale, fattoria didattica e ospitalità agrituristica; la trasformazione di prodotti agricoli in prodotti non agricoli; servizi ambientali per la cura e manutenzione di spazi non agricoli.

Bando 6.4.2, Sviluppo di attività extra-agricole. Le microimprese e le piccole imprese (persone fisiche e società) non operanti nel settore agricolo possono chiedere un contributo a fondo perduto pari al 40% (35% nel caso di attrezzature). Gli investimenti per cui chiedere il sostegno devono riferirsi alla creazione o allo sviluppo di attività artigianali, turistiche e di servizio. Non tutte le imprese sono ammissibili: solo quelle che presentano un codice ATECO tra quelli elencati nel bando.

Bando 16.2.1, Progetti pilota e sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie. Un gruppo di soggetti (imprese agricole, pubblici e privati) in cooperazione tra loro possono richiedere un contributo a fondo perduto al 100%. Il sostegno è riservato alla realizzazione di progetti pilota, progetti dimostrativi, e progetti che favoriscano lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie
nel settore agricolo, agroalimentare e forestale.

Informazioni. I bandi sono disponibili sul sito web www.galpatavino.it ma possono essere richiesti anche all’indirizzo mail info@galpatavino.it. A partire dall’8 gennaio 2018, gli uffici del GAL a Monselice (Pd) sono a disposizione per ulteriori info al telefono 0429/784872 (lun-ven 8.30-13.00, 14.30-18.00).

Fonte: Servizio Stampa Gal Patavino