• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

Piemontese il nuovo direttore di Coldiretti Veneto

Enzo Pagliano, neo direttore Coldiretti Veneto

Enzo Pagliano è il nuovo direttore di Coldiretti Veneto. Originario di Cuneo, 47 anni, sposato con due figli, già direttore di Bologna e di Milano Lodi guiderà oltre che la sede regionale anche la provinciale di Venezia.

Succede a Luca Saba che in quasi due anni di permanenza aveva avviato un percorso di ristrutturazione interna molto impegnativo  riuscendo comunque a confermare la rappresentatività di Coldiretti, una forza sociale che in Veneto rappresenta il 60% delle  imprese agricole iscritte alla camera di commercio.

Con un bagaglio di esperienza quasi ventennale in campo sindacale, da esperto tecnico ed economico Enzo Pagliano raccoglie la sfida consapevole dell’importanza che il comparto agricolo regionale riveste: un valore della produzione pari a 5.800 euro/ettaro che colloca il Veneto al secondo posto in ambito nazionale e tra i più alti a livello mondiale. Valori testimoniati anche da quei 4,7 miliardi di euro di produzione lorda vendibile realizzata su una superficie di 820 mila ettari coltivata da circa 80 mila imprese agricole che occupano 60mila addetti alle dipendenze o autonomi.

Un’agricoltura così strutturata, dinamica, capace di grandi numeri, e di annoverare tipicità conosciute in tutto il mondo, merita la giusta attenzione politica e una gestione dei servizi attenta e moderna” – ha detto Pagliano, sottolineando quanto Coldiretti sia concentrata su importanti progetti che vedono coinvolta l’intera filiera agricola italiana, per creare un sistema forte e coeso in grado di coniugare le sfide del mercato con gli interessi degli associati e della società civile tutta.

(fonte Coldiretti Veneto)