• Informativa per i lettori

    Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all' uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu
  • Post più letti

  • Archivio articoli

La Cultura del Fosso/2. Un equilibrio naturale da ripristinare e rispettare.

Ecco il secondo racconto legato a “La Cultura de Fosso“, progetto educativo 2019-2020 delle “Comunità Solidali e Sostenibili” realizzato dall’associazione Wigwam, con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e della Regione del Veneto, la collaborazione di 9 comuni e la partecipazione di una ventina di associazioni. Titolo di questo secondo racconto, scritto da Adriano Smonker: “ll fosso in tutte le sue componenti rappresenta una dimensione da recuperare, essendo una vera miniera della biodiversità“.

Primavera dintorno brilla nell’aria, e per li campi esulta, sì ch’a mirarla intenerisce il core… Così Giacomo Leopardi nella poesia “Il passero solitario” che tutti abbiamo studiato da piccoli. Confesso che ancora adesso, che di anni ne ho più d’uno, ogni volta che si affaccia all’orizzonte la primavera mi vengono in mente questi bei versi, assieme alla visione di me bambino che costeggia la strada sterrata di via Giorato per andare a scuola nell’ex Municipio di Ponte San Nicolò (in provincia di Padova, ndr), lungo il fosso costellato già dai primi crocuse dalle prime violette. Eh si, mi vien da sospirare: c’era una volta il fosso… proprio come nelle favole, e mi vien quasi da commiserare i bambini di oggi che non l’hanno conosciuto.

Cosa mai può sapere, infatti, un bambino nato in questa nostra èra ultramoderna e super tecnologica, delle bellezze che si celavano dentro ad un umile fosso, dove il nonno giocava a rimpiattino d’estate e slisegava (scivolava ndr) sul ghiaccio con le sgalmare (tipo di zoccolo, ndr) chiodate d’inverno? Un tempo erano i fossi i veri luna park di noi ragazzi, con le loro rive ombrose piene di nidi, di richiami, di cori di raganelle la sera, e gli intricati canneti dove si mimetizzavano guardinghi ogni sorta di uccelli acquatici e le grandi pozze dove pescavamo a mani nude. Mi dite, per favore, dove sono finiti i fossi? Ebbene sì, purtroppo in gran parte sono scomparsi, seppelliti sotto montagne di cemento per farne marciapiedi, intubati come ammalati in fin di vita dentro enormi condotte, inquinati dai diserbanti o coperti da orribili teli neri di plastica per soffocarli del tutto fin nelle profondità. Un De profundis vero e proprio da funerale di prima classe.

Eppure, quanti proverbi e quante canzoni popolari ne decantavano la bellezza e la salubrità come fossero dei piccoli angoli di paradiso! La bela la va al fosso/ ravanèi, remulass, barbabietui e spinass/ tre palanche al mass/ La bela la va al fosso/ al fosso a resentar… (Sì, provaci oggi, a resentar!). Nel ferrarese si diceva che: a San Valentin el luth (il luccio) mena el codin. Da noi, ironicamente, si malignava: chi nasse tacà a on fosso, spussa sempre de freschin (chi nasce vicino ad un fosso, puzza sempre di pesce, ndr). E ad un cristiano poco osservante: basa sto Cristo o salta sto fosso. E via discorrendo. Altri tempi davvero.

I nobili della Serenissima che investivano fior di zecchini sulla terraferma ben sapevano dell’importanza dei fossi e relative canalizzazioni e, prima ancora di costruire le loro spaziose dimore, da bravi veneziani pensavano innanzitutto a sistemare i corsi d’acqua. Ancora oggi molte di quelle terre dissodate recano i nomi dei Contarini, dei Gradenigo, dei Priuli, dei Barbarigo, dei Pesaro, dei Grimani, assieme a quelle splendide fattorie agricole che sono state le loro ville, circondate da “Barchesse” spaziose per la raccolta dei prodotti dei campi. E lo stesso facevano i monaci e i numerosi Ordini religiosi maschili e femminili che pullulavano nel nostro territorio, con tanto di chiese, conventi e abbazie di prim’ordine. Pure il Prato della Valle, se ci pensate, fu bonificato da un veneziano, il Provveditore Andrea Memmo, che si inventò la famosa canaletta di scolo attorno all’isola “Memmia” appunto, per lo scorrimento delle acque.

