• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

“Sappiamo realmente cosa mettiamo nel piatto?” il tema dell’incontro di formazione ARGAV al Wigwam Arzerello di Piove di Sacco (Pd)

Argomento di stretta attualità per l’ultimo incontro di formazione ARGAV prima della pausa estiva previsto lunedì 27 giugno p.v. alle ore 19:00 ca al circolo di campagna Wigwam Arzerello di Piove di Sacco (Pd). Questa volta sarà affrontato un tema quanto mai provocatorio, “Sappiamo realmente cosa mettiamo nel piatto?” -(IV gamma, tracciabilità, etichettatura, normative, ecc.).

L’incontro fa seguito ad una suggestione lanciata nel corso della mattinata di approfondimento organizzata da  ARGAV lo scorso 10 giugno all’ Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie e Ordine dei Giornalisti sul tema “Batterio Killer”. A parlarcene sarà Carmen Losasso, esperta dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie.

8 aprile, gli incontri del direttivo ARGAV al Vinitaly 2011

In continuità con l’intento d’inizio mandato di far conoscere la propria attività a Organizzazioni e Istituzioni legate al settore primario, nonché di conoscere a sua volta realtà economiche e produttive d’interese con le finalità dell’Associazione, il direttivo ARGAV parteciperà durente il Vinitaly (www.vinitaly.com), nella giornata di venerdì 8 aprile p.v., alla conferenza stampa dell’Assessore Agricoltura e Turismo della Provincia di Trento Tiziano Mellarini (www.provincia.tn.it) al Pad. 3, quindi, alle 14.30 visiterà le  aziende della regione Sicilia (Pad. 2) e in particolare le Cantine Donnafugata (www.donnafugata.it), Alto Belice (www.cantinealtobelice.it) e Corbera; alle ore 15.30: è prevista la visita al padiglione Sol (www.sol-verona.com) e per finire alle ore 16.30 la visita allo stand della Cantina Valpolicella Negrar (www.cantinanegrar.it), posizione C3 Pad. 5, vincitrice per il Veneto del premio speciale “Vinitaly Regione 2011” e della Gran Medaglia d’Oro per l’Amarone 2004 Vigneti di Jago.

Sabato 11 dicembre 2010: Assemblea soci e pranzo di Natale Argav. Nell’occasione, premio Argav all’attore, autore e regista Marco Paolini, premio Piroga a Roberto Paladin di Cantine Paladin Grandi Vini.

Hotel Ristorante La Piroga di Selvazzano Dentro (PD)

Con dicembre arriva il tradizionale incontro di fine anno dei soci Argav, che si ritroveranno sabato 11 dicembre p.v. all´Hotel Ristorante “La Piroga” di Selvazzano Dentro (Padova). L’ora d’incontro è fissata per le ore 10,00, quando si terrà l’Assemblea dei soci per una verifica del lavoro svolto e per indicare le direttrici dei prossimi 12 mesi. Alle ore 12,00 si procederà alla cerimonia di assegnazione dei premi ARGAV e PIROGA. Il premio Argav è stato deciso di assegnarlo all´attore-autore-regista, Marco Paolini “per la sua capacità di interpretare al meglio l’animo più vero delle genti e del territorio veneti”. Il premio Piroga, su indicazione della famiglia Soranzo, ospite della manifestazione, sarà invece assegnato all’imprenditore vitivinicolo Roberto Paladin  di “Cantine  Paladin Grandi Vini“. Autore del  premio Argav è lo scultore Mauro Marcato. Seguirà la parte “ludica” dell´incontro, con il tradizionale pranzo di Natale per gli auguri di buone festività con famiglia e amici. Le adesioni vanno inviate entro mercoledì 9 p.v. alla segreteria Mirka, via e-mail: argav@fastwebnet.it.

Marco Paolini (2009)

Conosciamo meglio Marco Paolini, vincitore del Premio Argav 2010. Nato a Belluno nel 1956, Marco Paolini  è attore teatrale, regista, drammaturgo e autore. Paolini, i cui spettacoli sono per la gran parte sviluppati in monologhi spesso recitati in lingua veneta – è considerato uno dei massimi esponenti della cosiddetta “prima generazione” di quel “quasi-genere” solitamente definito come teatro di narrazione: un teatro che, sulla scia della lezione del Mistero Buffo di Dario Fo, si fonda sul racconto di un performer che – senza trucco, costumi o scenografia – assume la funzione di narratore, con la propria identità non sostituita, cioè senza interpretare un personaggio. Negli anni novanta Paolini ha iniziato a collaborare con la Cooperativa Moby Dick – Teatri della Riviera con cui ha realizzato spettacoli come Il racconto del Vajont, Appunti foresti, Il milioneQuaderno veneziano di Marco Paolini e i Bestiari (raccolta di spettacoli dedicati al recupero della cultura locale, in particolare veneta). Proprio grazie a Il racconto del Vajont Paolini arriva al grande pubblico; lo spettacolo vince nel 1995 il Premio Speciale Ubu per il Teatro Politico, nel 1996 il Premio Idi per la migliore novità italiana e nel 1997 l’Oscar della televisione come miglior programma dell’anno per la trasmissione televisiva sulla tragedia del Vajont, trasmessa da Rai 2 in diretta dalla diga del Vajont il 9 ottobre 1997, anniversario del disastro . (Fonte Wikipedia)

