• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

“Qualità, sicurezza e sostenibilità. L’agroalimentare europeo si interroga” il nuovo quaderno edito da Europe Direct Veneto Agricoltura

170_34_1242114221_alimentihaccpUn fortino sotto assedio. Sembra questa l’immagine del comparto agroalimentare europeo, periodicamente scosso da scandali e frodi che interessano oggi alcuni prodotti a base di carne di manzo con dentro carne di cavallo, ieri le mozzarelle di bufala colorate, l´altro ieri il latte contaminato e via elencando.

UE, tutelare consumatori e imprese con più controlli ed etichettatura. La scottante e attualissima questione è stata affrontata nei giorni scorsi a Legnaro (Pd) nel corso di un focus promosso da Veneto Agricoltura -Europe Direct, che ha chiamato alcuni tra i massimi esperti in materia. Paolo De Castro, presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo, in conference call, ha evidenziato nel suo intervento “che stante il contesto di difficoltà internazionale, con la PAC 2014-2020 in via di approvazione, l´obiettivo resta quello di tutelare gli interessi del consumatore e delle imprese agroalimentari diminuendo la burocrazia e rafforzando gli strumenti di gestione dei rischi e la capacità delle imprese di stare in maniera competitiva sui mercati. Va bene l´attenzione per gli aspetti sociali del comparto e per il greening, ma è importante che essi siano considerati in riferimento alle politiche per le imprese”. “La questione della sicurezza alimentare – ha detto Paolo Pizzolato, commissario straordinario di Veneto Agricoltura – è uno dei temi che sta animando il dibattito in corso sulla futura PAC per il periodo 2014-2020. Argomenti quali la “Food security” e la “Food safety”, intesi sia come qualità degli alimenti che come sostenibilità degli stessi, occupano infatti importanti capitoli nell´agenda della futura politica agricola europea. Risulta fondamentale dunque avere le idee ben chiare al riguardo e il focus odierno e la pubblicazione che abbiamo dedicato a questi temi si pongono proprio l´obiettivo di fare chiarezza. Controlli, etichettatura e attenzione per la qualità devono essere le parole d´ordine”.

Rischio “Tutto DOP, Niente DOP”. Edi De Francesco (Università di Padova) ha analizzato le politiche sulla qualità alimentare dell´UE, comprendenti i sistemi di certificazione e di etichettatura dei prodotti, i marchi di origine (Dop, Doc, Docg, Stg-Specialità tradizionali garantite) e biologico, tutti riconoscimenti, questi, di grande importanza per la valorizzazione dei prodotti agricoli europei ma speso anche causa di confusione tra i consumatori per la mancanza di informazione. Da qui, la necessità di migliorare la comunicazione e la coerenza tra gli strumenti a disposizione, e ridurre la complessità di gestione da parte dei produttori per non incorrere nel rischio “Tutto DOP, Niente DOP” come ha sintetizzato con efficacia Luigino Disegna di Veneto Agricoltura, moderatore del convegno.

Crescita sostenibile e solidale in un contesto di progressivo cambiamento climatico. Grosse aspettative su questo aspetto ricadono sul recente “Pacchetto Qualità“, ossia il regolamento europeo sui regimi volontari di qualità dei prodotti agroalimentari che propone nuovi sistemi qualitativi e aggiorna quelli già esistenti (come le nuove regolamentazioni sui prodotti Dop, Igp e Stg). Vasco Boatto, sempre dell´Università di Padova, ha tratteggiato il ruolo della Strategia “Europa 2020” che punta a rilanciare l´economia dell´UE nel corrente decennio per delineare un modello di crescita intelligente, sostenibile e solidale in un contesto di progressivo cambiamento climatico. In questo ambito il sistema agroalimentare europeo è chiamato ad una sfida epocale: contribuire alla lotta contro la fame nel mondo garantendo nel contempo alti standard qualitativi degli alimenti prodotti rispettando le risorse ambientali.

Anche l’imballo del prodotto agroalimentare deve essere conforme e certificato. Mariachiara Ferrarese del CSQA di Thiene (Vi) ed un pool di esperti in materie giuridiche, hanno fatto il punto sulle principali norme che regolano la “Food safety” e la “Food security”, puntando l´accento su un aspetto in particolare: i materiali a contatto con gli alimenti sono parte della filiera. E per questo il packaging deve essere conforme e debitamente certificato”. L´occasione dell´incontro è stata offerta dalla presentazione del volume “Qualità, sicurezza e sostenibilità. L’agroalimentare europeo si interroga” (che può essere richiesto gratuitamente a Veneto Agricoltura), quaderno n. 14 della Collana di Europe Direct Veneto, appena dato alle stampe. Per i consumatori europei la misura è colma e per questo occorre fare subito un po’ di chiarezza. Eppure, il sistema di controllo messo in piedi dall´Unione Europea per il proprio settore agroalimentare risulta essere uno dei più sicuri e blindati del mondo. Resta il fatto che troppo spesso a farne le spese è il settore agricolo che con queste frodi ha, spesso, poco a che fare. Chiara in questo senso Edi De Francesco dell´Università di Padova: “Sono indignata come cittadina, ma rassicurata come consumatrice considerata la funzionalità del sistema europeo dei controlli“. Ma come viene garantita la qualità dei prodotti agroalimentari? Come vengono combattute a livello di Unione Europea e nazionale le frodi?