Il fosso dunque, in tutte le sue componenti rappresenta una dimensione da recuperare nelle nostre campagne, essendo una vera miniera della biodiversità, un microcosmo insostituibile sia per la flora che per la fauna. E pare lo abbia capito finalmente anche la Regione Veneto che, se prima incentivava le colture intensive con l’abbattimento dissennato di alberi e siepi e l’interramento dei fossati per ampliare i campi arativi ora ne promuove il ripristino. In Normandia questo tipo di territorio lo chiamano “Bocage”, boschetto, un misto tra prato, bosco, terreno agricolo e prativo, con tutti i vantaggi che ne conseguono dal punto di vista sia ambientale che turistico.

Per la flora del fosso, sono tre le sezioni da osservare: la parte sommersa nell’acqua, dove radicano le ninfee e le piante palustri come l’iris, che svolgono attività di fitodepurazione; quella di superficie, dove si possono formare dei veri tappeti verdi di microalghe e di felci; quella di sponda dove crescono i fiori e ogni tipo di erbe e di piante, come l’equiseto e la valeriana. Per non parlare della fauna: nel fondale melmoso (il culo del fosso) proliferano ogni sorta di batteri, di anellidi, di larve e di molluschi; nell’acqua corrente vivono piccoli crostacei come le schie, edinsetti come le libellule, le zanzare, i ragni d’acqua (chiamati anche gerridi, dalle lunghe zampe per pattinarvi sopra) assieme naturalmente ai pesci, che sono dei vertebrati predatori, come le raìne, le tinche, le alborelle, i lucci e il pesce gatto.
Un mio coetaneo mi ha raccontato che una volta, d’inverno, quando l’acqua dei fossi era bassa e ghiacciava, poteva addirittura capitare che qualcuno di questi pesci rimanesse intrappolato nel ghiaccio e passasse così dal… frigorifero alla padella, per la gioia di un’intera famiglia. Tanta era la fame a quei tempi.

A metà strada, infine, fra l’acqua e la riva se la spassano gli anfibi come le rane, i rospi, i tritoni, simili alle lucertole. Senza contare gli alberi che crescono lungo le sue rive come il salice, l’ontano, il sambuco, il giunco, rifugio di infinite varietà di uccelli: merli, tordi, pettirossi, capinere, cince, fringuelli e relativi predatori come le civette. E’ la famosa “piramide ecologica” di cui tanto si parla e che si conclude con i mammiferi, dal tasso ai ricci, ai mustelidi come la donnola e la faina, così comuni un tempo nelle nostre campagne e flagello dei pollai.

Ecco, è tutto questo equilibrio naturale, fragile e delicato, che noi dobbiamo cercare di ripristinare e rispettare se non si vuole che una specie prevarichi sull’altra, a danno delle più deboli che possono persino essere estinte per sempre.

Per chi volesse leggere il primo racconto, può farlo a questo link

Da oggi, anche nel nostro sito i racconti sulla cultura del fosso raccolti dall’Associazione Wigwam per il progetto “Comunità Solidali e Sostenibili”

Da oggi iniziamo a pubblicare settimanalmente dei racconti che l’associazione Wigwam ha raccolto nell’ambito della didattica de “La Cultura del fosso”, progetto educativo 2019-2020 “Comunità Solidali e Sostenibili” realizzato dall’associazione Wigwam, con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e della Regione del Veneto, la collaborazione di 9 comuni e la partecipazione di una ventina di associazioni. A Wigwam, e ad Efrem Tassinato che la presiede, va il nostro grazie per la gentile concessione degli scritti, preziose memorie di un tempo che, confidiamo, possa tornare, anche se in modo diverso.