Roberto Paladin

Conosciamo meglio Roberto Paladin, vincitore del Premio Piroga 2010. Le Cantine Paladin Bosco del Merlo si trovano ad Annone Veneto (VE), al confine tra Veneto e Friuli. Qui, lungo l’antico percorso della strada consolare Postumia, sulle argille calcaree formatesi durante l’ultima glaciazione ad opera del fiume Tagliamento, sono posti a dimora i vigneti, adottando le più moderne tecniche viticole. La storia dell’azienda inizia nel 1962 con Valentino Paladin e conosce un’inarrestabile crescita, grazie alle energie profuse dai figli Carlo, Lucia e Roberto, eredi di anni di felici e proficue esperienze “sul campo”. Nel 1977 l’acquisto dei primi terreni ad Annone Veneto, in un territorio da sempre noto per la produzione di uve di altissima qualità, segna la nascita dell’azienda agricola Bosco del Merlo, nome che risulta nelle carte topografiche in memoria delle foreste di roveri che anticamente ricoprivano il territorio. Gradualmente, i vecchi vigneti presenti nel podere vengono sostituiti con impianti di concezione moderna, grazie ad una proficua collaborazione con l’Istituto Sperimentale per la Viticoltura di Conegliano. Roberto Paladin si occupa della distribuzione nel mercato nazionale e dell’organizzazione sul territorio di oltre 60 agenti, che propongono i vini Paladin, Bosco del Merlo e Vèscine alla migliore ristorazione e ai più prestigiosi wine-bar ed enoteche d’Italia. Promuove la presentazione dei vini alle fiere nazionali e agli eventi di settore, consapevole dell’importanza del contatto diretto con i clienti e il pubblico. (Fonte Cantine Paladin Grandi Vini)

Prossimo Direttivo Argav: 30 novembre 2010 nella sede di Confagricoltura Vicenza

In continuità con l’intento preso a inizio 2010 dal Direttivo Argav , presieduto dal Presidente Fabrizio Stelluto, di tenere i propri Consigli itineranti nelle varie province del Veneto e Trentino, in modo da avere l’opportunità di incontrare Organizzazioni e Istituzioni legate per finalità all’attività dell’associazione, il prossimo Direttivo è stato fissato per martedì 30 novembre alle ore 18:45 presso la sede di Confagricoltura di Vicenza (via  Trento, 197, tel 0444-288588 – uscita Vicenza Ovest).

11 dicembre 2010: appuntamento di fine anno per i soci Argav a “La Piroga” di Selvazzano (PD). Nell’occasione, consegnato il premio Argav 2010 all’attore-autore Marco Paolini.

Convivi Argav: Pranzo di Primavera, da sx Fabrizio Stelluto, Mirka Cameran Schweiger, Agnese Soranzo de La Piroga

Siamo arrivati a fine 2010 e, come di consueto, i soci Argav si ritroveranno per festeggiare insieme le festività natalizie e fare il punto sull’attività annuale dell’associazione. L’incontro è fissato per sabato 11 dicembre p.v., all’ Hotel Ristorante “La Piroga” di Selvazzano Dentro (Padova). Alle ore 10,00 si terrà l’Assemblea  dei soci per una verifica del lavoro svolto  e per indicare le direttrici dei prossimi 12 mesi. Alle ore 12,00 è prevista la cerimonia di assegnazione dei premi ARGAV e  PIROGA.

Marco Paolini 2009

Il premio Argav è stato deciso di assegnarlo all’attore-autore, Marco Paolini. Il premio Piroga  sarà invece assegnato di concerto con la famiglia Soranzo, promotrice del riconoscimento. Autore del  premio Argav è lo scultore Mauro Marcato. Seguirà la parte “ ludica” dell’incontro, con il tradizionale pranzo di Natale per gli auguri di buone festività (costo: € 25,00 a testa). N.B.: le adesioni vanno inviate alla segreteria Mirka, via e-mail argav@fastwebnet.it o telefonando al n. 339/6184508. I soci Argav e familiari sono invitati a partecipare!

Quote 2011. Il consiglio direttivo A.R.G.A.V., nella sua più recente riunione, ha dovuto anche adeguare le quote associative per il 2011, che  vengono fissate in: € 35,00 per i rinnovi, € 40,00 per le nuove iscrizioni. Tali quote sono da inviare a: Cassa di Risparmio del Veneto Spa FILIALE  DI PADOVA 01612 Piazza Giovanni XXIII 35139 Padova CODICE IBAN IT45 N062 2512 1081 0000 005214 BIC     IBSPIT2P INTESTATO A : ARGAV VENETO E TRENTINO ALTO ADIGE c/o Cameran Mirka via San Pietro N. 80, 35139 Padova.