(Fonte: Veneto Agricoltura)

Galan a Ue: su Pac, la superficie non sia l’unico parametro per gli aiuti

Giancarlo Galan, Ministro Politiche Agricole Alimentari e Forestali

”Desidero sottolineare fin d’ora che nel futuro della Pac non possiamo considerare la superficie quale unico parametro per l’erogazione degli aiuti diretti. Un modello cosi’ concepito penalizzerebbe quelle regioni europee ove i produttori hanno lavorato con maggior impegno per realizzare un’agricoltura di qualità”’. Cosi’ il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Giancarlo Galan a Me’rida, in Spagna, per il Consiglio informale europeo dei ministri dell’Agricoltura della Ue.

Tutela per i prodotti Ig. ”Inoltre – ha aggiunto Galan – vorrei ricordare la questione delle falsificazioni dei nostri prodotti d’eccellenza. Su questo tema l’Unione Europea non puo’ continuare ad avere un atteggiamento remissivo. Occorre negoziare in sede internazionale per ottenere una tutela efficace, su tutti i mercati, per i nostri prodotti ad indicazione geografica”. L’agricoltura e l’industria agroalimentare europee, ha spiegato il ministro, ”contribuiscono in misura sostanziale alla crescita economica e all’occupazione e possono costituire un volano importante per il rilancio dell’economia dell’Unione Europea. Stiamo attraversando un periodo difficile per l’economia mondiale, e la crisi degli anni scorsi ci ha lasciato alcuni importanti insegnamenti. Abbiamo imparato che gli strumenti finanziari non possono sostituire il ruolo dell’economia reale, e che soltanto la produzione e lo scambio di beni e servizi possono assicurare la crescita. Per questo il settore primario rimane strategico”.

Migliorare la competitività e la modernizzazione delle aziende. L’Europa, ha proseguito, ”ha saputo costruire nel corso dei decenni un modello agroalimentare capace di garantire la disponibilita’ di alimenti sani e di elevata qualita’. La Pac puo’ giocare un ruolo fondamentale nella strategia ‘Europa 2020‘, contribuendo alla ripresa economica. E’ pero’ necessario focalizzare la nostra attenzione sul miglioramento della competitivita’ e sulla modernizzazione delle aziende, stimolando l’innovazione. Inoltre, dobbiamo predisporre misure piu’ efficaci che possano favorire un ricambio generazionale e l’insediamento dei giovani nei nostri campi per dare un futuro reale alla nostra agricoltura”. Secondo il ministro ”e’ fondamentale migliorare e rendere trasparente il funzionamento della catena alimentare. E’ necessario dotare la Pac di meccanismi che consentano di integrare il reddito dei produttori nei periodi di crisi, misure semplici applicabili in tutte le diverse realta’ regionali”.

(fonte Asca)

Quale futuro vogliamo per l’agricoltura europea? Due mesi per dire via web la nostra opinione.

Si è aperto in questi giorni il dibattito pubblico sul futuro della Politica Agricola Comune (PAC) nell’Unione Europea. Fino alla fine di giugno, tutti i cittadini europei potranno collegarsi alla pagina web  http://ec.europa.eu/agriculture/cap-debate e rispondere a una serie di domande, esprimendo così la propria opinione sul futuro della PAC.

Le domande sono le seguenti:

  • Perché una politica agricola comune europea?
  • Quali sono gli obiettivi che la società assegna all’agricoltura in tutta la sua diversità?
  • Perché riformare la PAC e in che modo renderla rispondente alle aspettative della società?
  • Quali sono gli strumenti per la PAC di domani?

A luglio i risultati della consultazione. Al termine del dibattito pubblico, un organismo indipendente redigerà una sintesi dei contributi pervenuti e nel mese di luglio la Commissione europea organizzerà una conferenza per illustrare i risultati della consultazione. La Commissione auspica che emergeranno idee importanti per elaborare la Comunicazione sulla PAC dopo il 2013 che sarà presentata alla fine del 2010. Il dibattito in corso riguarda dunque gli obiettivi futuri della PAC nell’ambito della strategia Europa 2020, mentre la discussione sui mezzi per raggiungerli avverrà in un secondo tempo.

(Fonte: UE/Veneto Agricoltura Europa)