Iniziamo dal racconto di Antonio Giraldo, “I fossi di scolo – La poesia di un umile fosso, un universo di biodiversità che fa ritrovare il senso vero della vita“.

Ho molti ricordi dei fossati nel mio essere bambino. Qui, dove abito ancora, era tutto un intreccio di fossi più o meno pieni, anche d’estate… Ricordo l’acqua che sembrava sorgiva da tanto limpida. Era corrente, con dentro, vari tipi di pesce, guizzanti e pieni di energia. Quando ancora non c’erano tutti questi divieti, seguivo mio padre che andava a rane, di notte. I fossi ne erano pieni e al calar della sera si udiva un coro, alternato o a tempo unisono… era bello ascoltarle. O quando era in arrivo un temporale, allora erano più insistenti e annunciavano la pioggia. Dai fossi uscivano anche i molteplici rospetti, che quando pioveva saltellavano ovunque destando allegria.

Mi ricordo le tante tartarughe con al seguito le tartarughe piccine con il loro camminare un po’ impacciato, che si rovesciavano al minimo filo d’erba un po’ più robusto. Allora la mamma tornava indietro a rigirarle. I ramarri, fermi fra l’erba a godersi il sole, destavano curiosità e nel contempo tenerezza.

Quante volte ho passato i pomeriggi all’ombra degli alberi lungo il fosso. Seduto ammiravo la meravigliosa natura e sospiravo perché ne comprendevo la grandezza. Immagini, visioni di altri tempi, quando bastava poco per essere contenti. I fossi, allora, venivano puliti e se non potevano i proprietari, ci pensavano le autorità comunali con l’impiego di persone a casa dal lavoro. Il fondo del fosso era pulito, sempre e le sue rive abbondavano di alberi che poi sarebbero serviti come combustibile d’inverno.

Ricordo che quando andavo, con la mia biciclettina rossa, a scuola comunale, (dove ora sono le medie) per arrivare fino in piazza, due profondi fossi laterali mi accompagnavano fino a dove ora c’è il bar e i magazzini Livio. Un po’ dappertutto c’erano i fossi, necessari per il defluire delle acque che, partendo dalla piazza, venivano convogliate fino allo Scolo e da lì, fino alla Schilla. Certo i fossi riportano anche immagini tristi quando nel 1966 arrivò l’alluvione. Ma anche in quel contesto ebbero la loro parte importante perché basta pensare a cosa sarebbe accaduto se non ci fossero stati… l’acqua sarebbe stata più alta e non ci sarebbe stato modo di farla defluire in fretta.

Anche oggi, nonostante il progresso e l’evoluzione, i fossi sono ancora importantissimi. Il vivere odierno, per svariati motivi, ha portato al loro riempimento, con tubi e fessure, per fare defluire l’acqua e quindi lo spazio riservato alla stessa non è più quello. In questo tempo è cambiato un po’ tutto, noi per primi. Non ci sono più tartarughe sulle rive dei fossi, né rospi, né rane. Il loro posto è stato preso dal granchio rosso della Louisiana.

Che bello sarebbe potere ancora udire quel gracidare sul far della sera e vedere i girini guizzare nei fossi, nell’acqua per la quale avevamo il rispetto più profondo essendo, essa, parte di noi, del nostro cibo, della nostra sete quotidiana, della nostra pulizia. I fossi, i fossi… dove vivo tuttora ne sono circondato ma è tutto un po’ lasciato andare come accade quando si vive senza amore.