Rapporti Africa-Europa. Nel “Nord-est” africano, opportunità per l’Italia

Incontro Argav-Wigwam 18/06/10: a parlare, da sx Katia Mazzucato, Fabrizio Stelluto, Giancarlo Scottà

(di Pietro Bertanza, Vice Presidente Argav) In questo caso lo dobbiamo proprio dire: il mal d’Africa esiste! Lo ha dimostrato Katia Mazzucato (manager italiana a capo del progetto Greenoil) durante l’incontro Argav-Wigwam di venerdì scorso (18/06/2010) moderato da Fabrizio Stelluto, Presidente Argav, nella splendida cornice del circolo di campagna ad Arzerello (Padova).

Benin e Togo : ad Ovest il “nordest” dell’Africa. L’imprenditrice italiana ha illustrato, ad una platea attenta e preparata, il suo progetto per la realizzazione in Togo e Benin di un’impresa agroenergetica per la produzione di olio da piante di Jatropha curcas destinato ad alimentare gli impianti dei consorziati Greenoil per la generazione in Italia di energia elettrica. Il programma di lavoro prevede la coltivazione di 15.000 ettari con una pianta non food, la Jatropha curcas appunto, nei territori lasciati incolti dell’Africa occidentale, che si potrebbe definire “il Nord-est africano”, e la commercializzazione dell’olio combustibile in Italia per una produzione totale di energia pari a 25MW. Progetto che prevede investimenti sino a 20 milioni di euro. Mazzucato non ha lasciato nulla al caso e lo dimostra con numeri, dati e competenza rispondendo alle continue domande degli astanti incuriositi e rapiti dal progetto.

Jatropha curcas

Utilità sociale. Non solo aspetti economici per il progetto: infatti, è stata dedicata particolare attenzione anche all’aspetto occupazionale e di sviluppo socio economico del comparto agricolo nei paesi africani. In particolare, le piantagioni sono state progettate per essere coltivate e gestite interamente manualmente e per consentire all’agricoltore e alla sua famiglia di realizzare proprie coltivazioni agricole nella modalità Intercropping (coltivazione di specie intrafilare) nelle aree dell’azienda agroenergetica. Ciò favorirà inoltre una maggiore fertilità del terreno.

La visione europea. L’incontro è proseguito con l’intervento di Giancarlo Scottà (deputato al Parlamento Europeo, vicepresidente della Delegazione all’assemblea parlamentare paritetica ACP-UE – ndr Africa Caraibi Pacifico, Unione Europea) che ha portato la sua esperienza in campo europeo. Scottà ha raccontato le sue visite in Africa e le varie opportunità anche per gli imprenditori italiani. L’onorevole ha continuato il suo intervento toccando un problema assai annoso: la definizione del rischio nei Paesi in via di sviluppo. Infatti molte sarebbero le potenzialità del territorio africano per l’agricoltore, ma che spesso non conosce bene la realtà o è legato a stereotipi di vecchia data che vuole l’Africa “il Paese nero”.

Incontro Argav-Wigwam 18/06/10: da sx, Katia Mazzucato, Fabrizio Stelluto, Giancarlo Scottà

La questione DO. La serata Argav è continuata all’insegna delle denominazione di origine e della nuova legge in via di approvazione in sede europea. Infatti Scottà è anche membro della commissione agricoltura europea. L’europarlamentare ha subito rassicurato che le diciture doc, docg e igt saranno mantenute e che non c’è pericolo per la Nutella. Ultima questione affrontata e che tiene banco in Europa è la Pac (Politica agricola comune) post 2013. Scottà ci ha solo riferito che sono stati presentati più di 1.200 emendamenti alla proposta di legge… Sarà un bel dibattito.

Alcuni numeri del progetto greenoil. 15.000 ettari piantati a Jatropha Curcas, 48.000.000 piante messe a dimora,
355.958 tonnellate di olio combustibile, 917.855 tonnellate di panello da usare come combustibile, 2.743 nuovi posti di lavoro fissi in Africa.

Come di consueto, al termine dell’incontro i presenti hanno potuto godere dell’ospitalità dello chef e padrone di casa Efrem Tassinato.

Incontri formativi Argav: il 15 giugno ad Arzerello si parla di Mose

Mose - Malamocco verso il mare

In vista della visita che i soci Argav faranno prossimamente ai cantieri del Mose, martedì 15 giugno alle ore 19:00 si svolgerà nella consueta sede del circolo Wigwam Arzerello di Piove di Sacco (Pd) una serata di confronto e dibattito su questa grande opera di ingegneria idraulica veneziana, tornata di recente sulla scena mediatica internazionale. A condurre l’incontro sarà il socio Massimo Marco ROSSI, che ha avuto modo di produrre numerosi materiali sulla questione ed esporrà ai presenti i propri risultati. Nell’occasione, chi desidera potrà fermarsi a cena con contributo di € 15,00 (necessaria conferma allo 049 9703015).