22 marzo 2020, in occasione della Giornata mondiale dell’Acqua, Wigwam e 9 comuni del Padovano insegnano ai giovani la cultura del fosso

Oggi, domenica 22 marzo, in occasione della Giornata mondiale dell’Acqua, ricorrenza istituita nel 1992 dalle Nazioni Unite in occasione della Conferenza di Rio per ricordare a tutto il mondo l’importanza di questa risorsa, 9 comuni del Padovano – Arzergrande, Bagnoli di Sopra, Brugine, Casalserugo, Legnaro, Ponte San Nicolò, Sant’Angelo di Piove di Sacco, Vigodarzere e Vigonza – insieme a Wigwam lanciano l’iniziativa “La cultura del fosso e il rispetto dell’acqua“.

A chi è rivolta. Soprattutto a bambini e ragazzi, l’iniziativa invita a realizzare un elaborato che descriva, narri, documenti il valore ambientale e/o storico, culturale dei fossi del territorio e dell’importanza dell’acqua attraverso parole, immagini e pensieri. Viene lanciata anche la proposta di arricchire terrazzo o giardino di orticelli, aiuole pensili e raccolta di acque piovane per le piccole irrigazioni con materiali di riciclo. Un compito da svolgersi a casa a cui seguirà, quando i tempi lo consentiranno, da un’escursione all’aperto.

Regolamento. Raccolta dei lavori entro il 30 Maggio 2020; a tutti sarà riconosciuto un attestato di partecipazione; gli elaborati migliori comporranno una pubblicazione presentata in un convegno intorno al 10 Settembre; il progetto, per Wigwam, è coordinato da un gruppo di operatori (Anita, Luca e Irene) che daranno supporto tramite la pagina FB Wigwam Green Children; info: direzione@wigwam.it | WhatsApp +39 333 3938555.

L’attività si inserisce nel progetto “Comunità solidali e sostenibili”, che ha per capofila l’associazione Wigwam Aps Italia ed è realizzato con il sostegno con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nonché dalla Regione Veneto.

Fonte: Comune di Arzegrande/Legnaro

 

 

Covid-19 e virus della stupidità: distrutte le zatterine sperimentali per l’attività di educazione ambientale di Wigwam

Anche in tempi di emergenza globale di Coronavirus imperversante, gli atti di gratuita stupidità non si placano. La notte scorsa, almeno un paio di persone si è presa la briga di distruggere parte delle zatterine per le attività di educazione ambientale di bimbi e ragazzi di Veneto e Friuli Venezia Giulia che saranno lanciate in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo 2020. Prototipi che Rete Wigwam sta sperimentando presso la propria sede nazionale ad Arzerello di Piove di Sacco (Pd).

Aiole galleggianti. Le zatterine, tenute in galleggiamento da bottiglie di plastica riciclate, sono delle vere e proprie aiole galleggianti che, nella loro finalità didattica, mirano a rendere consapevoli i più giovani ed attraverso loro, le rispettive comunità di appartenenza, sulla necessità di prendersi cura dell’ambiente, ad iniziare dal mantenimento in salubrità di fossi e rogge e del rispetto delle piante, erbacee e non, che assolvono alla fitodepurazione delle acque.

Nella mattinata del 17 marzo 2020 la sorpresa: la pozza dei Bimbi Botanici del Wigwam si è presentata con ormeggi tagliati, zatterine capovolte, piantine di fragole con la loro zolla disperse sul fondo e, in buona sostanza, lavoro da rifare. Tutt’intorno: mozziconi di sigaretta, lattine di bibite energetiche e bottiglie di vino frizzante sparpagliate qua e là, ovviamente, rigorosamente vuote.

Cosa dire? La stupidità del gesto si commenta da sola. Ma una considerazione va fatta perché questa, in fondo piccolissima cosa, rappresenta la metafora di ciò che il dilagare del Coronavirus Covid-19 sta rendendo palese a livello generale. Il meccanismo è lo stesso: il vuoto di valori genera il venir meno del senso civico, quindi disprezzo verso tutto ciò che è bene comune o, per ignoranza non si comprende oppure ancora, non è predabile per il proprio ottuso tornaconto.

I progetti per cui Wigwam sta sperimentando questi particolari ausili didattici chiamati “zatterine” hanno per titolo “Comunità Solidali e Sostenibili” con comuni, associazioni, Regione del Veneto e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e “Costruire Comunità Consapevoli” con Ministero dell’Ambiente, Guardia Costiera e Scuole e Comuni della Riviera Friulana. Si aggiunge, quale prezioso supporto per la comunicazione, UNAGA – l’Unione Nazionale dei Giornalisti Agroalimentari e Ambientali e le rispettive associazioni regionali, tra cui Argav. Dai titoli dei progetti traspare che non sarà solo educazione ambientale in senso stretto, bensì anche di educazione ad essere comunità solidale, unico vero vaccino contro la stupidità e il vuoto cosmico nelle coscienze.

Fonte: Servizio stampa Wigwam

Fioriere galleggianti di plastica riciclata e canna di bambù con piante palustri per abbassare il contenuto da derivati di azoto nelle acque il progetto educativo Wigwam e Ministero Ambiente a Caffaro di Torviscosa, in Friuli-Venezia Giulia

Torviscosa

Con l’incontro del 14 febbraio scorso alla scuola secondaria di primo grado IV Novembre di Torviscosa (Ud) è ufficialmente partito il progetto educativo di Rete Wigwam e Ministero dell’Ambiente, mirato alla consapevolizzazione sui temi ambientali, della popolazione scolastica residente intorno all’area SIN (Sito contaminato di Interesse Nazionale) Caffaro di Torviscosa nella Riviera Friulana.

Fioriere galleggianti. L’avvio del progetto è stato presentato dal Matteo Burattin, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo insieme alle insegnanti Manuela Verona e Alessia Buso e da Efrem Tassinato, giornalista e agronomo, presidente di Rete Wigwam e socio Argav, con Giovanni Cecconi, ingegnere idraulico e direttore del Venice Resilience Lab delle Comunità Locali Wigwam della Laguna veneziana. Il progetto educativo, che coinvolgerà direttamente circa 200 studenti e, indirettamente, tutta la popolazione scolastica di Torviscosa e suoi dintorni, sarà incentrato su attività pratico-laboratoriali all’aperto e in aula per il supporto teorico, consistenti nella realizzazione di fioriere galleggianti. Esse saranno assemblate con bottiglie di plastica riciclate unite da canna bambù, sulle quali saranno messe a dimora le tipiche piante palustri, come la tifa e la canna palustre ma anche orticole, come il carciofo che, attraverso le radici avranno il potere di sottrarre, abbassandolo, il contenuto dei derivati dell’azoto presenti nelle acque.

Le attività vedranno convolti in primis la Wigwam Local Community della Riviera Friulana nel cui territorio si trova la SIN Caffaro di Torviscosa; le scuole facenti parte dell’Istituto Comprensivo “Università Castrense” di San Giorgio di Nogaro; la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera, Direzione Marittima di Trieste / Ufficio Circondariale Marittimo di Porto Nogaro; l’Istituto di Ricerca Riconosciuto Agriteco di Venezia-Marghera; l’Unione Nazionale dei Giornalisti Agroalimentari e Ambientali e la sua associazione regionale ARGA Friuli Venezia Giulia ed infine, per la sua consolidata esperienza, il Venice Resilience Lab delle Comunità Locali Wigwam della Città di Venezia e di Venezia-Marghera.

Fonte: Servizio stampa Wigwam Nazionale

Wigwam e bombe ecologiche: parte il progetto per il Sito contaminato di interesse nazionale Caffaro di Torviscosa (UD) con Ministero dell’Ambiente

Il 2020, per Rete Wigwam inizia con un nuovo progetto, risultato vincitore di un bando del Ministero dell’Ambiente, mirato alla consapevolizzazione sui temi ambientali, della popolazione scolastica residente intorno all’area SIN (Sito contaminato di Interesse Nazionale) Caffaro di Torviscosa nella Riviera Friulana.

Il progetto, che sarà realizzato con un contributo del Ministero destinato alle associazioni riconosciute che operano nel settore ambientale, si inserisce nell’azione di educazione ambientale destinata alle scuole più sfortunate, quelle situate all’interno dei 41 siti contaminati d’interesse nazionale, che sono tra i luoghi più inquinati d’Italia e nei cui territori docenti e alunni si trovano a dover combattere una quotidiana battaglia contro l’inquinamento e il degrado ambientale.

Le attività, vedranno convolti in primis la Wigwam Local Community della Riviera Friulana nel cui territorio si trova la SIN Caffaro di Torviscosa; le scuole facenti parte dell’Istituto Comprensivo “Università Castrense” di San Giorgio di Nogaro; la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera, Direzione Marittima di Trieste / Ufficio Circondariale Marittimo di Porto Nogaro; l’Istituto di Ricerca riconosciuto Agriteco di Venezia-Marghera; l’Unione Nazionale dei Giornalisti Agroalimentari e Ambientali e la sua associazione regionale ARGA Friuli Venezia Giulia ed infine, per la sua consolidata esperienza, il Venice Resilience Lab delle Comunità Locali Wigwam della Città di Venezia e di Venezia-Marghera.“Ogni rivoluzione – afferma il ministro dell’Ambiente Sergio Costa non può non partire dai piccoli gesti quotidiani di tutti noi. Cambiare il paradigma ambientale si può, a partire dalle nuove generazioni. Ritengo fondamentale promuovere il più possibile l’educazione ambientale e penso che con questi progetti finanziati dal Ministero si possa dare il via a una transizione ecologica solida. Con il valido supporto delle associazioni ambientaliste si può scrivere una nuova pagina anche in alcuni dei territori più inquinati d’Italia, quelli che ricadono nei SIN, dove cittadini, insegnanti e alunni devono combattere quotidianamente contro l’inquinamento, una piaga che con la conoscenza, la consapevolezza e l’entusiasmo dei fanciulli può essere progressivamente sconfitta”.

Fonte: Servizio stampa Wigwam

Stasera al Wigwam di Arzerello di Piove di Sacco (PD) corso per giornalisti Odg-Argav sulle api, al termine si parla di come gustare al meglio il “museto” e dei trovatori medievali

Fabrizio Stelluto, presidente Argav, mentre modera l’incontro ad Arzerello (foto di archivio)

Una scoperta ed una nuova “chiave di promozione del territorio” è proposta dal libro “I trovatori alle corti di Este, Calaone e Ferrara, il più importante focolaio trobadorico del XIII secolo” che l’autrice, la socia Argav Luisella Fogo, presenterà stasera, venerdì 31 gennaio nella consueta sede del circolo di campagna Wigwam ad Arzerello di Piove di Sacco (PD), in via Porto 8. A seguire sarà con noi anche Matteo Guidolin, presidente Ingorda Confraternita del Museto, che guiderà ad una piccola degustazione del ghiotto insaccato. Contribuiscono alla degustazione Italbontà di Codevigo (musetto) e Pastificio Artusi di Casalserugo (gnocchi di patata alle rape rosse).

La serata prenderà avvio alle ore 19 con il corso, aperto a tutti, Api ed insetti impollinatori in un ambiente che cambia”, moderato dal presidente Argav Fabrizio Stelluto, relatori: Paolo Fontana (ore 19.10), entomologo Fondazione Edmund Mach, presidente World Biodiversity Association “Api, clima e ambiente”; Michele Merella (ore 19.40), presidente Apidolomiti, “L’apicoltura nel bellunese, uno strumento per lo sviluppo territoriale”; Franco Mutinelli (ore 20.10), Istituto Zooprofilattico delle Venezie – Direttore Centro Referenza Nazionale Apicoltura, “Lo stato di salute delle api ”; Emanuele Rigato (ore 20.40), co-founder start up Smart Bugs, “Il progetto di ricerca BeeOShield”. Per gli iscritti all’Ordine dei Giornalisti, il corso darà diritto a 2 crediti formativi.